L'infezione da Meningococco e l'interazione con l'uomo

analisi batteri

Neisseria meningitidis (il meningococco) è un batterio Gram-negativo che colonizza in modo asintomatico il rinofaringe dal 4% al 20% degli esseri umani

Per ragioni sconosciute, N. meningitidis può invadere il flusso sanguigno dove diventa uno dei patogeni batterici extracellulari più dannosi. 

In alcuni casi, la meningococemia progredirà rapidamente verso uno shock settico che porta nei casi peggiori a una porpora fulminante , una risposta infiammatoria sistemica acuta associata a una coagulazione intravascolare e necrosi tissutale.

In alternativa, N. meningitidis può essere responsabile della meningite cerebrospinale dopo aver attraversato la barriera ematoencefalica. 

Il tasso di mortalità della malattia meningococcica è del 10-15% e può arrivare fino al 40% in caso di porpora fulminante, con il 20% dei sopravvissuti che hanno sequele permanenti.

Il ciclo infettivo di Nmeningitidis comporta la colonizzazione di due diversi ambienti:

  1. il rinofaringe umano da cui i batteri vengono trasmessi da persona a persona tramite goccioline di aerosol o contatto diretto con fluidi contaminati. In questo ambiente cresce sulla parte superiore delle cellule epiteliali che producono muco. 
  2. nei fluidi extracellulari inclusi sangue e liquido cerebrospinale.  

Colonizzazione del nasofaringe

Il rinofaringe è rivestito da due tipi di epiteli:

  • un epitelio squamoso stratificato che copre il 60% del rinofaringe,
  • un epitelio respiratorio colonnare. 

Le cellule epiteliali delle vie aeree sono ricoperte da un liquido superficiale, a sua volta composto da uno strato liquido periciliare a bassa viscosità e da un muco ad alta viscosità rivolto verso il lume e contenente polimeri mucine e peptidi antimicrobici. 

Il muco delle vie aeree svolge il ruolo di barriera fisica. Facilita inoltre l'eliminazione di particelle o batteri attraverso la clearance mucociliare. 

Infatti, le cellule epiteliali delle vie aeree esprimevano ciglia che battevano in modo sincrono per consentire la clearance del liquido superficiale delle vie aeree (a una velocità di 6,9 ± 0,7 mm/min) dal polmone alla faringe e dal naso alla la faringe da dove viene ingerito il muco. 

Questo meccanismo è considerato la principale difesa contro microrganismi e particelle. 

Drenato continuamente da altri compartimenti delle vie aeree e incapace di sfuggire alla clearance del mucoNmeningitidis è vincolato alla mucosa nasofaringea all'incrocio delle due scale mobili mucociliari.

Il muco delle vie aeree possiede anche proprietà batteriostatiche e batteriolitiche che limitano la crescita dei batteri e ha caratteristiche importanti come:

  1. Il muco è un mezzo nutritivo povero con bassa concentrazione di glucosio e ferro,
  2. è arricchito in peptidi/proteine ​​antimicrobici, componenti del sistema del complemento e immunoglobuline secretorie specifiche A che funzionano prevenendo l'attaccamento dei batteri ai componenti del muco stesso .

La nicchia naturale dei meningococchi è il rinofaringe umano e questi batteri si adattano perfettamente a questa nicchia. 

N. meningitidis è in grado di utilizzare diverse fonti di carbonio tra cui glucosio, piruvato e lattato, quest'ultimo trovato nel muco nell'intervallo millimolare durante l'infiammazione delle vie aeree. 

È anche particolarmente ben attrezzato per catturare il ferro (vedi sotto n. 3). 

N. meningitidis esprime la proteasi IgA ed è estremamente ben attrezzato per sopravvivere contro il sistema immunitario innato attraverso l'espressione di una capsula polisaccaridica, il lipooligosaccaride (LOS) e la proteina legante il fattore H.

I meningococchi esprimono anche la pompa di efflusso MtrCDE che scarica peptidi antimicrobici. 

D'altra parte,  N. meningitidis è privo di tossine classiche, proteasi o sistema di secrezione di tipo VI.

Il muco è fortemente colonizzato da un microbiota complesso  che non sembra essere favorevole alla colonizzazione da parte di altre specie batteriche. 

Invasione dei meningococchi nel flusso sanguigno

blood 1813410 1280

I meccanismi con cui i meningococchi lasciano il rinofaringe e invadono il flusso sanguigno rimangono sconosciuti. 

È interessante notare che due studi hanno osservato che l'infezione di cellule epiteliali completamente differenziate tratteneva i meningococchi nel dominio apicale, suggerendo che le cellule epiteliali differenziate prevengono la diffusione dei meningococchi. 

Ulteriori esperimenti utilizzando le cellule Calu-3 nella coltura dell'interfaccia aria-liquido, un modello in cui le cellule vengono cresciute con il dominio apicale rivolto verso l'aria, che genera un modello più morfologicamente rappresentativo dell'epitelio delle vie aeree con una topografia apicale più robusta e una maggiore secrezione di glicoproteina.

Sarà necessario per affrontare la questione della colonizzazione fisiologicamente rilevante delle cellule epiteliali.

Va sottolineato che circostanze, come infezioni virali o condizioni climatiche eventualmente responsabili di danneggiare l'epitelio delle vie aeree possono favorire infezioni meningococciche. 

Colonizzazione del comparto vascolare

Una volta nel sangue, il meningococco beneficia degli stessi fattori di virulenza che ne assicurano la sopravvivenza nel muco per sopravvivere e proliferare nel sangue:
  • la capsula polisaccaridica e la LOS,
  • la proteina legante il fattore H (fHBP),
  • la pompa di efflusso MtrCDE,
  • fino a quattro diversi trasportatori per catturare il ferro, comprese le proteine ​​​​leganti la transferrina,
  • le proteine ​​​​leganti la lattoferrina e due sistemi di trasporto dell'eme indipendenti che riconoscono l'emoglobina e l'aptoglobina-emoglobina.

Il fattore di virulenza che sembra essere specifico dell'infezione del sangue è il pilus di tipo IV, che è l'unico mezzo attraverso il quale i meningococchi capsulati aderiscono alle cellule endoteliali in vivo. 

L'importanza della colonizzazione delle cellule endoteliali, il tallone d'Achille dei meningococchi

L'esame di campioni post mortem di meningococcemia ha mostrato che N . meningitidis forma grandi colonie sulla superficie apicale delle cellule endoteliali capillari in tutto il corpo, inclusi milza, pelle, fegato, reni, cuore e cervello. 

Si osserva retrazione delle cellule endoteliali, rottura capillare, emorragie e trombi luminali. 

Queste osservazioni sono rare rispetto alla maggior parte dei patogeni batterici invasivi. 

Pertanto, la capacità specifica di Nmeningitidis di colonizzare e interagire in modo specifico con i microvasi periferici e cerebrali è probabilmente responsabile della sua capacità sia di attraversare la barriera emato-encefalica sia di indurre una sindrome trombotica/di dispersione che nelle forme gravi porta alla porpora fulminante

L'interazione meningococcica con le cellule endoteliali è specifica delle cellule umane. 

I meningococchi non sono in grado di interagire con alcuna cellula non umana, ostacolando così la capacità di studiare i meccanismi e le conseguenze di questa interazione in vivo. Recentemente, è stato sviluppato un modello umanizzato che utilizza topi con immunodeficienza combinata grave innestati con pelle umana (Join-Lambert et al., 2013). 

In questo modello, in cui i vasi di origine umana dall'innesto si anastomizzano ai vasi del topo, N . meningitidis aderisce prontamente alle cellule endoteliali umane. 

I danni vascolari indotti da batteri sono molto simili a quelli descritti nei pazienti, inclusi infiltrati perivascolari, trombosi e perdite vascolari associate a vasi gravemente infetti (Harrison et al.,2002) che alla fine portano alla morte di animali innestati infetti (Capel et al., 2017). 

Inoltre, i danni vascolari sono localizzati solo nei vasi colonizzati da meningococchi. Capel et al. ha mostrato che l'adesione ai vasi cutanei umani è un prerequisito per la virulenza di Nmeningitidis e il mantenimento di una batteriemia sostenuta perché i batteri incapaci di aderire ai microvasi vengono rapidamente eliminati dal flusso sanguigno (Capel et al., 2017). 

Complessivamente, questo sottolinea il ruolo essenziale della colonizzazione microvascolare nella patogenesi meningococcica (Figura 1B).

A causa del ruolo predominante dell'adesione meningococcica nella patogenesi, il targeting della colonizzazione batterica nei microvasi rappresenta una strategia particolarmente promettente nel trattamento delle infezioni meningococciche invasive. 

Di recente Denis et al. hanno identificato una famiglia di composti, che promuove in pochi minuti la perdita dei pili di tipo IV (vedi paragrafo successivo) e, successivamente, altera tutte le funzioni svolte da queste strutture, compresa la motilità contratta e l'aderenza alle cellule endoteliali umane (Denis et al., 2019). 

Usando il modello murino umanizzato dell'infezione cutanea, hanno dimostrato che questi composti esercitano un forte effetto protettivo contro gli eventi fisiopatologici che si verificano durante la meningococemia. 

Riducono la colonizzazione dei vasi umani da parte dei meningococchi circolanti e prevengono le successive disfunzioni vascolari, la coagulazione intravascolare e l'infiammazione schiacciante, i segni distintivi delle infezioni meningococciche invasive. 

Infine, in coerenza con il ruolo della nicchia vascolare nel promuovere una batteriemia sostenuta che porta alla letalità dei topi (Capel et al., 2017), questi composti riducono la batteriemia e aumentano la sopravvivenza dei topi. 

In associazione con gli antibiotici, riducono le risposte infiammatorie e trombotiche vascolari che si sono dimostrate altamente dannose e correlate alla gravità della malattia nei pazienti (Girardin, Grau, Dayer, Roux-Lombard e Lambert, 1988; van Deuren et al., 1995; Waage, Brandtzaeg, Halstensen, Kierulf, & Espevik, 1989).

Le molecole identificate (trifluoperazina e tioridazina) appartengono alle fenotiazine, una famiglia di composti precedentemente utilizzati in medicina umana per il trattamento dei disturbi psicotici. 

A causa dell'insieme ben conservato di proteine ​​coinvolte nella biosintesi del pilus di tipo IV nei batteri Gram-negativi, l'interferenza con l'interazione della cellula ospite mediata da Tfp da parte di queste fenotiazine rappresenta una strategia interessante per modificare il decorso delle malattie indotte dai patogeni batterici piliati. 

I dati suggeriscono fortemente che queste fenotiazine prendono di mira il complesso di pompaggio del sodio NADH:ubichinone ossidoreduttasi (Na + ‐NQR).  

Questo complesso proteico, altamente conservato tra numerosi batteri non patogeni e patogeni, crea una forza motrice del sodio attraverso la traslocazione di Na +attraverso la membrana cellulare interna. 

In molti batteri patogeni, il gradiente Na+ è un sito di ingresso degli elettroni nella catena respiratoria verso la sintesi di ATP o per sostenere l'omeostasi ionica, i trasporti dei nutrienti, la rotazione del flagello e altri processi essenziali (Juarez & Barquera, 2012 ; Reyes-Prieto, Barquera, & Juarez, 2014). 

È interessante notare che i mutanti isogenici meningococcici, privi di singoli geni nqr erano scarsamente piliati e aggregati, collegando così la piliazione e l'attività di pompaggio di Na + mediata da NQR. Resta da esplorare come questo gradiente di sodio influisca sulla dinamica del pilus di tipo IV.

4.2. Pili di tipo IV e loro interazione con i recettori cellulari umani

I Tfp sono fibre polimeriche lunghe e dinamiche costituite da monomeri pilin (Egelman, 2017; Kolappan et al., 2016). 

Questa fibra è assemblata da una piattaforma nella membrana interna (PilM,N,O,P,G). Due ATPasi consentono l'allungamento (PilF) e la retrazione (PilT) della fibra che sporge attraverso la secretina PilQ (Hospenthal, Costa e Waksman, 2017). 

La fibra è composta dal nucleo monomerico pilin PilE e da tre pilin minori responsabili dei fenotipi associati al Tfp. ComP è responsabile della competenza naturale per la trasformazione del DNA (Brown, Helaine, Carbonnelle, & Pelicic, 2010 ; Cehovin et al., 2013); PilV è coinvolto nell'adesione e nella segnalazione alle cellule umane (Bernard et al., 2014; Mikaty et al., 2009) e il pilin minore PilX è essenziale per promuovere le interazioni interbatteriche, un processo chiamato aggregazione (Helaine et al., 2005; Helaine, Dyer, Nassif, Pelicic e Forest, 2007). 

L'aggregazione dei batteri è consentita dall'interazione tra pili antiparalleli ed è un aspetto chiave della colonizzazione. In effetti, un mutante difettoso di PilX è piliato e non è in grado di formare aggregati o colonie sulla parte superiore delle cellule endoteliali. 

Questa interazione tra pili antiparalleli esercita anche forze su entrambe le fibre che sono responsabili di una transizione tra due conformazioni: una conformazione compressa e una allungata. 

Questa transizione rivela nuovi epitopi, precedentemente sepolti nella fibra e coinvolti nell'interazione con i recettori cellulari (vedi sotto; Biais, Higashi, Brujic, So, & Sheetz, 2010 ; Brissac, Mikaty, Dumenil, Coureuil e Nassif, 2012 ; Kolappan et al., 2016). 

Inoltre, la dinamica degli aggregati batterici è fondamentale durante la colonizzazione della rete capillare del sangue. Bonazzi et al. ha recentemente rivelato che l'ATPase PilT guida l'adattamento degli aggregati alla geometria tubolare che si trova nei capillari, una proprietà necessaria per la colonizzazione dei vasi sanguigni (Bonazzi et al., 2018).

Allegato iniziale di N . meningitidis alle cellule endoteliali richiede l'interazione di tfp con i recettori cellulari umani. 

Diversi recettori sono stati proposti come in grado di interagire con la Tfp: la proteina regolatrice del complemento CD46, il recettore della laminina o il recettore del fattore di attivazione delle piastrine (Jen et al., 2013; Kallstrom, Liszewski, Atkinson, & Jonsson, 1997; Kirchner, Heuer , & Meyer, 2005 ; Orihuela et al., 2009). 

Durante l'ultimo decennio, CD147 (noto anche come Basigin/Emmprin) è stato identificato come un importante recettore di adesione sia sul cervello che sulle cellule endoteliali periferiche. 

CD147 è un membro della superfamiglia delle immunoglobuline (Ig) che comprende due domini simili a Ig (Iacono, Brown, Greene e Saouaf, 2007).  CD147 è reclutato massicciamente nei siti di N. adesione meningitidis . 

Questo reclutamento precede il riarrangiamento citoscheletrico specifico della segnalazione meningococcica sulle cellule endoteliali (Carbonnelle et al., 2009). 

Bernardo et al. ha mostrato che CD147 interagisce direttamente con PilE e PilV ricombinanti, in contrasto con altri pilin minori: PilX e ComP (Bernard et al., 2014).

È interessante notare che CD147 è associato in un complesso preformato con la proteina di scaffolding α-actinina-4 e il recettore β2-adrenergico (β2AR; famiglia del recettore accoppiato alla proteina G [GPCR]). 

Questa associazione preesistente facilita l'attivazione del β2AR da parte delle due piline PilE e PilV che attivano e amplificano una via di segnalazione βarrestin-dipendente che porta all'arricchimento delle proteine ​​ERM. 

Queste proteine ​​ancorano la rete di actina nel sito di adesione batterica in una struttura denominata placca corticale (Coureuil et al., 2010; Maissa et al., 2017; Merz, Enns, & So, 1999; Slanina, Hebling, Hauck e Schubert ‐Unkmeir, 2012). 

La polimerizzazione dell'actina è la conseguenza del reclutamento locale di ErbB2, piccole Rho GTPases e quella dell'attivazione della tirosina chinasi Src. 

Questa segnalazione cellulare è responsabile dell'allungamento delle sporgenze della membrana della cellula ospite che stabilizzano le colonie batteriche sulla superficie dei vasi sanguigni (Coureuil et al., 2010; Lambotin et al., 2005; Mikaty et al., 2009).

Inoltre, è stato recentemente proposto che l'interazione di Tfp con la membrana plasmatica della cellula ospite ne inneschi il rimodellamento come sporgenze discrete e dinamiche in un processo che ricorda la bagnatura della membrana (denominata bagnatura 1D; Charles-Orszag et al., 2018). 

Gli autori suggeriscono che la bagnatura 1D della membrana guida la successiva polimerizzazione dell'actina e il reclutamento di proteine ​​associate alla placca corticale. 

In questo contesto, il ruolo esatto della bagnatura 1D nel rimodellamento della superficie apicale indotto da β2AR non è chiaro; tanto più dal momento che il coinvolgimento di questo precedente fenomeno nella segnalazione indotta da meningococco non è stato formalmente dimostrato.

La natura dell'epitopo preso di mira dal Tfp meningococcico sui loro recettori cellulari è ancora sconosciuta. 

Ad oggi, gli studi volti a dimostrare l'interazione recettore-pilina non hanno mai rivelato come entrambi i partner interagiscono tra loro. Alcune evidenze suggeriscono che il Tfp di altri agenti patogeni interagisca con i carboidrati della cellula ospite. 

Ad esempio, il Tfp di Pseudomonas aeruginosa legano i complessi N-glicani (Bucior, Pielage, & Engel, 2012) e quello di Vibrio parahaemolyticus interagiscono con la chitina, un polimero a catena lunga della N-acetilglucosamina (Frischkorn, Stojanovski e Paranjpye, 2013). 

Un recente studio di Mubaiwai et al. ha rivelato che il Tfp del ceppo meningococcico MC58 può interagire con complessi N-glicani come il ganglioside GD2, un glicano composto da un nucleo GalNAcβ1-4Galβ1-4Glc e un acido sialico terminale (Neu5Ac; Mubaiwa et al., 2017). 

Tuttavia, questo glicano è espresso solo nel cervelletto e nei nervi periferici nell'uomo e non può spiegare la capacità dei meningococchi di colonizzare i vasi umani (Ahmed & Cheung, 2014). 

Un'altra questione aperta è il ruolo delle forze meccaniche applicate da Tfp. Infatti, utilizzando pinzette ottiche, Biais et al. ha mostrato che la retrazione di un singolo pilus genera forze fino a 110 pN. 

I pacchi di Tfp, che risultano dall'associazione da otto a 10 pili, fungono da unità a scomparsa coordinate. Pertanto, i fasci possono generare forze di retrazione nell'intervallo dei nanonewton (Biais, Ladoux, Higashi, So e Sheetz, 2008). 

È interessante notare che alcuni GPCR sono stati descritti come meccanosensori e, come tali, possono rilevare la tensione della membrana. 

Ad esempio, il recettore dell'angiotensina II di tipo 1 è in grado di rilevare lo stiramento della membrana (Wang, Hanada, Gareri e Rockman, 2018) e il recettore dell'ormone paratiroideo di tipo 1 rileva i segnali meccanochimici nelle cellule preosteoblatiche (Zhang, Frangos e Chachisvilis, 2009). 

La possibilità che CD147 e/o β2AR possano essere coinvolti nel meccanosensing delle forze di trazione del Tfp deve essere ulteriormente studiata.

4.3. Conseguenze della colonizzazione dei vasi sanguigni

vasi sanguigni ia generate

Una delle principali conseguenze dell'adesione batterica alle cellule endoteliali è la perdita dell'integrità dei vasi. 

N. meningitidis provoca perdite vascolari attraverso diverse vie parallele che alla fine portano allo smontaggio sia degli aderenti che delle giunzioni strette, che è probabile che sia responsabile in vivo della sindrome da perdita periferica e nel cervello dell'attraversamento della barriera ematoencefalica. 

A seguito dell'adesione batterica alle cellule endoteliali, la proteina VE-caderina della giunzione aderente viene riposizionata nei siti di adesione batterica tramite la localizzazione errata del complesso di polarità Par3/6 (Coureuil et al., 2009). 

Inoltre, N. meningitidispromuove anche la scissione dell'occludina (un componente delle giunzioni strette) da parte della metalloproteinasi MMP-8, alterando ulteriormente la sigillatura delle giunzioni intercellulari (Schubert-Unkmeir et al., 2010). 

Inoltre, N. meningitidis attiva altri eventi di segnalazione nelle cellule endoteliali, ma le loro esatte conseguenze sull'integrità dell'endotelio non sono state ancora valutate.

I meningococchi inducono il rilascio di calcio dalle cellule ospiti dai depositi intracellulari (Asmat, Tenenbaum, Jonsson, Schwerk e Schroten, 2014 ); Arresto del ciclo cellulare dipendente da p21 e ciclina G2 in fase S (Oosthuysen, Mueller, Dittrich e Schubert-Unkmeir, 2016).

Esposizione a sfingomielinasi acida (ASM) e ceramide nel dominio contenente ErbB2 sulla membrana plasmatica (Simonis, Hebling, Gulbins, Schneider-Schaulies e Schubert-Unkmeir, 2014).

Un'altra importante conseguenza dell'interazione meningococcica con le cellule endoteliali è un aumento dell'attività procoagulante dell'endotelio. 

Infatti, la meningococemia è molto spesso complicata da eventi trombotici. Fino al 70% dei pazienti sviluppa una porpora cutanea che riflette la trombosi microvascolare cutanea e lo stravaso di globuli rossi (Thompson et al., 2006 ). 

Inoltre, circa il 25% dei pazienti sviluppa una sindrome da porpora fulminante che associa estesa trombosi cutanea, necrosi ischemica della pelle e degli organi (come le ghiandole surrenali) e un grave shock settico (Powars et al., 1993). 

Tutti questi eventi trombotici sono molto più comuni nella meningococcemia che in qualsiasi altra infezione batterica, suggerendo che i meningococchi inducono una specifica disregolazione della coagulazione. 

Il modello murino umanizzato della colonizzazione vascolare meningococcica sopra descritto ha svelato un passo importante nello sviluppo della trombosi durante la meningococemia: in questo modello, la trombosi era specificamente associata all'adesione meningococcica alle cellule endoteliali umane. 

Questi risultati suggeriscono che l'interazione meningococcica con le cellule endoteliali è un fattore chiave per la trombosi. 

Mentre i meningococchi esprimono fattori protrombotici comuni (come la LOS che media l'espressione del fattore tissutale [Mirlashari, Hoiby, Holst e Lyberg, 2001; Ovstebo et al., 2012; Schlichting, Lyberg, Solberg e Andersen,1993]), un recente lavoro ha dimostrato che l'adesione mediata da Tfp meningococcica sulle cellule endoteliali induce specificamente l'attivazione di una proteasi membranosa, una metalloproteasi 10 della disintegrina, che successivamente scinde il recettore della proteina C endoteliale (EPCR) in un processo noto come shedding. 

Questo spargimento è dannoso nel contesto della meningococcemia. Infatti, EPCR normalmente lega la proteina C (PC) e questo legame accelera il tasso di attivazione del PC. 

La proteina C attivata (aPC) è un potente anticoagulante che scinde diversi fattori della coagulazione e, in tal modo, previene qualsiasi attivazione schiacciante della coagulazione. 

Un grave deficit acquisito o congenito di PC è di per sé una causa di porpora fulminante non infettiva, dimostrando il ruolo chiave di questa proteina nella prevenzione di questa sindrome. 

Quindi, l'adesione mediata da Tfp meningococcica sulle cellule endoteliali, inducendo la dispersione dell'EPCR, altera il feedback negativo dell'aPC sulla coagulazione (Lecuyer et al., 2018 ). 

Finora, tale disregolazione del sistema di coagulazione sembra essere specifica del meningococco. Inoltre, la fibrinolisi che termina con la distruzione del coagulo di fibrina è compromessa anche durante l'infezione meningococcica. 

Infatti, la LOS meningococcica induce il rilascio dell'inibitore dell'attivatore del plasminogeno inibitore della fibrinolisi da parte dei monociti, e questo certamente contribuisce all'estesa trombosi microvascolare (Mirlashari et al., 2001 ; Schlichting et al., 1993).

5. Conclusione

Numerosi studi volti a comprendere come Nmeningitidis colonizzare la nicchia faringea, diffondere e colonizzare i vasi sanguigni sono stati effettuati e hanno fornito una chiara panoramica di Nmeningitidis interazione con le cellule epiteliali ed endoteliali, fornendo una via promettente per il trattamento delle malattie meningococciche invasive. 

Tuttavia, finora, la mancanza di modelli adeguati ha limitato la nostra comprensione della colonizzazione meningococcica delle vie aeree superiori o quella dell'apertura della barriera ematoencefalica. 

La comprensione della “fase di colonizzazione” di Nmeningitidis è un prerequisito per affrontare il percorso di diffusione responsabile della disseminazione nel flusso sanguigno.

Ringraziamenti

Il laboratorio di X. N. è supportato dalla "Fondation pour la Recherche Médical", dall'"Agence Nationale de la Recherche", dall'INSERM, dal CNRS e dall'Università Paris Descartes. X. N. e S. B. sono stati supportati da borse di ricerca in collaborazione dall'Agence Nationale de la Recherche della Francia (ANR-14-CE14-0010 e ANR-14-IFEC14-0006). 

M. C. è stato sostenuto da un assegno di ricerca dell'Agence Nationale de la Recherche di Francia (ANR‐15‐CE15‐0002‐01).

Informazioni sul contributore

Fonti: 

Coureuil M, Jamet A, Bille E, Lécuyer H, Bourdoulous S, Nassif X. Molecular interactions between Neisseria meningitidis and its human host. Cellular Microbiology. 2019;21:e13063. https://doi.org/10.1111/cmi.13063

Immagini:

Formazione, corsi e FAD gratuiti

Il Corso FAD gratuito per infermieri dal titolo "Esercizio Fisico nella malattia renale...
Il delirium del paziente è stato un argomento discusso in occasione del 19° Congresso...

Studenti, letture consigliate

15 Maggio Patologie
L'ascite, dal greco "askos" che significa sacco, è una condizione medica caratterizzata...
03 Maggio Patologie
Neisseria meningitidis (il meningococco) è un batterio Gram-negativo che colonizza in...

Concorsi appena pubblicati