master online infermieri

uomo triste

 

Parto subito col dire che non sono di quelli che “hanno avuto la vocazione” o che considerano questo il lavoro più bello e gratificante del mondo, e ce ne sono tanti che come me.

Bene o male sapevo (in parte) ciò a cui sarei andato incontro, avendo una madre infermiera che mi ha messo in guardia sul lavoro dell’infermiere, turni, doveri e tutto il resto.

La formazione universitaria è il punto di partenza poi l'eperienza aiuta a comprendere meglio il lavoro e la professione, dopo 1 anno con piacere ricevo l'email e modifico l'articolo:

Buongiorno Alice di InfermieriAttivi,

l’anno scorso vi ho inviato un articolo al vetriolo sul perché decisi di cambiare vita e lasciare la professione.

Sono passati diversi mesi e, ricevuta un’opportunità di lavoro in un team giovane ed equo ho accettato per dare un’ultima chance a questo nonostante tutto bellissimo lavoro, ritrovando fiducia nella professione e in me stesso come professionista.

Finalmente posso dire di aver trovato soddisfazione nel fare l’infermiere!

Con questa mail vi chiedo se sia possibile cancellare o per lo meno modificare l’articolo cancellando il nome e l’introduzione.

Confidando nella tua comprensione, un saluto.

Sono tornato infermiere.

Pin It
Accedi per commentare


Avatar di Ognibene Franco
Ognibene Franco ha risposto alla discussione #1327 1 Anno 2 Mesi fa
Cosa dire...
Il lavoro dell'infermiere è aperto a ventaglio in tantissime possibilità.
L'esperienza in realtà gestite male, può bruciare un infermiere che decide di cambiare rotta e fare un altra strada.