master online infermieri

sentenza cassazionePubblicate le motivazioni del giudice sulla recente causa di demansionamento di un infermiere verso l'ASL Chieti, non riguarda l'OSS che somministra terapia, quello è un argomento acchiappa click.

La causa è stata respinta e le motivazioni della sentenza sono molto chiare, la documentazione fornita era carente.

L'argomento merita un approfondimento...

Nel testo il giudice analizza punto per punto la documentazione che gli è stata fornita e la motiva dettagliatamente.

L'osservazione che il giudice fa al capitolo 4 a me sembra un' analisi della documentazione ricevuta dalle parti in causa, dove probabilmente nel piccolo riassunto non fa dei distinguo particolari ma evidenzia che gli è stata data solo l'ennesima analisi documentale.

Infatti riporto:

Quanto al capitolo n.4 contenente una elencazione dei compiti svolti dagli OSS, oltre a dover rilevarsi che la somministrazione di terapie costituisce una attività comune a questo profilo e a quello degli infermieri, se ne rileva il carattere documentale (entrambe le parti hanno citato e riproposto il contenuto dell'Accordo tra il Ministro della sanità... ecc. ecc..)

La motivazione che il giudice ha riportato parte dall'analisi delle parti dei documenti capitolo per capitolo, gli elementi probatori fornivano un' analisi teorica che riportava genericamente gli eventi, ma nulla di più.

Il file della sentenza è scaricabile (Scarica la sentenza LINK) e ho sottolineato i passaggi salienti.

La sentenza punisce pesantemente il ricorrente che dovrà pagare 7000 euro più il 15 % per le spese processuali e le spese del proprio avvocato.

La decisione del giudice ci ricorda che l'ambito del demansionamento infermieristico riguarda un settore dell'avvocatura che sta diventando un' area specialistica, la scelta migliore nell'affrontare una causa richiede la sicurezza di non avere spese, rivolgendosi ad un sindacato o ad un' associazione.

 

 

Pin It
Accedi per commentare