Primo annuncio, si terrà il 12 marzo il convegno "Slow nursing - il tempo per l’assistenza l’infermiere fra competenze ... e inganno formativo" .

Slow nursing è un movimento di libera cultura e libera riflessione sulla professione infermieristica e la società, luogo di libertà di pensiero, palestra della parola libera da timori, condizionamenti o interessi.

Movimento autentico perché sospinto da protagonisti autentici, che rifiutano qualsiasi pressione estranea al libero confronto e la riflessione per la crescita della professione infermieristica e offrire alla società una assistenza migliore possibile.

Slow nursing non utilizza mezzi o sotterfugi o compromessi per realizzare il proprio fine, ma persegue la realizzazione della emancipazione culturale della professione infermieristica e la dignità dell'infermiere.

Slow nursing rifiuta il principio "il fine giustifica i mezzi".

Slow nursing non considera il successo ad ogni costo, che è il valore distorto eppure dominante nella società, ma indica il valore pregnante ed etico del come si percorre la strada per arrivare all'obbiettivo.

Strumento culturale di analisi disincantata della realtà, disvelando ipocrisie, menzogne e inganni che alterano fino ad impedire una formazione e un'assistenza di qualità ed efficacia. Incontro di idee per rivendicare una formazione autentica e per un aggiornamento delle conoscenze e l'acquisizione di competenze corrispondenti alla mission, al profilo e alla deontologia della professione infermieristica.

Rivendicare il tempo quale competenza fondamentale e distintiva dell'infermiere:

tempo di prevenzione, di assistenza, di cura, di vita.

Slow nursing come strumento per affermare con dedizione, impegno ed onestà la realizzazione sinergica di una buona politica della salute: infermieri che curano e cittadini che si prendono cura dei curatori.

Slow nursing è agire in modo trasparente, etico e deontologico nell'evidenza scientifica e la competenza. Le parole assumono concreta forma nel realizzare il secondo convegno.

E la chiave del convegno si esprime con: "conoscere per comprendere - scegliere per essere".

Luciano Urbani

http://www.inferweb.net/

 

Pin It
Accedi per commentare