Tutti da HCL Permanent sanno che il passaggio a un nuovo paese può essere un'esperienza scoraggiante. Da trovare un nuovo lavoro, ottenere la giusta sistemazione, aprire un conto in banca e farsi degli amici, i nostri consulenti hanno capito che lasciare tutto ciò che è familiare indietro può essere difficile .

Ilaria da Firenze, Chiara da Ravenna, e Mattia da Roma sono tre infermieri italiani che HCL Permanent ha collocato a Wye Valley NHS Trust quasi tre mesi fa. Questo è quello che avevano da dire a proposito di venire a vivere e lavorare nel Regno Unito.

Che cosa ti ha fatto decidere di venire in Inghilterra a lavorare come infermiera?
Venire nel Regno Unito era una combinazione di molteplici fattori, ma fondamentalmente i due principali sono stati: la mancanza di possibilità di lavoro in Italia e il desiderio di vivere in un altro paese.

Per tutti gli altri infermieri là fuori, quali sono stati i primi passi per venire a lavorare qui?
Il primo passo è sempre stare in contatto con HCL, ognuno di noi tramite gruppi di Facebook, amici, o forum. Poi abbiamo chiesto informazioni per l'application pack del NMC e iniziato a raccogliere i documenti necessari. I seguenti grandi passi sono stati l’intervista dell'agenzia sul telefono e il colloquio di lavoro effettivo a Roma.

Come sono stati i consulenti di HCL Permanent?
I consulenti di HCL Permanent sono stati fantastici! Siamo stati guidati attraverso l'intero processo e abbiamo ricevuto aiuto e sostegno sia nella preparazione per l’intervista che nella raccolta dei documenti per il NMC. Ci teniamo ancora in contatto e ci stanno aiutando anche se siamo abbastanza sistemati!

Hai nostalgia di casa?
Naturalmente abbiamo nostalgia! Non si può negare il fatto che si è a migliaia di chilometri di distanza da casa, e soprattutto sul lavoro a volte si sente lasciati fuori. Ma abbiamo creato una piccola famiglia qui, ci sosteniamo l'un l'altro e una risata allontana le brutte sensazioni! Per esempio – spiega Ilaria – ho trascorso il mio primo compleanno lontano dalla mia famiglia lavorando un turno di 12 ore ma quando sono tornata a casa ho trovato una cena di compleanno incredibile, più torta e regalo! È stato davvero come sentirsi in famiglia per me.

Ci è voluto molto tempo per organizzarsi?
Abbiamo trascorso le prime due o tre settimane qui con le famiglie locali, che ci hanno veramente adottato! Questo alloggio iniziale è stato organizzato per noi da HCL Permanent, la squadra ci teneva ad aiutarci in ogni passo del cammino. Siamo stati davvero fortunati perché abbiamo trovato una bella casa abbastanza presto, e ora sono quasi tre settimane da quando ci siamo trasferiti; ma per altri italiani è servito più tempo per trovare una sistemazione. Questo perché Hereford , essendo una piccola città, non era pronto per l'arrivo di tante persone, ma alla fine l’abbiamo risolto  Un mese per risolvere non è un lungo tempo comunque!

 

Qual’è stato l'aspetto più impegnativo della vostra nuova vita qui a Hereford?
L'aspetto più impegnativo della nostra nuova vita qui è stato adeguarsi al nuovo lavoro. Lavorare come infermiera nel Regno Unito è molto diverso da come lo facciamo in Italia, soprattutto all'inizio. In un primo momento si devono ottenere un sacco di valutazioni e in Italia funziona diversamente. Questa non è una brutta cosa, è solo diversa. La parte più sorprendente è che qui in effetti potrete migliorare: si possono seguire corsi, diventare un infermiere migliore. Ci sono così tante diverse carriere che si possono intraprendere: Sister (infermiere caposala), Nurse Practitioner (un tipo di infermiere specialistico che può prescrivere i farmaci), specialista diabetico, specialista di emergenza, ecc. Qui si può diventare l'infermiera che si desidera essere.

Cosa ti piace di più del Regno Unito?
Ci sono due aspetti del Regno Unito che abbiamo gradito: l’apertura mentale e l'organizzazione. Si sente come qui i politici realmente fanno quello che dovrebbero fare: discutere le questioni e cercare di trovare una soluzione. Il risultato è che le persone, per la maggior parte, sono in realtà di mentalità aperta su un sacco di cose: il vivere bene, l'uguaglianza, l'adozione, l'immigrazione. Il sistema inglese, sia nel settore sanitario ed in ogni aspetto della vita quotidiana, è estremamente ben organizzato. Sembra che ci sia un piano B per qualsiasi situazione.

Cosa ti piace di meno?
La burocrazia eccessiva può essere difficile. Il sistema inglese funziona molto bene, ma a volte ti trovi in ​​difficoltà nel lavoro di ufficio e questo rallenta l'intero processo e ti dà sui nervi. Ma, come detto prima, sembra sempre esserci un piano B 

Cosa ti manca di più di casa?
Questa è la domanda più semplice! Le cose che ci mancano di più sono la famiglia e gli amici, ma speriamo che vengano a trovarci presto! Un'altra cosa che ci manca è il nostro cibo incredibile. Stiamo organizzandoci per cucinare ottimo cibo italiano, ma a volte non riesci a trovare la materia prima adeguata!

Cosa pensi sono le maggiori differenze tra gli inglesi e gli italiani?
Ci sono molte differenze tra italiani e britannici, iniziando con l'ovvio – cibo e vestiti! Gli inglesi sono cordiali, soprattutto al pub con una birra in mano. Gli italiani di solito tendono a riunirsi in piccoli gruppi che non interagiscono molto uno con l'altro. E poi, naturalmente, la lingua! Gli italiani parlano almeno un paio di lingue, mentre gli inglesi... beh; appena parlano inglese e sembra essere abbastanza per loro e questo ci rende estremamente impressionanti per loro!

Che consiglio daresti ad altri infermieri che vogliono fare il passaggio al Regno Unito?
Per gli infermieri là fuori che stanno pensando di venire a vivere e lavorare qui vogliamo dire questo: non abbiate paura; prendetela come una straordinaria esperienza, e pensate alla possibilità che forse non sarà possibile ottenere di nuovo; imparerete molto da tutto questo; essere flessibili e... credere in voi stessi!

Accedi per commentare