Il film si chiama "puncture" l'ho visto ieri su Sky e sono rimasto stupito come un incidente infermieristico sia l'incipit e la base della storia di un film.

Un infermiera su punge con un ago e muore di HIV, ha un parente che aveva inventato una siringa con ago di sicurezza che si sente in colpa e assume due avvocati. Ovviamente il sistema li isola e li contrasta, il film mostra altri aspetti, però...

 Il film poteva essere interessante peccato per la scelta di Evans come avvocato tossicomane ammalato stona con la sua fisicità che non poteva nascondere, se avessero scambiato i personaggi ne sarebbe uscito un ottimo film.

Il film parte da un problema enorme per tutti gli infermieri, la puntura accidentale che porta a positività in questo caso HIV poi si focalizza sugli avvocati che si scontrano con un sistema di monopolio degli acquisti, in Italia avremmo altre definizioni.

I due avvocati soci e personaggi in antitesi uno tossicomane e uno tutto lavoro e famiglia si scontreranno con il sistema che viene presentato egregiamente con interventi realistici ad esempio, parla con l'ufficio acquisti e lo invitano a non parlare con le infermiere che poi vogliono acquistare il prodotto, va ai congressi per 25.000 dollari e gli dicono bene non serve a nulla servono i milioni.

 

I dati che passano nel film sono 3:

-800.000 le punture accidentali in america,

-diffusione dell'HIV in Africa a causa del riutilizzo delle stesse siringhe di plastica

-causa vinta nel 2004

Puncture (2011)

 

Ora la diffusione dei sistemi di protezione dell'ago in America è iniziata 10 anni fa e in Italia?

Quanti incidenti ci sono?

Un dato estrapolato parla di oltre 50.000 (LINK) e se un infermiere si punge e acquisisce una positività perchè l'ospedale non usa siringhe con sistema di protezione dell'ago è possibile un ricorso?

Sicuramente no, non siamo in America, la sentenza arriverebbe dopo decenni...

 

 

 

Log in to comment