Infermiere nel servizio 118: un'opportunità di impegno e professionalità

soccorritori 118

Gli infermieri sono spesso alla ricerca di nuove opportunità di carriera che possano non solo soddisfare le loro ambizioni professionali ma anche alimentare la loro passione per l'assistenza sanitaria.

Tra le molte strade possibili, il servizio di emergenza sanitaria 118 rappresenta una preziosa opportunità di lavoro per gli infermieri che desiderano mettere a frutto le proprie competenze e dedicarsi alla cura e al soccorso delle persone in situazioni di emergenza.

Questo articolo si propone di esplorare in dettaglio il ruolo dell'infermiere all'interno del 118, concentrandosi sulla presentazione dei mezzi di soccorso, gli strumenti specialistici presenti a bordo e il teleconsulto con la centrale operativa.

Scopriremo come gli infermieri che scelgono questa professione si trovano a fronteggiare sfide quotidiane, ma allo stesso tempo vengono gratificati nel sapere di avere un impatto significativo sulla vita delle persone, contribuendo in modo significativo alla sicurezza e al benessere della comunità.

Il ruolo dell’infermiere nel servizio 118

Gli infermieri che abbracciano questa sfida possono aspettarsi una varietà di casi, da situazioni di casistiche comuni a interventi critici.

Questa diversità rende ogni giornata unica, alimentando la passione per la professione e fornendo opportunità costanti per imparare e crescere.

L'infermiere riveste un ruolo chiave all'interno del servizio di emergenza sanitaria 118, difatti, oltre a fornire cure e assistenza ai pazienti in situazioni di emergenza, l'infermiere è responsabile anche delle decisioni cliniche e dell'organizzazione delle risorse a disposizione per garantire un intervento efficace.

L'impatto sociale del lavoro nell'ambito del servizio 118 è notevole. Gli infermieri sono spesso i primi operatori sanitari ad arrivare sul luogo di un'emergenza e giocano un ruolo fondamentale nel fornire cure immediate e stabilizzare i pazienti.

La loro prontezza e competenza nel gestire situazioni di emergenza possono fare la differenza tra la vita e la morte. Inoltre, gli infermieri del 118 lavorano a stretto contatto con altri professionisti sanitari, come medici, soccorritori e tecnici di emergenza sanitaria, formando un team coeso e collaborativo per garantire la migliore assistenza possibile.

Dal punto di vista personale, lavorare come infermiere nel servizio 118 può essere estremamente gratificante. Gli infermieri hanno l'opportunità di fare la differenza nella vita delle persone, offrendo supporto e cure quando sono più necessari.

Salvare una vita o alleviare il dolore di un paziente in situazioni di emergenza è un'esperienza che porta una grande soddisfazione personale.

Inoltre, questo lavoro offre la possibilità di sviluppare abilità di leadership, problem-solving e gestione dello stress, che possono essere applicate in molteplici contesti professionali. Infine, quindi, è importante tenere a mente che gli infermieri che scelgono di lavorare nel servizio 118 devono essere altamente qualificati e pronti a gestire situazioni di elevata complessità e stress.

Formazione e competenze necessarie

Come accennato precedentemente, lavorare come infermiere nel servizio 118 richiede una formazione specifica e competenze specializzate. Gli infermieri devono essere in possesso di una laurea in infermieristica e successivamente intraprendere percorsi di specializzazione nel campo dell'emergenza sanitaria.

La formazione continua è essenziale per mantenere le competenze aggiornate e acquisire nuove conoscenze riguardo alle migliori pratiche di soccorso e alle nuove tecnologie, difatti, vengono effettuate simulazioni realistiche che mettono gli infermieri di fronte a scenari di emergenza simulati che forniscono esperienze autentiche, consentendo agli infermieri di acquisire competenze pratiche in un ambiente controllato.

Gli infermieri, quindi, devono essere in grado di riconoscere e gestire una vasta gamma di condizioni mediche d'emergenza, come l'infarto miocardico, l'ictus, l'arresto cardiaco, le lesioni traumatiche e le reazioni allergiche gravi.

I Mezzi di Soccorso come Hub di Cura

Gli infermieri del servizio 118 sono responsabili della gestione delle ambulanze e dei mezzi di soccorso. Questo include l'organizzazione delle risorse, la manutenzione e la verifica delle attrezzature mediche, nonché la garanzia che i veicoli siano pronti per l'intervento.

Difatti, gli infermieri devono assicurarsi che le ambulanze siano completamente attrezzate con i dispositivi e gli strumenti necessari per fornire le dovute cure in emergenza.

I mezzi di soccorso utilizzati dal servizio 118 sono adeguatamente attrezzati per gestire una vasta gamma di emergenze mediche.

Tra i mezzi più comuni si possono trovare le ambulanze, che con le loro strisce catarifrangenti, i lampeggianti, le sirene e la loro immediata associazione con l'emergenza sono dotate di apparecchiature e strumenti medici essenziali per fornire cure di base e progettate per garantire il trasporto sicuro dei pazienti verso le strutture sanitarie più appropriate per le loro esigenze.

Inoltre, possono essere presenti mezzi specializzati come le auto-mediche, l’elisoccorso e le ambulanze Mike (con medico a bordo), che dispongono di attrezzature avanzate per interventi di emergenza, come la gestione avanzata delle vie aeree o la somministrazione di farmaci salvavita. (Per saperne di più leggi "I mezzi di soccorso utilizzati in Italia")

Strumenti specialistici a bordo

Le ambulanze e gli altri mezzi di soccorso del servizio 118 precedentemente menzionati sono dotati di strumenti specialistici per fornire cure avanzate ai pazienti.

Questi strumenti possono includere:

  • defibrillatori,
  • monitor cardiaci,
  • ventilatori,
  • strumenti per la gestione delle vie aeree,
  • elettrocardiogramma portatile,
  • kit per la rianimazione cardiopolmonare e farmaci di emergenza.

Gli infermieri che lavorano nel servizio 118 devono essere addestrati all'uso corretto di queste apparecchiature e strumenti per garantire una pronta e adeguata assistenza ai pazienti.

Ad esempio, i defibrillatori sono fondamentali per il trattamento delle situazioni di arresto cardiaco, l'elettrocardiogramma portatile permette una valutazione immediata della funzione cardiaca mentre i monitor cardiaci forniscono informazioni vitali e in tempo reale sulle condizioni del paziente.

Gli strumenti per la gestione delle vie aeree, come i tubi endotracheali, le cannule di Guedel e i dispositivi per la ventilazione, consentono di mantenere la respirazione del paziente in caso di difficoltà respiratorie.

Infine, l'accesso a farmaci di emergenza permette agli infermieri (previa autorizzazione del medico o della C.O.) di intervenire tempestivamente per gestire il dolore, controllare le condizioni cardiovascolari e stabilizzare il paziente in attesa del trasporto in ospedale.

Teleconsulto con la centrale operativa

Una caratteristica importante del lavoro nell'ambito del servizio 118 è la possibilità di effettuare teleconsulto con la centrale operativa.

Questo permette agli infermieri non solo di riferire gli orari di arrivo e di partenza, ma anche di comunicare direttamente con un medico di base o con un medico specialista per ottenere indicazioni e supporto nella gestione di casi complessi.

Attraverso un sistema di comunicazione audio o video, l'infermiere può trasmettere informazioni sul paziente alla centrale operativa, consentendo al medico di fornire indicazioni specifiche per il trattamento.

Il teleconsulto consente una valutazione iniziale del paziente, l'ottenimento di indicazioni specifiche per il trattamento e la possibilità di chiedere consigli su decisioni cliniche complesse.

Questa comunicazione diretta con la centrale operativa consente agli infermieri di lavorare in modo più efficace ed efficiente, garantendo una migliore gestione delle emergenze.

Conclusioni

In conclusione, considerare il 118 come opportunità di lavoro significa abbracciare una carriera che trasforma il concetto di assistenza al paziente, portandolo ad un livello prima sconosciuto.

I mezzi di soccorso diventano un'estensione delle mani esperte degli infermieri, gli strumenti specialistici si trasformano in alleati affidabili, e il teleconsulto con la centrale operativa rappresenta un ponte diretto verso la salute del paziente.

Gli infermieri che scelgono questa strada non solo si trovano al centro delle emergenze mediche, ma diventano veri e propri eroi anonimi, pronti a intervenire in ogni momento per garantire il soccorso e la cura necessari in situazioni di emergenza.

Difatti, ogni azione, ogni decisione, è intrisa della dedizione profonda di chi ha scelto di essere un custode della salute in situazioni di emergenza, trasformando ogni viaggio in un atto di salvezza.

 

Foto di Pavel Danilyuk

Formazione, corsi e FAD gratuiti

Domenica 12 maggio, in occasione del 19° Congresso Nazionale di ANIMO ho partecipato a...
Il Corso FAD gratuito da 1 credito ECM per infermieri e altri professionisti sanitari...

Studenti, letture specialistiche

15 Maggio Patologie
Introduzione L'ascite, dal greco "askos" che significa sacco, è una condizione medica...
03 Maggio Patologie
Neisseria meningitidis (il meningococco) è un batterio Gram-negativo che colonizza in...

Concorsi appena pubblicati