Assistenza infermieristica, tecnologie

Tecnologie infermieristiche, le tecniche più comuni e le procedure come l'iniezione intramuscolare, il cateterismo vescicale, le medicazioni la terapia infusionale e tante altre.

 

Il malposizionamento, o una dislocazione riferita ad un CVC, si verifica dopo più giorni, quando ad un controllo radiologico l'apice del CVC/PICC non più in prossimità dell'atrio destro.

Il catetere si è malposizionato/dislocato quando l'apice si trova in un altra vena, giugulare, vena controlaterale, azygos o la mammaria, la possibilità che la dislocazione sia causa del flush può dare fastitio, ma essere responsabili richiede di sapere anche quando si fanno cose che comportano dei rischi.

C'è uno studio che offre una risposta certa.

Sbagliare una vena può creare un disagio importante nel nostro assistito e inoltre richiede di ripetere la procedura e quindi un interruzione dell'attività con ripetizione di tutta la procedura.

Un infermiere può sbagliare un accesso venoso per molti motivi, alcuni sono:

Il Needleles Connector è noto come tappino a pressione ha un ruolo chiaro nella prevenzione delle punture accidentali degli operatori sanitari.

Il tappino a pressione sostituisce l'uso degli aghi come connettori sui tappini perforabili per le infusioni. Aghi che di solito essendo usati  con farmaci non hanno carica virale, inoltre si riduce il costo dell'uso di otturatori usa e getta che si buttano con il raccordo diretto al luer lock.

La manipolazione e l'uso dei tappini a pressione deve essere effettuato da personale formato dato che la superficie esterna del tappiclno a pressione è sterile solo quando lo  e si togli dalla confezione, poi si contamina. Si stanno studiando protocolli di analisi colturale del tappino.

 

La risposta è sicuramente affermativa. La vera domanda è come implementare la simulazione nel curriculum formativo degli infermieri italiani. 
Gli esempi citati all'inizio di questo post mostrano che in Italia sono già presenti diversi Pionieri della Simulazione, vale a dire dei veri e propri innovatori, che si sono assunti il rischio di introdurre questa tecnica d'insegnamento all'interno dei loro corsi.