master online infermieri

hospice paziente sediaNel 1989 l'infermiera Karen Lou Kennedy pubblicò un articolo sulla rivista Decubitus dove evidenziava la correlazione fra certe lesioni e le condizioni di fine vita dei pazienti. Il suo lavoro è stato il punto di partenza. Nel 2009 partecipò al panel di esperti che realizzarono il "SCALE Final Consensus Statement".

Il suo lavoro consente di comprendere ed organizzare al meglio l'assistenza infermieristica con obiettivi raggiungibili e con le risorse che abbiamo a disposizione.

Ti riporto la pagina web del suo sito liberamente tradotta in italiano:

Che cos'è una Kennedy Terminal Ulcers (KTU)?
E' un'ulcera da decubito che alcune persone sviluppano mentre stanno morendo.
 
Che aspetto ha un'ulcera terminale Kennedy?
Di solito si presenta sul sacro. 
Può essere a forma di pera, farfalla o ferro di cavallo. 
Può avere i colori rosso, giallo, nero o viola. 
I bordi dell'ulcera sono generalmente irregolari. 
Ha un inizio improvviso. 
Le due dichiarazioni che senti di più sono: 
1 "Oh, mio ​​Dio, non c'era l'altro giorno." 
2 "Ho lavorato venerdì, non c'era allora, ero fuori dal fine settimana e quando sono tornato lunedì lì era presente".
 
Come procede un Kennedy Terminal Ulcer?
Di solito inizia come un blister o uno stadio II e può passare rapidamente a uno stadio III o uno stadio IV. All'inizio può sembrare molto un'abrasione come se fosse una lesione da sfregamento, ma ha delle sfumature violacee. Può diventare più profondo e inizia a cambiare colore. I colori possono iniziare come un'area rosso / viola, quindi diventare gialli e quindi neri.
 
In che modo differiscono da altre ulcere da decubito?
Possono iniziare più grandi di altre ulcere da decubito, di solito sono inizialmente più superficiali e si sviluppano rapidamente in dimensioni, profondità e colore.
 
Che tipo di trattamento è meglio per un'ulcera terminale Kennedy?
Il trattamento per un'ulcera terminale Kennedy è lo stesso di qualsiasi altra ulcera da pressione con le stesse caratteristiche. Quello che vedi è ciò che tratti. 
Quando è nella fase della pelle intatta sbiancabile / o non sbiancabile l'obiettivo sarebbe quello di alleviare la pressione e proteggere l'area. 
Quando diventa una fase II o un'ulcera a spessore parziale di solito non c'è molto drenaggio e può essere indicato un film sottile, idrocolloide, schiuma o gel. 
Quando si tratta di una ferita a tutto spessore, fase III o IV, a seconda della quantità di drenaggio, è possibile utilizzare un idrocolloide, schiuma, gel o alginato di calcio. Se c'è tessuto necrotico slough (tessuto giallo) o eschar (nero, marrone, tessuto beige o marrone chiaro) potresti voler usare un agente sbrigliamento enzimatico. Se viene infettato clinicamente, potresti prendere in considerazione una medicazione con l'argento.
 
Cosa causa un'ulcera terminale Kennedy?
Ulteriori ricerche devono essere fatte su questo argomento. Tuttavia, un' idea è che potrebbe essere un problema di perfusione del sangue esacerbato dal processo di morte. 
La pelle è un organo, proprio come il cuore, i polmoni, i reni, i polmoni e il fegato. È il più grande degli organi del corpo ed è l'unico che si trova all'esterno del corpo. Può riflettere ciò che sta accadendo all'interno del corpo umano. Una teoria è che mentre le persone si avvicinano al processo di morte, gli organi interni iniziano a rallentare e vanno in quello che viene considerato un fallimento multiorgano. È qui che tutti gli organi iniziano a rallentare e non funzionano in modo efficiente come in precedenza. Nessuna sintomatologia particolare può essere rilevata tranne la pelle sopra prominenze ossee che iniziano a mostrare l'effetto della pressione in un arco di tempo più breve. Laddove rivolgersi a un paziente ogni due ore può essere sufficiente in una situazione piuttosto normale, ora può causare danni ai tessuti superficiali.
 
Può un'ulcera terminale Kennedy migliorare?

Sì e no.

La maggior parte di loro è no. Tuttavia, è noto il caso di un paziente che era terminale o alla fine della vita e il paziente o la famiglia hanno deciso di voler intervenire per via endovenosa o con alimentazione artificiale ad altre modalità decidendo che volevano tutti gli interventi disponibili. A quel punto ho saputo che il paziente aveva invertito questo fenomeno.

Quando è stata descritta una Kennedy Terminal Ulcer?
Nel marzo del 1989 il National Advisory Ulcer Pressure Panel organizzò la loro prima conferenza a Washington DC. 
 
La fascia d'età è così importante?
Sono necessarie ulteriori ricerche, ma tende ad essere un fenomeno geriatrico. Non sembra essere rilevante in pediatria. È riportato frequentemente in pazienti ospedalizzati
 
Che cosa si intende per sindrome delle 3:30?
Viene presentata come una suddivisione dell'ulcera terminale Kennedy, si forma in un lasso di tempo più veloce. Può comparire rapidamente, a volte nel giro di poche ore. Si presenta come piccoli spot che sono neri. Tendono ad apparire come un granello di sporco che la maggior parte dei caregiver tende a cercare di lavare via, scoprendo che è sotto la pelle e non sulla pelle. 
Questi possono sembrare sospetti danni ai tessuti profondi. 
Col passare delle ore diventa più grande e in poche ore può diventare quasi la dimensione di 2-3 cm. Questi possono sembrare che qualcuno abbia colorato la pelle con un pennarello nero o viola.
 Presentandosi come un blister di tipo piatto nero con pelle intatta che si presenta in una posizione unilaterale.
Il caso tipo:
il paziente si è alzato al mattino, la pelle è stata esaminata dall'Operatore e la pelle sembrava normale ed era intatta senza scolorimento. 
Alle 15:30, quando il paziente è stato rimesso a letto, la pelle mostra questo scolorimento annerito. (Da qui il nome: sindrome delle 3:30).
Quando l'infermiera viene a esaminare la pelle scolorita, è difficile credere che in realtà non era presente all'ispezione del mattino.
Alla comparsa della sindrome alle 3:30, nell'esperienza della nostra struttura Byron Health Center in Fort Wayne, Indiana, a 500-bed long-term care con i nostri pazienti, l'aspettativa di vita era di 8-24 ore.
 
Come ha preso il nome?

Il termine  Kennedy Terminal Ulcers (KTU) è stato usato dal direttore medico del Byron Health Center a Fort Wayne, Indiana, il dott. Stephen Glassley. Lo ha definito "The Kennedy Terminal Ulcer". In onore al primo infermiere di famiglia, a Fort Wayne, Indiana, Karen Lou Kennedy

Karen ha iniziato a lavorare presso il Byron Health Center nel 1977 e nel 1983 ha avviato una dei primi team di cura delle lesioni in una struttura di assistenza a lungo termine. È stata avviata la conservazione dei dati indicando che alcuni pazienti hanno sviluppato ulcere da decubito con caratteristiche simili che morivano in breve tempo.

Quando i dati sono stati rivisti, si è sviluppato un modello per quanto riguarda le caratteristiche e il periodo di tempo dall'inizio alla morte. Questi dati sono stati esaminati dal direttore medico, il dott. Stephen Glassley e dal medico curante, il dott. Delores Espino, nominando così le "Kennedy Terminal Ulcer".

Perché non ne ho mai sentito parlare prima?
 
Questo è stato descritto per la prima volta nella letteratura moderna da Karen Lou Kennedy nel 1989 nella rivista Decubitus (ora nota come Advances in Skin & Wound Care) Vol.2, No, 2, May 1989. p.44-45 

Tuttavia, nel 2002 circa Dr. Dr. Jeffrey M. Levine, MD, AGSF, trovò un libro di testo perduto da tempo pubblicato nel 1877 dal professor Dr. Jean-Martin Charcot chiamato Lectures the Diseases of The Nervous SystemIn questo manuale sono state disegnate a mano immagini e descrizioni dell'ulcera terminale Kennedy e della sindrome delle tre e trenta. Il termine usato dal Dr. Charcot era Decubitus Acutus (Acute Bed-Sore) descritto come la sindrome delle 3:30 da Kennedy e Decubitus Ominosis descritta come "Kennedy Terminal Ulcer" presso il Byron Health Center. 

Il dottor Charcot era un neurologo francese considerato il padre della neurologia moderna e il primo professore di malattie del sistema nervoso considerato uno dei più importanti ricercatori nel campo della neurologia clinica del XIX secolo. 

I contributi del Dr. Charcot alla neurologia descrivevano una serie di malattie neurologiche tra cui la sclerosi multipla, la sclerosi amiotrofica laterale, il morbo di Parkinson e la sindrome di Gilles de la Tourette per citarne alcuni. 

Il testo sopra è ripreso dal sito web http://www.kennedyterminalulcer.com/ dove trovi anche le immagini ed i contatti dell'autrice.

Altri articoli e pubblicazioni:

Reexamining the Literature on Terminal Ulcers, SCALE, Skin Failure, and Unavoidable Pressure Injuries Advances in Skin & Wound Care: March 2019

SCALE Final Consensus Statement, October 1, 2009

Leggi anche:

 (con bibliografia dettagliata)

Pin It
Accedi per commentare