aislecAISLEC è impegnata nella divulgazione e ricerca delle lesioni cutanee, non solo racconta ma fa qualcosa di concreto per la crescita professionale.

La ricerca infermieristica sulle lesioni cutanee è il punto di forza di AISLEC ma la ricerca parte dalle idee e non importa se sono di esperti o di un progetto di tesi.

 
Purtroppo per fare la registrazione sono arrivato alla fine della prima sessione.
 
Nella seconda sessione Giovanni Pomponio ha presentato problemi ed opportunita della ricerca, in modo chiaro, dato che la qualità metodologica della ricerca è scarsa e non è riuscita a migliorarsi nell'ultimo decennio è prioritario un impegno nel lungo periodo di tutti gli stackeolders coinvolti e non solo dei professionisti.
Partendo dagli outcame che devono essere condivisi a partire dalla guarigione.
Interessante la domanda di un collega:
 
Ha senso parlare di outcame come la guarigione quando ci sono prodotti che agiscono in una determinata fase delle lesione?
La risposta è stata SI, poi è un outcame richiesto dagli enti regolatori per autorizzare il trial e poi in seguito il prodotto.
 
Peristoma scale specker  la relazione presentata da Giulia Menin ha affrontato una ricerca di valutazione delle scale principali emerse da una revisione sistematica, sacs, ost, lsd, adcd stoma, dopo il lavoro svolto per l'identificazione delle scale c'è quello sul loro utilizzo e poi perchè non adattarle?
Unire le scale per avere una scala più adatta ad esigenze pratiche, dalla valutazione della stomia a quella del paziente e del caregiver.
Ma poi chi usa la scala, lo specialista o un infermiere con una formazione di base?
La scala di valutazione deve arrivare ad essere utilizzabile da tutti e graficamente leggibile.
La peristoma scale sarà disponibile a breve.
aislec congresso wuwhs
 
 
La domanda della collega... e per le tracheostomie o le gastrostomie avete pensato di applicarla?
Purtroppo nello studio no, abbiamo lavorato per modificare la sacs e valutarla.
 
Bella domanda perchè ad un lavoro appena annunciato si aprono nuove prospettive di utilizzo e questa è energia positiva che circola.
 
Silvia Mariani parte da un idea come faccio a rilevare la qualità della vita del mio assistito con lesioni croniche?
La Cardiff Schedule, è un idea, ma quando si entra nella qualità della vità devi pensare a chi leggerà e utilizzerà la scala, come la percepisce, il processo di validazione in italiano è quindi lungo e laborioso.
Partiamo dal capire cosa i nostri assistiti intendono per qualità di vita quando si ha una lesione da decubito, da piede diabetico, da diastasi della ferita chirurgica.
Il progetto di tesi di Silvia Mariani è partito con una buona ricerca bibliografica, ma poi è diventato sperimentale con la validazione della scala ala cardiff wound impact schedule.
 
Cosa dire la relazione più applaudita che ha ricevuto i complimenti per l'idea e la tenacia.
 
Purtroppo la Presidente Mangiacavalli non ha potuto presenziare e al suo posto la Senatrice Annalisa Silvestro ha chiuso la mattina parlando della crescita professionale, del percorso complesso e che fra le varie realtà internazionali è difficile identificare dei modelli riproducibili dato che nascono e crescono per forze ed esperienze locali e nazionali.
 
La domanda, ha un po gelato la sala, per il malumore di chi l'ha presentata che aveva un nodo in gola perchè la realtà è diversa, come facciamo ad affontare una crescita con la situazione attuale? (in sintesi)
 
La risposta è che malgrado la situazione non possiamo smettere di progettare una crescita professionale dato che ha un percorso esperienzale, di ricerca e normativo insieme che la rende un obiettivo veramente impegnativo.
 
 
AISLEC è partner organizzativo del WUWHS 2016 che terminerà domani 29 settembre, ma il 12 novembre è già a Rimini con la III Giornata Studio.
Nella pagina WEB del corso tutte le informazioni (LINK).
 
Sempre nel sito AISLEC è scaricabile la traduzione di"Prevenzione e Trattamento delle Ulcere da Pressione: Guida Rapida di Riferimento" (85pag.) curata da:
Responsabile progetto: Massimo Rivolo (autore della nuova scala per le lesioni da pressione(LINK))
Traduttori: Valeria Castelli, Massimo Rivolo, Angela Peghetti.
Scarica bile dall'home page di AISLEC o dal link diretto.
 
 
 
Log in to comment