Studiare nel corso di Laurea in Infermieristica

people 2557396 640

Il corso di laurea di infermieristica ha una struttura che lo rende fra i più difficili ed il motivo è la presenza di un tirocinio pratico che si inserisce fra le lezioni e gli esami.

Lo studio si rende più difficoltoso e da una discussione su foruminfermieri.it alcuni piccoli consigli.

Superata la prova di ammissione subito o con il ripescaggio inizia il corso e le lezioni si fanno subito fitte, ma studiare all'università comporta un cambiamento importante.

Il primo è che non ci sono più gli step per l'apprendimento della materia decisi dal professore ed è necessario dedicarsi ad uno studio continuo e metodico da soli.

La presenza di più materie d'esame fa si che per i primi esami si è freschi di lezione ma gli ultimi non si è a contatto con la materia e i compagni di corso da mesi e riprendere la materia è più difficile con un rischio di insuccesso alto.

Durante le lezioni uno studio anche leggero ma costante e deciso sulle definizioni dei termini e dei concetti consente di avere una numerosità di esami alta e la possibilità di finire il corso in 3 anni.

Infermieristica ha due grossi blocchi uno mentale e uno fisico.

Il blocco mentale di infermieristica è che si usano molti termini comuni ma con un preciso intento di averli come termini tecnici della professione, questo comporta che ad un esame ci si trovi in difficoltà quando dopo una bella esposizione il professore decide di approfondire la definizione del termine e se non la si sa cade tutto il discorso.

Il blocco fisico è dato dalla discontinuità offerta dal fatto di fare lezioni e tirocinio, il tirocinio indispensabile per diventare infermiere fa si che si perda per un certo periodo il contatto con i compagni di corso e quindi con la possibilità di avere un linguaggio tecnico e di confrontatrsi sulla materia.

Quindi se uno studia regolarmente ad un certo punto si inserisce il tirocinio pratico e la difficoltà a restare concentrati sulle materie del corso prossime agli esami può essere ammortizzato dallo studio costante che risulta più difficoltoso dopo una gionata di tirocinio/lavoro.

Ad un certo punto si arriva al dunque, studio finalizzato all'esame, vi ripropongo 3 semplici punti che possono essere determinanti.


Infine, tre cose su cui focalizzare l'attenzione:

1. studiare solo gli appunti e il testo non andare oltre.
Il motivo è semplice, la fisiologia è immensa se ti perdi in tutti gli argomenti vagheggi e poi all'esame fai confusione.

2. Ad ogni dubbio sui significati leggere il glossario/definizioni
Questo per evitare gli scivoloni, se sai la definizione di un termine puoi partire con un discorso, se il prof. ti blocca il discorso e ti chiede questo cosa vuol dire e fai scena muta... stop esame.

3. Preparare un argomento a scelta
A volte se sei in difficoltà o se ti vogliono dare un punto in più ti chiedono un argomento a scelta e capita il discorso del tipo... le darei un 28 se facciamo un altra domanda potrei darle 30... mi dica l'argomento preferito... e se lo dici male si arriva ad un 18 con difficoltà.


Foto di StockSnap da Pixabay

Formazione, corsi e FAD gratuiti

Domenica 12 maggio, in occasione del 19° Congresso Nazionale di ANIMO ho partecipato a...
Il Corso FAD gratuito da 1 credito ECM per infermieri e altri professionisti sanitari...

Studenti, letture specialistiche

15 Maggio Patologie
Introduzione L'ascite, dal greco "askos" che significa sacco, è una condizione medica...
03 Maggio Patologie
Neisseria meningitidis (il meningococco) è un batterio Gram-negativo che colonizza in...

Concorsi appena pubblicati