Ne parliamo oggi ma forse si vedranno fra 20 anni, quello che oggi è un monitoraggio dei parametri vitali dedicato alla terapia intensiva potrebbe diventare fattibile per i reparti di media intensità?

Oggi un chirurgo può essere a New York e dirigere un intervento chirurgico a Roma e manualmente tramite la telemedicina muovere un robot che opera, ma per gli infermieri arriveranno delle nuove tecnologie?

All'inizio degli anni 90 si affacciavano in reparto i primi PC con Windows 3.1 e sono passati tanti anni e finalmente in questi anni si sta diffondento la cartella infermieristica informatizzata ed è il massimo della tecnologia su cui gli infermieri possono contare.

I parametri vitali ci offrono dati essenziali per monitorare il paziente e rilevare problemi e patologie imminenti con l'obiettivo di ridurre aggravamenti e stress inutili.

Un monitoraggio agli orari effettuato regolarmente o al bisogno non ci dice se un ora prima c'erano dei valori alterati.

Oggi l'unica tecnologia di monitoraggio continuo sono i monitoraggi delle terapie intensive oppure quelli diagnostici come l'holter pressorio ed ecg.

Ma esiste un altra alternativa?

Si stanno sviluppando software house che mettono in rete i dati dei parametri vitali e li rendono accessibili come monitoraggio continuo multiparametrico.

Riporto dalla pagina web:

WINMedical realizza sistemi in grado di rilevare 24 ore su 24 in tempo reale i più importanti parametri fisiologici dei pazienti (Pressione arteriosa, Frequenza cardiaca, SpO2, Posizione, Temperatura, ECG a 4 derivazione), a letto o in movimento, tramite un dispositivo indossabile piccolo e leggero, il WINPack.

I dati rilevati, memorizzati in un server di acquisizione, possono essere visualizzati in qualsiasi momento dal personale medico-sanitario, che può accedere ai tracciati in tempo reale o allo storico dei dati. 

Lo storico dei dati consente poi di fare ricerca in modo più rapido e preciso, rivedere i dati è anche un occasione per capire e fare scelte assistenziali per organizzarsi.

Il monitoraggio continuo libera anche risorse umane che non devono più essere impiegate per il giro dei parametri, che in alternativa possono essere rilevati solo se ci sono dei dati anomali.

Il monitoraggio per adesso è anche amatoriale con i cardiofrequenzimetri (LINK) ma sono utilizzati per il fitness e possono non essere affidabili se applicati a pazienti con problemi di salute se c'è la necessità di un monitoraggio per motivi di salute è tecnologicamente più rigoroso, devono essere garantiti standard elevati.

 

La tecnologia di un monitoraggio dei parametri vitali potrebbe essere estesa anche al domicilio, integrata con la telemedicina per raggiungere tempestivamente quei pazienti cronici che hanno bisogno di aggiustamenti di terapie.

 

 

 

Accedi per commentare