master online infermieri

Assistenza infermieristica, tecnologie

Tecnologie infermieristiche, le tecniche più comuni e le procedure come l'iniezione intramuscolare, il cateterismo vescicale, le medicazioni la terapia infusionale e tante altre.

 

Una siringa che prevenga la puntura accidentale è un prodotto interessante, se ci capita una puntura accidentale si devono fare i controlli sierologici e inizia un attesa angosciante per il timore di essersi infettati.

Un tipo di siringa interessante che ho avuto modo di provare è la Vanishpoint, una siringa che al termine dell'iniezione, retrae l'ago a scatto in un istante.

Il biofilm come dice il termine è uno strato sottile di origine biologica, ma nel nostro caso è colonizzato da microrganismi la sua identificazione ha richiesto di superarare barriere concettuali e tecnologiche.

Il primo concetto è il passaggio da immaginare i batteri diffusi come se fossero plancton a batteri diffusi su di ed entro una superficie, poi il secondo concetto è identificarli come tali e non è stato semplice.

Lo studio randomizzato porta a confronto due tipologie di medicazione del catetere venoso periferico (cvp), una medicazione standard ed una che vede nel punto di ingresso dell'agocannula l'apposizione della colla in cianoisoacrilato.

Questa colla l'ho vista applicare sul PICC con risultati interessanti, adesso se l'utilizzo si estende per le ago cannule potrebbe essere un?opzione in più, lo studio però mi lascia dei dubbi.

Il malposizionamento, o una dislocazione riferita ad un CVC, si verifica dopo più giorni, quando ad un controllo radiologico l'apice del CVC/PICC non più in prossimità dell'atrio destro.

Il catetere si è malposizionato/dislocato quando l'apice si trova in un altra vena, giugulare, vena controlaterale, azygos o la mammaria, la possibilità che la dislocazione sia causa del flush può dare fastitio, ma essere responsabili richiede di sapere anche quando si fanno cose che comportano dei rischi.

C'è uno studio che offre una risposta certa.

Il Needleles Connector è noto come tappino a pressione ha un ruolo chiaro nella prevenzione delle punture accidentali degli operatori sanitari.

Il tappino a pressione sostituisce l'uso degli aghi come connettori sui tappini perforabili per le infusioni. Aghi che di solito essendo usati  con farmaci non hanno carica virale, inoltre si riduce il costo dell'uso di otturatori usa e getta che si buttano con il raccordo diretto al luer lock.

La manipolazione e l'uso dei tappini a pressione deve essere effettuato da personale formato dato che la superficie esterna del tappiclno a pressione è sterile solo quando lo  e si togli dalla confezione, poi si contamina. Si stanno studiando protocolli di analisi colturale del tappino.