Manovre antisoffocamento: la manovra di Heimlich su adulto e bambino

2023 manovra heimlich 2

La manovra di Heimlich, chiamata anche manovra di disostruzione delle vie aeree, è una tecnica di primo soccorso utilizzata per liberare le vie respiratorie bloccate da un corpo estraneo.

Questa manovra prende il nome dal dottor Henry Heimlich, un medico statunitense che l'ha descritta per la prima volta nel 1974.

La manovra di Heimlich può essere vitale in situazioni di emergenza, quando una persona sta soffocando e ha bisogno di assistenza immediata per ripristinare il flusso d'aria.

Manovra di Heimlich su adulto e bambino

Premessa:

L'obiettivo principale della manovra di Heimlich è quello di generare una forte pressione nell'addome, al fine di spingere l'aria dai polmoni verso l'esterno e così espellere l'oggetto bloccante dalla trachea.

Questa tecnica è efficace sia negli adulti che nei bambini, sebbene le modalità di esecuzione possano variare a seconda dell'età e delle dimensioni del paziente.

Di seguito, fornirò una guida dettagliata sulla manovra di Heimlich per diversi gruppi di età, che comprende l'approccio sia per gli adulti che per i bambini.

È importante ricordare che queste istruzioni sono solo a scopo informativo e che, in caso di emergenza, è fondamentale cercare assistenza medica professionale il prima possibile.

Manovra di Heimlich su adulti

  1. Verifica dell'ostruzione delle vie aeree: Prima di eseguire la manovra di Heimlich, devi assicurarti che la persona sia realmente soffocante e abbia bisogno di assistenza. Chiedi alla persona se è in grado di parlare o tossire. Se la persona riesce a rispondere o a tossire, significa che l'aria passa ancora attraverso le vie aeree e non è necessaria la manovra di Heimlich. In caso contrario, passa al passo successivo.
  2. Posiziona la persona in piedi: Fai in modo che la persona si ponga in piedi. Questa posizione aiuta a fornire una migliore stabilità e controllo durante l'esecuzione della manovra.
  3. Posizionamento delle mani: Posizionati dietro la persona e circondale con le braccia. Con una mano, fai un pugno con il pollice all'interno, appena sopra l'ombelico e sotto lo sterno.
  4. Esecuzione della manovra: Afferra il pugno con l'altra mano e fai una serie di movimenti rapidi e decisi verso l'interno e verso l'alto, in direzione della bocca. Assicurati di spingere con forza, ma senza arrecare danni alla persona. Questa pressione dovrebbe generare abbastanza forza da espellere l'oggetto bloccante.
  5. Ripeti la manovra: Se l'oggetto non viene espulso dalla prima serie di pressioni, ripeti la manovra. Continua a eseguire la manovra di Heimlich finché l'oggetto non viene espulso o finché la persona non inizia a respirare nuovamente.
  6. Cercare assistenza medica: Anche se la persona sembra riprendersi dopo l'espulsione dell'oggetto, è fondamentale cercare assistenza medica immediata per assicurarsi che non ci siano danni interni o complicazioni.

Manovra di Heimlich per bambini (oltre 1 anno di età):

La manovra di Heimlich per i bambini di età superiore a 1 anno è simile a quella degli adulti, ma possono esserci alcune differenze nel posizionamento delle mani e nella forza esercitata. È importante adattare l'intensità della pressione alle dimensioni del bambino per evitare di causare danni.

Posizionamento delle mani: Posizionati dietro il bambino e circondalo con le braccia. Con una mano, fai un pugno con il pollice all'interno, appena sopra l'ombelico e sotto lo sterno.

Esecuzione della manovra: Afferra il pugno con l'altra mano e fai una serie di movimenti rapidi e decisi verso l'interno e verso l'alto, in direzione della bocca. Assicurati di esercitare una pressione adeguata, ma non eccessiva, per evitare lesioni al bambino.

Ripeti la manovra: Se l'oggetto non viene espulso dalla prima serie di pressioni, ripeti la manovra. Continua fino a quando l'oggetto non viene espulso o fino a quando il bambino inizia a respirare nuovamente.

È importante ricordare che la manovra di Heimlich dovrebbe essere eseguita solo se la persona è incapace di respirare o di tossire a causa di un'ostruzione delle vie aeree. In situazioni di emergenza, è sempre consigliabile chiamare immediatamente il numero di emergenza del paese in cui ti trovi o cercare assistenza medica professionale.

Queste istruzioni sono fornite solo a scopo informativo e non sostituiscono la formazione e la consulenza medica professionale.

Manovra disostruzione Neonatale

La manovra di disostruzione neonatale, anche conosciuta come manovra di disostruzione delle vie aeree per i lattanti, è una procedura di primo soccorso utilizzata per rimuovere un'ostruzione delle vie respiratorie in un bambino di età inferiore a 1 anno.

I lattanti sono particolarmente vulnerabili alle ostruzioni delle vie aeree a causa delle loro dimensioni e della loro incapacità di gestire da soli una situazione di soffocamento.

La manovra di disostruzione neonatale è essenziale per garantire che i lattanti ricevano assistenza immediata nel caso in cui si verifichi un'occlusione delle vie aeree.

In questa guida dettagliata sulla manovra di disostruzione neonatale, fornirò istruzioni specifiche su come eseguire correttamente la procedura.

È importante sottolineare che queste istruzioni sono solo a scopo informativo e non sostituiscono la formazione e la consulenza medica professionale. In caso di emergenza, è fondamentale cercare assistenza medica il prima possibile chiamando il numero di emergenza del tuo paese.

  1. Valutare la situazione:

Prima di iniziare la manovra di disostruzione neonatale, valuta attentamente la situazione per accertarti che il bambino sia effettivamente soffocante e abbia bisogno di assistenza.

Osserva se il bambino è in grado di tossire, piangere o emettere suoni. Se il bambino è in grado di farlo, significa che l'aria passa ancora attraverso le vie aeree e la manovra potrebbe non essere necessaria. In caso contrario, passa al passo successivo.

  1. Assumere una posizione sicura:

Prendi il bambino tra le braccia e posizionalo prono, con la testa più bassa rispetto al resto del corpo. Appoggia l'avambraccio sul palmo della tua mano, mantenendo la testa del bambino rivolta verso il basso.

Puoi anche posizionare il bambino sul tuo ginocchio, con il petto rivolto verso il basso e la testa più bassa rispetto al resto del corpo.

  1. Eseguire colpi alla schiena:

Con il bambino in questa posizione, colpisci delicatamente la parte superiore della schiena, tra le scapole, utilizzando la base della tua mano aperta.

Fai ciò con movimenti delicati ma decisi, cercando di rimuovere l'oggetto bloccante. Assicurati di evitare colpi troppo forti o violenti per non arrecare danni al bambino.

  1. Eseguire compressioni toraciche:

Se i colpi alla schiena non sono efficaci, passa alle compressioni toraciche. Posiziona due dita (indice e medio) sulla metà inferiore dello sterno del bambino, appena sotto la linea mammaria.

Esegui compressioni verso il basso con una forza adeguata ma non eccessiva, cercando di far uscire l'oggetto bloccante. È importante mantenere la delicatezza durante le compressioni toraciche per evitare lesioni al bambino.

  1. Ripetere colpi alla schiena e compressioni toraciche:

Continua ad alternare i colpi alla schiena e le compressioni toraciche fino a quando l'oggetto non viene espulso o il bambino riprende a respirare normalmente. È consigliabile eseguire cinque colpi alla schiena seguiti da cinque compressioni toraciche, ripetendo questa sequenza fino a quando non si verifica un cambiamento nella situazione del bambino.

  1. Chiedere assistenza medica:

Anche se l'oggetto viene espulso e il bambino sembra riprendersi, è fondamentale cercare assistenza medica professionale il prima possibile. Ciò aiuterà a valutare eventuali danni o complicazioni che potrebbero essere derivati dall'ostruzione delle vie aeree.

È importante tenere presente che la manovra di disostruzione neonatale deve essere eseguita con estrema delicatezza per evitare lesioni al bambino.

Inoltre, è sempre consigliabile cercare una formazione adeguata sui primi soccorsi per acquisire le competenze necessarie per affrontare situazioni di emergenza.

Ricorda che questa guida dettagliata ha solo scopo informativo e non sostituisce la consulenza medica o la formazione professionale.

Cibi che possono creare soffocamento

Ci sono diversi cibi che possono rappresentare un potenziale rischio di soffocamento per i bambini. Ecco alcuni esempi:

    1. Alimenti duri e solidi: Noci, semi, popcorn, caramelle dure, chicchi di mais, uva intera, carote crude, mele intere o non tagliate a pezzi piccoli.
    2. Alimenti appiccicosi: Caramelle gommose, caramelle alla gelatina, toffee, marshmallow o marshmallow più grandi di una dimensione masticabile.
    3. Alimenti di forma rotonda: Bocconcini di carne, uvetta, olive, pomodorini ciliegia, palline di frutta o di formaggio, che potrebbero bloccarsi nella gola.
    4. Alimenti morbidi che possono aderire alla gola: Burro di arachidi, creme di nocciole, maionese o formaggio non fuso.
    5. Alimenti a pezzetti: Affettati, hot dog o salsicce non tagliate in pezzi abbastanza piccoli, formaggio a dadini o cubetti.
    6. Alimenti fibrosi: Sedano crudo, asparagi, gamberi o altri alimenti fibrosi che possono formare grumi.
    7. Alimenti viscosi o collosi: Gelatine, budini, marmellate, burro di frutta, condimenti densi.

È importante notare che questi sono solo alcuni esempi e che ogni bambino è diverso.

È fondamentale monitorare sempre attentamente i bambini durante i pasti e assicurarsi che i cibi siano adatti alla loro età e capacità di masticazione. In caso di dubbio, è sempre consigliabile consultare il pediatra. 

Statistiche morte per soffocamento bambini

Le statistiche sul soffocamento nei bambini possono variare da paese a paese e nel tempo, ma il soffocamento è purtroppo una causa significativa di mortalità infantile in molti paesi. Tuttavia, è importante notare che il rischio di soffocamento può essere ridotto adottando misure preventive adeguate. Ecco alcuni dati generali:

    1. Statistiche negli Stati Uniti: Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), nel 2019 il soffocamento è stato la quarta causa più comune di morte accidentale nei bambini di età inferiore a 1 anno negli Stati Uniti. Tra i bambini di età compresa tra 1 e 4 anni, il soffocamento è stato la terza causa più comune di morte accidentale.
    2. Statistiche nel Regno Unito: Secondo l'Office for National Statistics (ONS) del Regno Unito, nel 2019 il soffocamento e i suoi effetti sono stati una delle principali cause di morte nei bambini di età inferiore a 1 anno.
    3. Statistiche globali: Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), nel 2016 il soffocamento è stato una delle principali cause di morte nei bambini di età compresa tra 1 mese e 5 anni a livello globale. Si stima che oltre il 40% delle morti per soffocamento si verifichi nel primo anno di vita.

Questi dati sono solo alcuni esempi e possono variare da un paese all'altro. È importante sottolineare che la maggior parte dei casi di soffocamento può essere prevenuta adottando precauzioni adeguate, come garantire che i cibi siano tagliati in pezzi piccoli e morbidi per i bambini, evitare l'esposizione a oggetti piccoli che potrebbero essere ingeriti e supervisionare sempre i bambini durante i pasti e durante il gioco.

Conclusioni

Spero che la lettura dell'articolo sia stata di ttuo gradimento, ma l'applicazione pratica di queste tecniche richiede di eeguire un corso sul primo soccorso pediatrico.

Ci sono corsi per tutti, per genitori, insegnanti, operatori sanitari e chiunque abbia a che fare con i bambini.

Ecco alcune ragioni per cui è importante acquisire competenze di primo soccorso pediatrico:

    1. Sicurezza dei bambini: I bambini sono vulnerabili a incidenti e emergenze, e conoscere le tecniche di primo soccorso può aiutare a prevenire lesioni gravi o addirittura salvare una vita in caso di situazioni di emergenza.
    2. Risposta rapida: In situazioni di emergenza, il tempo è fondamentale. Sapere cosa fare e come agire può consentire una risposta rapida ed efficace, aumentando le probabilità di migliorare l'esito dell'emergenza.
    3. Gestione delle vie respiratorie: Il soffocamento è un rischio comune nei bambini. Un corso di primo soccorso pediatrico fornisce istruzioni su come gestire una situazione di soffocamento, compresa la manovra di disostruzione delle vie aeree.
    4. Lesioni comuni: I bambini sono soggetti a lesioni comuni come cadute, ferite, ustioni, avvelenamenti, convulsioni e reazioni allergiche. Un corso di primo soccorso pediatrico fornisce competenze specifiche per affrontare queste situazioni.
    5. Conoscenza delle emergenze mediche: Alcune emergenze mediche, come l'arresto cardiaco, l'asma grave, l'epilessia e l'insufficienza respiratoria, possono colpire anche i bambini. Acquisire competenze di primo soccorso pediatrico permette di riconoscere e gestire queste situazioni.
    6. Tranquillità e fiducia: Avere conoscenze e competenze di primo soccorso pediatrico offre una maggiore tranquillità e fiducia nel gestire situazioni di emergenza che coinvolgono i bambini. Ciò può aiutare a mantenere la calma e ad agire in modo appropriato in situazioni stressanti.

È importante sottolineare che un corso di primo soccorso pediatrico fornisce linee guida e competenze di base, ma non sostituisce la consulenza medica professionale.

In caso di emergenza, è sempre consigliabile chiamare il numero di emergenza del proprio Paese e cercare assistenza medica specializzata il prima possibile.

Fonte: https://primosoccorsoemergency.it/

Pagina facebook: https://www.facebook.com/CorsiPrimoIntervento

Immagine tratta da https://www.aboutkidshealth.ca/

 

Formazione, corsi e FAD gratuiti

Il Corso FAD gratuito per infermieri dal titolo "Esercizio Fisico nella malattia renale...
Il delirium del paziente è stato un argomento discusso in occasione del 19° Congresso...

Studenti, letture consigliate

15 Maggio Patologie
L'ascite, dal greco "askos" che significa sacco, è una condizione medica caratterizzata...
03 Maggio Patologie
Neisseria meningitidis (il meningococco) è un batterio Gram-negativo che colonizza in...

Concorsi appena pubblicati