prelievo arterioso

  • neonatoIl prelievo ematico è una delle procedure più praticate in ambito ospedaliero e/o domiciliare, rientra nelle competenze dell’infermiere e, saper eseguire un prelievo ematico, rappresenta uno dei prerequisiti fondamentali per l’esercizio della professione.

    Per prelievo ematico si intende la raccolta di una quantità limitata di sangue attraverso la puntura di una vena, un’arteria o un capillare. Pertanto il prelievo ematico si suddivide in : prelievo venoso, arterioso e capillare.

  • Il prelievo arterioso per tantissimi è una delle tecniche infermieristiche più difficoltose per la precisione necessaria nel fare il foro, questo comporta che è spesso riferita dai pazienti come un esperienza molto dolorosa.

    Il video che vi ripropongo è didattico realizzato dal corso di infermieristica Miulli, presenta una bella procedura ma soprattutto spiega molto bene come fare un test di Allen, uno dei pochi test che dobbiamo fare prima di un EGA per capire se è controindicato forare l'arteria radiale.

  • Per cateterismo arterioso s’intende l’introduzione di una cannula o di un catetere all’interno di un’arteria palpabile (a eccezione dell’arteria carotide). Il cateterismo arterioso permette di misurare in modo continuo la pressione arteriosa (sistolica, media e diastolica) e di prelevare rapidamente campioni di sangue per fare un’emogasanalisi.