master online infermieri

Indice articoli

concorso bologna 2016L'ultimo passaggio formale prima della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale si è concluso oggi, con la pubblicazione del bando nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna.

Leggendo il bando si può notare che è ingiusto sotto due aspetti, le istituzioni, gli enti che devono tutelare gli infermieri forse si sono distratti.

Le aziende che partecipano al concorso congiunto sono:

- n. 1 posto presso l’Azienda USL di Bologna;

- n. 1 posto presso l’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Bologna, Policlinico S.Orsola Malpighi;

- n. 1 posto presso l’Istituto Ortopedico Rizzoli;

- n. 1 posto presso l’Azienda USL di Imola

Il bando riporta:

Il candidato, pertanto, all’atto di iscrizione al presente concorso, dovrà indicare, nella domanda di partecipazione, per quale Amministrazione intende concorrere. Deve essere indicata una sola opzione.

Il concorso si definisce congiunto perchè si svolge lo stesso giorno e dal lato pratico è materialmente congiunto solo dal punto di vista amministrativo e organizzativo per ripartire le spese.

L'infermiere che si iscrive al concorso può partecipare solo per un'azienda, quindi dal lato pratico sono 4 concorsi separati che si svolgono lo stesso giorno ed impediscono all'infermiere di partecipare al concorso nelle altre aziende causando una limitazione della libertà di partecipazione.

Anni fa ci sono stati casi in cui Aziende Sanitarie adiacenti avevano deciso le stesse date per le prove e i collegi IPASVI (allora si chiamavano così) le hanno fatte cambiare per andare incontro agli infermieri, adesso assistiamo ad una scelta deliberata per impedire agli infermieri di partecipare liberamente a 3 concorsi su 4.

Il concorso di Bologna 2016 invece aveva una graduatoria unica ed era veramente congiunto.

L'obbligo di dover scegliere obbligatoriamente richiede di dover aspettare i tempi amministrativi dell'azienda scelta e un mese prima o dopo vuol dire stipendi in più o in meno. 

La divisione delle spese potrebbe vedere anche forti delusioni da parte delle Aziende Sanitarie perchè gli infermieri potrebbero scegliere le aziende più grandi AUSL Bologna e AOU Sant'Orsola per avere più possibilità lasciando alle altre AUSL solo le spese.

Il concorso congiunto era sbagliato nel 2016 e resta concettualmente  sbagliato perchè 10.000 partecipanti si sono radunati per il solo motivo che c'erano concorsi da tempo, adesso tutti i laureati del 2016-2017-2018-2019 che vogliono lavorare a Bologna faranno il concorso e se sceglieranno l'ASL sbagliata potranno restare altri mesi in attesa.

Questo aspetto è sfuggito all'OPI di Bologna che dovrebbe verificare che l'atteggiamento verso gli infermieri ne rispetti la libertà e la dignità professionale visto che 4 aziende potrebbero portare a Bologna un concorso ogni 6 mesi senza problemi e i partecipanti non sarebbero 10.000 ma qualche migliaio perchè la stessa cosa la facevano in Veneto.

L'altro aspetto che è sfuggito ai sindacati è riportato nel bando:

Non sono ammessi alla presente procedura concorsuale i dipendenti a tempo indeterminato dell’Azienda USL di Bologna, dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Bologna, Policlinico S.Orsola Malpighi, dell’ Istituto Ortopedico Rizzoli e dell’Azienda USL di Imola, inquadrati nel profilo professionale di Collaboratore Professionale Sanitario – Infermiere – cat. D che presentino domanda per la propria Amministrazione di appartenenza.

Perchè scrivere una frase del genere, chi vorrebbe farsi riassumere dalla propria azienda per fare un nuovo contratto e perdere l'anzianità?

L'unico motivo che mi viene in mente, per scrivere una frase del genere è perchè le aziende non vogliono fare una mobilità in ingresso, che consentirebbe ad un infermiere che lavora in città di spostarsi in periferia o viceversa mantenendo la propria anzianità. 

Mentre se un infermiere che ha una certa anzianità vuole spostarsi di ASL se fa il concorso perde l'aumento di stipendio per i livelli e riparte da D0.

La mobilità sarebbe una grande opportunità per tanti colleghi che si trovano a non gradire più il posto dove lavorano e non hanno la possibilità di spostarsi perchè non c'è una mobilità.

 

Accedi per commentare

Per il concorso preparati con Quiz-Infermieri

Sono presenti 158 prove con più di 4400 domande

Oltre 1000 infermieri sono già iscritti.

L'accesso é gratuito per chi contribuisce alla crescita del database, leggi le F.A.Q