Ostruzione delle vie aeree nell’adulto e il ruolo dell’infermiere

soccorritori

Uno degli scenari più delicati e potenzialmente letali è rappresentato dall'ostruzione delle vie aeree, una condizione medica che richiede una risposta tempestiva ed efficace, in particolare quando si verificano in situazioni di emergenza e gli infermieri, come membri fondamentali del team sanitario, giocano un ruolo cruciale nella gestione di pazienti con vie aeree ostruite.

Questo articolo esplorerà dettagliatamente le fasi del soccorso in emergenza, delineando i passaggi e le operazioni che l'infermiere deve compiere per garantire un intervento rapido e adeguato.

La complessità dell'ostruzione delle vie aeree

L'ostruzione delle vie aeree è un evento che può manifestarsi in diverse circostanze, da un banale soffocamento durante un pasto a situazioni più gravi come l'inalazione accidentale di corpi estranei.

In queste situazioni, ogni secondo è critico e il modo in cui l'infermiere affronta l'emergenza può fare la differenza tra la vita e la morte del paziente.

Valutazione iniziale

Il primo passo nella valutazione iniziale è la rapida comprensione della gravità della situazione.

La chiave, in questo momento, è mantenere la calma.

L'infermiere, di fronte ad un paziente con vie aeree ostruite, deve valutare segni evidenti, quali:

  • insorgenza improvvisa di difficoltà respiratoria severa,
  • comparsa di cianosi,
  • incapacità di parlare o tossire,
  • perdita di coscienza in tempi assai brevi senza motivo apparente.

L'abilità di riconoscere immediatamente questi segnali critici è il risultato di una formazione approfondita e di un istinto sviluppato attraverso l'esperienza pratica.

Parallelamente alla valutazione fisica, l'infermiere deve raccogliere rapidamente quante più informazioni possibili sull'anamnesi del paziente.

Le cause dell'ostruzione delle vie aeree

Le cause possono variare notevolmente, dalla deglutizione accidentale di oggetti estranei a condizioni mediche preesistenti e quindi di conseguenza la conoscenza del contesto può influenzare significativamente le scelte di gestione e le priorità d'intervento.

Un aspetto critico della valutazione iniziale è la capacità di riconoscere tempestivamente le variazioni nel paziente.

Il monitoraggio continuo dei segni vitali, compresa la frequenza respiratoria, la saturazione di ossigeno e il colore della pelle, è fondamentale.

L'infermiere deve essere in grado di adattarsi rapidamente a eventuali cambiamenti nella condizione del paziente, raffinando la sua strategia di gestione di conseguenza.

La manovra di Heimlich

Nel caso in cui la persona si trovi in uno stato di agitazione psicomotoria accompagnata da mani alla gola e tosse si procederà attuando in maniera alternata la manovra di Heimlich e cinque colpi interscapolari con rapporto 5 : 5.

La manovra di Heimlich si basa sulla comprensione dell'anatomia del sistema respiratorio. Quando le vie aeree sono ostruite, il flusso d'aria è compromesso, causando un deficit di ossigeno nel corpo.

La manovra di Heimlich mira a creare una pressione addominale improvvisa e intensa, al fine di forzare l'espulsione dell'oggetto ostacolante e consentendo il ripristino del flusso d'aria.

L'infermiere, una volta identificata la necessità di eseguire la manovra di Heimlich, deve posizionarsi dietro il paziente.

Le istruzioni classiche prevedono che l'infermiere avvolga le braccia intorno alla vita del paziente, piazzando un pugno chiuso appena sopra l'ombelico e l'altro avvolto attorno al pugno.

L'obiettivo è applicare una pressione verso l'alto e all'indietro in modo da generare una forza sufficiente a espellere l'oggetto bloccato.

È cruciale sottolineare l'importanza dell'adattamento della forza delle compressioni addominali in base al paziente. La forza deve essere sufficiente per dislodare l'ostacolo, ma deve anche essere calibrata per evitare danni ai tessuti interni.

Quindi, negli adulti, le compressioni possono essere vigorose, ma in bambini o anziani, la delicatezza è essenziale per prevenire lesioni aggiuntive.

In alcune circostanze particolari, come l'impossibilità di avvolgere le braccia attorno al paziente, è possibile adottare delle varianti alla manovra di Heimlich.

Ad esempio, per una persona obesa o in gravidanza, le compressioni dovranno essere eseguite posizionando le mani leggermente a livello toracico e non addominale.

La valutazione post-manovra di Heimlich

Dopo l'esecuzione della manovra di Heimlich, la valutazione post-manovra diventa un momento di estrema importanza nella gestione delle vie aeree ostruite.

Questa fase richiede un'attenta osservazione da parte dell'infermiere per determinare l'efficacia dell'intervento, il ripristino del flusso d'aria e la stabilità del paziente.

Si dovrà monitorare quindi:

  1. Respirazione: Il primo indicatore cruciale nella valutazione post-Heimlich è la ripresa della respirazione. Dopo l'intervento, l'infermiere deve osservare attentamente il paziente per garantire che la frequenza respiratoria torni alla normalità. Un incremento nella facilità della respirazione e la scomparsa dei segni di sofferenza respiratoria sono segnali positivi dell'efficacia della manovra.
  2. Tosse Efficace: La tosse è un meccanismo naturale del corpo per espellere materiali estranei dalle vie aeree. Dopo la manovra di Heimlich, l'infermiere deve valutare la presenza e l'efficacia della tosse nel paziente. Una tosse vigorosa e produttiva è un segno positivo, indicativo della rimozione dell'ostacolo.
  3. Miglioramento del Colore della Pelle: Un altro parametro critico nella valutazione post-Heimlich è il miglioramento del colore della pelle del paziente. Durante l'ostruzione delle vie aeree, la cianosi può essere evidente a causa della mancanza diossigeno. Dopo la manovra, l'infermiere deve notare un graduale ritorno del colore normale, indicativo del ripristino della saturazione di ossigeno nel sangue.

Nel caso in cui la valutazione post-Heimlich e i colpi interscapolari indichino che l'ostruzione persiste o che il paziente non mostra miglioramenti significativi, l'infermiere deve essere pronto a ripetere la manovra.

Questo può essere necessario in particolare se l'ostacolo non è stato completamente rimosso o se vi è una seconda ostruzione.

Nell'eventualità questa serie di interventi non risultino ancora efficaci e la persona successivamente presenti una cianosi diffusa, assenza di tosse e di respiro e l’eventuale riversamento a terra in assenza di coscienza, l’infermiere dovrà procedere all’applicazione dele manovre di RCP ed in concomitanza allertare la centrale richiedendo il supporto del medico rianimatore.

Supporto respiratorio e monitoraggio continuo

In caso di successo delle manovre di Heimlich, l'infermiere deve fornire supporto respiratorio al paziente.

L'utilizzo di dispositivi come la maschera facciale per la somministrazione di ossigeno può essere essenziale per garantire una corretta ossigenazione. Durante questa fase, l'infermiere deve continuare a monitorare attentamente le vie aeree, la respirazione e i segni vitali del paziente.

Preparazione per il trasporto in ospedale

Sebbene le manovre di emergenza abbiano avuto successo, è necessario prepararsi e preparare il paziente per il trasporto in ospedale.

L'infermiere deve mantenere un monitoraggio costante e comunicare tempestivamente al personale medico di emergenza eventuali cambiamenti nella condizione del paziente. La preparazione anticipata per il trasporto aiuta a garantire una transizione fluida e continua dell'assistenza.

Conclusioni

La gestione dell’ostruzione delle vie aeree richiede una combinazione di competenze, rapidità d'azione e calma da parte dell'infermiere.

Le fasi del soccorso, dalla valutazione iniziale alle manovre di Heimlich, dal supporto respiratorio al monitoraggio continuo, sono tutte componenti essenziali per garantire un intervento efficace e migliorare le possibilità di sopravvivenza del paziente.

Gli infermieri devono essere adeguatamente formati e preparati per affrontare tali situazioni critiche, contribuendo così in modo significativo alla sicurezza e alla salute dei pazienti.

Inoltre, la pratica regolare di queste competenze è fondamentale per mantenere un livello ottimale di preparazione in situazioni di emergenza.

Bibliografia

  • Koop CE. The Heimlich Maneuver. Public Health Rep. 1985 Nov-Dec;100(6):557. PMID: 3934695; PMCID: PMC1425324.
  • Ojeda Rodriguez JA, Ladd M, Brandis D. Abdominal Thrust Maneuver. 2023 May 23. In: StatPearls [Internet]. Treasure Island (FL): StatPearls Publishing; 2024 Jan–. PMID: 30285362.
  • Ostruzione delle vie aeree da corpo estraneo [Sezione di libro] // Medicina di emergenza e di pronto soccorso / aut. libro Balzanelli Mario G.. - [s.l.] : Edra S.p.a., 2022. - Vol. Quarta Edizione.

Formazione, corsi e FAD gratuiti

Il Corso FAD gratuito per infermieri dal titolo "Esercizio Fisico nella malattia renale...
Il delirium del paziente è stato un argomento discusso in occasione del 19° Congresso...

Studenti, letture consigliate

15 Maggio Patologie
L'ascite, dal greco "askos" che significa sacco, è una condizione medica caratterizzata...
03 Maggio Patologie
Neisseria meningitidis (il meningococco) è un batterio Gram-negativo che colonizza in...

Concorsi appena pubblicati