Questo mese esce sulla rivista Assistenza Anziani un mio articolo dal titolo "LESIONI NEL TALLONE Trattamento precoce del flittene: una proposta".

La proposta è tale perchè purtroppo online non ci sono pubblicazioni e quindi abbiate pazienza mi sono lanciato in questa impresa.

 

L'articolo è scaricabile dal forum LINK dove possiamo approfondire l'argomento.

La lesione del tallone allo stadio II è un flittene e spero di aver spiegato che può facilmente regredire e guarire.

Questo non toglie che esistono altre lesioni del tallone, ho visto che a volte compare una lesione nera e asciutta oppure ci possono essere flitteni che hanno un derma immediatamente necrotico e sicuramente esistono altre situazioni in cui le lesioni al tallone possono avere un esordio più o meno rapido dipendente dalle condizioni critiche del nostro assistito.

E' importante ricordarsi che il tallone è una parte abituata a resistere a tensioni forti e quando cede mostra tutta la sua vulnerabilità e i danni sono gravi per la posizione e le caratteristiche anatomiche.

La posizione, il recupero della deambulazione che diventa impossibile, anatomiche, il dolore e il rischio di infezione per un ipoderma molto vicino che è grasso e facilmente lascia passare contaminazioni microbiche o sostanze settiche.

Se leggete l'articolo, l'idea è semplice, facilmente attuabile, quindi valutate la vostra manualità e decidete cosa fare, però, dopo se constatate la guarigione del flittene sorge una domanda...

Se le lesioni da pressione possono guarire allo stadio II perchè tante lesioni gravi?

Ho chiesto il permesso alla rivista Assistenza Anziani di poter riproporre le foto per da poter favorire la discussione professionale.

Foto 1

flittene progressione escara tallone m

Clicca sull'immagine per ingrandirla

L'immagine sopra mostra i momenti diversi del flittene che sta diventando un escara nera.

 

ldp tallone dopo trattamento m

Clicca sull'immagine per ingrandirla

 

Questo è un flittene asciutto dopo risciacquo con iodopovidone come da descrizione nell'articolo, al punto 1 c'era una lesione nera, una necrosi che tale è rimasta, ma non si è estesa..

Foto fatta lo stesso giorno in cui l'epidermide secca si stacca, questo consente di osservare che le piccole aree marroni periferiche non erano dovute a necrosi, ma al colorante del disinfettante usato.

lesione tallone guarita m

Clicca sull'immagine per ingrandirla

 

Il punto che era già una lesione nera andrà poi trattato come una lesione necrotica ma la parte del flittene che non è necrotizzata si mostra sana ed integra, senza progressione di malattia.

 

 

Per commenti e discussioni usare il forum lesioni da pressione LINK, ovviamente in itinere, il tetto del flittene si può rompere, in questo caso va rimosso completamente e trattato con medicazioni a base di idrocolloide e nei primi giorni la si cambia regolarmente perchè molto secernente, mai medicazioni con garza e connettivina che favoriscono l'ambiente asciutoo in un derma delicato si formerebbero aree necrotiche.

 

Altri articoli sul tallone:

Flittene del tallone quanti tipi di lesioni?

Come medicare il flittene del tallone e guarirlo, piccola storia di uno studio non approvato

Eziologia della lesione da decubito del tallone, una fantaipotesi

Evoluzione di una lesione da pressione, osservazioni e commenti