L'infermiera Mariarca Terracciano è morta, un malore legato alla sua protesta o per un qualcosa che era già in atto non lo spappiamo.

Penso che le speculazioni sul perchè non sia stata fermata su chi gli ha fatto i salassi, siano inutili, la magistratura dirà la sua verità sugli eventi occorsi.

Ma facendo uno sforzo importante proviamo a non pensare al dolore del momento ma riflettiamo su cosa ci ha lasciato Mariarca, un testamento importante un eredità da non disperdere, la volontà di difendere i propri diritti in un messaggio semplice "io ho lavorato e pretendo i miei soldi".

 Il suo messaggio è arrivato a noi grazie a Julie News e a infermierincazzatitv su youtube .

 

L'infermiere è un lavoro duro, ha dei momenti di tranquillità, ma ci sono periodi di tagli e i primi che ci rimettono, nelle aziende, sono gli organici. Nonostante i disagi creati, si continua andando avanti a testa bassa, aspettando lo stipendio. E con la speranza di un futuro migliore per noi e per i nostri figli.

Le ASL vanno verso un aziendalizzazione  e coinvolgono anche gli infermieri. Al Cardarelli ci sono infermieri da 4000 euro al mese sindacalisti o capo sala (LINK).

Ma noi lavoriamo per il cittadino.

Lavoriamo sotto organico anche quando sappiamo che ci sono le graduatorie per assumere altri infermieri deliberate, lavoriamo senza che sostituiscano le maternità, che sono a carico di altri istituti, lavoriamo quando i medici fanno arrivare troppi pazienti tutti insieme perchè dopo hanno il congresso.

Noi siamo infermieri e lavoriamo duro e allora fate sapere a tutti il messaggio di Mariarca scrivetelo e mettetelo in bacheca, vicino al marcatempo o lasciatelo in un soggiorno o dove vi pare.

 

"io ho lavorato e pretendo i miei soldi"

Mariarca Terraciano infermiera

 

Pin It
Accedi per commentare