logo uni parmaVi ripropongo la mail di contatto che presenta gli 8 master a cui si può accedere con la laurea infermieristica, le iscrizioni sono possibili fino al 15 dicembre.
Gent.mi
Ho il piacere di comunicare che anche quest’anno l’Università degli studi di Parma offre ai laureati delle Professioni Sanitarie la possibilità di perfezionare il loro percorso formativo mediante la partecipazione alle attività didattiche di numerosi Master di primo livello:
1. Assistenza integrata di comunità e di famiglia (master interprofessionale)
Le variazioni epidemiologiche hanno cambiato drasticamente il panorama dei bisogni di salute, spostando verso l'asse delle malattie croniche la necessità di interventi sia sanitari che sociali e rendendo indispensabile una profonda riorganizzazione dei servizi.
 
2. Case care management in ospedale e sul territorio per professioni sanitarie (interprofessionale)
La figura del case manager è ormai ben inserita nell'ambito infermieristico. In Regione Emilia Romagna da alcuni anni questa figura è già implementata e riconosciuta in diversi contesti. La denominazione di questo master (case-care management) intende aggiungere qualcosa al solo case manager (come già suggerisce la letteratura internazionale e alcuni lavori di ricerca interni ai master precedenti sulle competenze del CCM) avvicinando questa professionalità a quella del Primary nursing. Pertanto, la figura così formata può svolgere funzioni di case management, ma anche di primary nursing. 
 
3. Cure palliative e terapia del dolore per professioni sanitarie (per infermieri, fisioterapisti, terapisti occupazionali – come da normativa nazionale)
Dall’analisi delle più rilevanti esperienze nazionali e internazionali, emerge che per l’Infermiere Palliativista è prevista una formazione diversificata secondo i livelli di responsabilità richiesti dalla complessità assistenziale e dal numero dei pazienti assistiti. In particolar modo, in accordo con  le linee guida. 
 
 
4. Esperto in metodologie formative in abito sociale e sanitario (master interprofessionale)
La formazione in aula (la cosiddetta lezione frontale e/o didattica interattiva) è una delle tipologie educative ancora più diffuse, nonostante l'incremento di eventi di formazione in laboratorio, di formazione situata e di formazione a distanza. In molte situazioni l'aula viene ancora identificata con la lezione frontale, in realtà le possibilità di facilitare apprendimenti significativi e generativi di valore per la pratica professionale e per la qualità delle cure sono molto più ampie e ricche. 
 
5. Infermieristica in area critica (solo per infermieri)
Il Master in Infermieristica in Area Critica si propone di formare lo specialista in Infermieristica in Anestesia e Terapia intensiva, in grado di: valutare i bisogni di assistenza in area critica, gestire il processo assistenziale nell’alta intensità di cure e complessità assistenziale, nonché, i relativi percorsi di cura; svolgere attività di formazione, di ricerca applicata e di consulenza a garanzia della qualità dell’assistenza e della valutazione degli outcomes nello specifico ambito.
 
6. Management del rischio infettivo correlato all'assistenza sanitaria (solo per infermieri)
II Master in “Management del rischio infettivo correlate all’assistenza sanitaria" è un corso di formazione avanzata, nel quale l’infermiere esperto acquisisce competenze professionali specifiche cliniche, gestionali, organizzative, relazionali, operando in autonomia e in collaborazione con gli altri professionisti nei vari contesti sanitari e socio-sanitari, sia pubblici che privati. L’Infermiere esperto nelle infezioni correlate all’assistenza rappresenta un ‘professionista-risorsa’ per i cittadini, per gli operatori e per le organizzazioni socio-sanitarie, al fine di garantire la tutela della salute della collettività.
 
7. Management interprofessionale della cronicità in ospedale e sul territorio
Il master in “Management interprofessionale della cronicità in ospedale e sul territorio” è un corso di formazione avanzata. Il corso ha la finalità di preparare un professionista esperto nella gestione della cronicità in possesso di una formazione avanzata con una competenza distintiva professionale atta a far fronte alla importante riorganizzazione nel settore del territorio delle case della salute e dell’ospedale per intensità di cura. Le nuove competenze sviluppate durante il percorso formativo sono finalizzate ad accompagnare e sostenere le scelte e le decisioni necessarie a mantenere un elevato livello di qualità nell’assistenza anche a fronte dei mutamenti sociali e sanitari dell’ospedale e del territorio e i bisogni di salute/malattia emergenti, con particolare riferimento alla dimensione della cronicità, inguaribilità, fine vita. 
 
8. La ricerca qualitativa in ambito sociale e sanitario (master interprofessionale)
Il Master propone un'offerta inedita per le professioni sanitarie e per chi, a diverso titolo, opera nelle organizzazioni sanitarie. Offre infatti la possibilità di sviluppare competente teorico-pratico avanzate in materia di ricerca qualitativa al fine di migliorare i processi organizzativi, stimolare l'innovazione e incrementare la qualità dei servizi di cura e di assistenza. Il Master costituisce una novità nel panorama dell'offerta formativa in ambito sanitario.
 
Si intende mettere in evidenza che diversi Master sono rivolti a diversi profili professionali : 
sociale, psicologico ed umanistico oltre che sanitario, nella convinzione che la partecipazione a percorsi formativi comuni da parte delle diverse professionalità che contribuiscono alla composizione delle èquipes, migliori la qualità degli outcomes di salute,  il clima di lavoro e la gratificazione dei professionisti. 
 
Restiamo a disposizione per ogni chiarimento
Prof. Leopoldo Sarli leopoldo.sarli@unipr.it 
Dott.ssa Giovanna Artioli giovanna.artioli@unipr.it
Università di Parma Azienda USL – IRCCS di Reggio Emilia in collaborazione con Università di Parma
 
 
Pin It
Accedi per commentare