Siamo stati tutti nuovi assunti, ci siamo impegnati e abbiamo avuto il riconoscimento tanto atteso di un posto a tempo indeterminato.

Ma cosa direste oggi ad un nuovo assunto cosa avresti voluto sapere che ti sarebbe stato utile...

Io penso che ci siano poche cose, semplici ed importanti...

 

Il nuovo arriva e subito viene bombardato da informazioni, poveretto dopo il primo giorno è frastornato e ha voglia di scappare, e il vecchio riconosce quella faccia disperata e allora lo fa e dice, tranquillo oggi è una giornata calma.

Ma il nuovo è deciso è arrivato al lavoro che voleva fare, tante le informazioni ma deve focalizzarne alcune importanti e memorizza queste:

-Prima cosa il luogo, dove sta lavorando, chi sono i capi, i direttori e i loro preposti, quali standard vogliono vengano applicati.

Il nuovo sa chi sono "i capi" e schiva le gaffe che possono precludere il contratto sin dal periodo in prova.

Poi ascolta e impara quali standard il posto di lavoro gli chiede si guarda attorno e identifica subito quali sono gli "sboroni" che lo istigano ad essere maleducato verso i pazienti più esigenti oppure a comportarsi come loro perchè in questo modo vogliono solo nascondersi.

Quindi memorizza, luogo e standard di qualità.

Il nuovo ha imparato delle tecniche, spesso più teoria che pratica e lo sa, capisce che gli è concesso di non sapere tutto e di non aver fatto pratica con tutto quindi lo ammette.

Ascolta l'infermiere anziano che si inorgoglisce a spiegare le sue idee e come applica la tecnica, bene il nuovo ne deve approfittare per chiedere, ma adesso  si possono guadagnare punti di rispetto ma ci sono dei rischi soprattutto nei fraintendimenti.

Il nuovo inorgoglito dall'entusiasmo del vecchio si lascia andare e dice la sua:

-io so che linea guida dice...

oppure

-ma in america c'è quella cosa con quel materiale...

E il vecchio tace per un attimo e se è cortese fa notare che:

il materiale è quello che viene passato, non abbiamo la possibilità di scegliere ci sono le amministrazioni che decidono e per la linea guida forse non avevano questi materiali e i nostri tempi... siamo in ritardo.

Però domandare è lecito e il nuovo che prima pensa e poi parla riflette e dice:

- ma hai sentito parlare di quella raccomandazione cosa ne pensi?

- questa tecnica la usate da molto questi materiali come vanno?

Fare domande è diverso che fare affermazioni non richieste e consentono uno scambio di idee che è fondamentale perchè non ci sono molte occasioni per confrontarsi.

I colleghi si parlano e se per la stessa tecnica il nuovo assunto dice più volte che non l'ha mai fatto e sta a guardare il pensiero che corre è di avere difronte un incompetente o uno scansafatiche e si perdono punti.

Il nuovo ha visto molte tecniche ha ancora i libri di scuola, va a vederle si sottolinea le cose importante e aggiunge osservazioni nuove che prima non era in grado di fare o capire.

Le tecniche vanno approfondite a casa propria, con i corsi (ce ne sono pochi), con lo studio e l'esercizio.

Il lavoro di reparto, un giorno è tranquillo un giorno è caotico è necessario riconoscere l'organizzazione.

Il nuovo lavora come un pazzo si fa trascinare a destra e manca e qualcuno gli fa anche notare che non ha fatto il suo lavoro, cosa è successo.

Nulla di strano, nessuno gli ha spiegato un minimo del piano di attività o le priorità del reparto e si trova fuori tempo, non capisce che nei periodi tranquilli deve organizzare il lavoro dato che a breve sarà il caos.

Quando il nuovo ha riconosciuto l'ordine all'interno del reparto, raggiunge prima un equilibrio interiore, consentitemi questa spiritualità ed è più efficiente con serenità

Il lavoro nel reparto si ripete e se il nuovo non ha l'occhio per riconoscerlo va aiutato.

Questo gli rende il lavoro più leggero, ma come un corridore si allena a rispettare determinati tempi, lui si accorgerà se quando è in ritardo o in anticipo, quando c'è un urgenza e allora potete compensare il lavoro del collega senza che nessuno ve lo dica.

Poi cosa più importante, il lavoro pesa molto meno.

A questo punto appena il nuovo riconosce l'ordine e trova la sua "serenità", arriva il nuovo assunto a cui deve spiegare una nuova tecnica.

 

Franco Ognibene

Log in to comment