Elezioni politiche 2022: gli infermieri voteranno?

Quanti infermieri lavorano fuori regione? Tantissimi. Quanti infermieri andranno in ferie per andare a votare fuori regione? Nessuno...

La campagna del non voto è sempre all'opera vuoi spontaneamente o che sia pagata, perchè i candidati politici sono avvantaggiati dall'adesione che ricevono dai non votanti.

Il voto è un diritto previsto dall'art.48 della costituzione: Il voto è personale ed eguale, libero e segreto. Il suo esercizio è dovere civico.

art 48

Sento molte persone che sono pessimiste sulla politica e non prendono posizione, non vanno a votare perchè credono che non cambierebbe nulla con il loro voto. 

Forse nel risultato finale non sarà il mio voto a determinare chi va al governo, ma chi non vota pensando di essere inerte al sistema e che non riuscirà ad influenzare i politici si sbaglia di grosso.

Il non votare ha un effetto negativo a livello nazionale per tanti motivi.

Il numero di voti è importante, se ci sono ad esempio 10 persone che devono votare fra tre rappresentanti, e si sa che 4 non voteranno, i rappresentanti si concentreranno sui rimanenti 6 pianificando i loro obiettivi su quei 6.

Quando i votanti diminuiscono in uno stato l'effetto sui politici e i partiti è deleterio, se il politico sa che pochi italiani vanno al voto, imposterà la sua campagna e le sue dichiarazioni solo sui fedelissimi e quindi accentuerà i toni estremisti del proprio partito.

Gli infermieri saranno artefici del non voto, favoriranno la politica estremista?

Molti lavorano fuori regione e le aziende sanitarie pubbliche e i coordinatori potrebbero non essere incentivati a ricordargli di andare a votare.

I motivi nascono dai problemi di gestione delle assenze contemporanee, ma anche perchè il costo sarebbe a carico del datore di lavoro.

Non mi sembra che nemmeno i sindacati si siano fatti avanti per incentivare e consentire ai lavoratori fuori regione di vedere rispettato il proprio diritto al voto.

La politica degli ultimi decenni ha preso una china molto brutta, perchè è disincentivante per il voto e i complottisti potrebbero vederci qualcosa, ma sarebbe tempo perso.

Il 25 settembre puoi essere un ombra che resta a casa e che favorisce la decadenza del sistema politico attuale, oppure, il 25 settembre 2022 va a votate, fa vedere ai politici che il popolo italiano c'è.

Non sai cosa votare, al limite metti una croce a caso, ma va a votare.

Il tuo voto darà peso anche alla professione, perchè quando una comunità di professionisti non va a votare allora la politica li ignora e lo vediamo anche con l'attesa interminabile del rinnovo di questo CCNL.

Se siamo una forza che vota allora i politici ci ascolteranno di più.

Formazione, corsi e FAD gratuiti

Il Corso FAD gratuito per infermieri dal titolo "Esercizio Fisico nella malattia renale...
Il delirium del paziente è stato un argomento discusso in occasione del 19° Congresso...

Studenti, letture consigliate

15 Maggio Patologie
L'ascite, dal greco "askos" che significa sacco, è una condizione medica caratterizzata...
03 Maggio Patologie
Neisseria meningitidis (il meningococco) è un batterio Gram-negativo che colonizza in...

Concorsi appena pubblicati