Infermiera si punge e contrae l'HIV
La notizia è del 1 agosto, ma riguarda un infortunio sul lavoro che può accadere a tutti...

La notizia l'ho letta sul resto del Carlino di Bologna ma online ci sono altre fonti che riportano tutti le stesse notizie.
In sintesi riportano:
- l'infermiera si punge,
- si reca al PS i giorni seguenti  
- non può effettuare la profilassi perchè si è recata tardi al PS
- non vengono fatti gli accertamenti immediatamente sul paziente (solo dopo 13 giorni).
-l'infermiera è negativa al primo controllo, poi positiva ai successivi....

Accade alla terapia intensiva neonatale dell'Ospedale Maggiore di Bologna.

LINK al riassunto dell'articolo

Conosco la realtà Ospedaliera del Bellaria-Maggiore e le procedure in caso di esposizione sono chiare, c'è il servizio preposto oppure il PS, il Maggiore è un palazzone e basta prendere l'ascensore per arrivare al PS.

Alla nostra collega è successo, è diventata positiva all'HIV, un evento drammatico.
Quanti di noi si sono punti e subito a guardare la cartella?
Chi non l'ha fatto almeno una volta?
Be fortunati quei pochi che non ne hanno avuto bisogno.
Ma a quei pochi a cui non è ancora successo di pungersi e ai tanti che si sono già punti e a cui potrebbe ricpitare, leggiamo l'accaduto alla nostra collega come un monito per tutti:

La puntura di un ago usato comporta l'esposizione ad un agente biologico potenzialmente mortale, si devono obbligatoriamente attivare tutte le procedure presenti in Azienda.
Se lavoriamo in casa di cura o ambulatori o altro la procedura più semplice è una:
andare il prima possibile al Pronto Soccorso.

Franco Ognibene

22 agosto 2007

Log in to comment