annuncio pubblicitario

Avviso per 40 posti infermiere terapia intensiva, Bolzano

Se desideri lavorare in un ambiente moderno e altamente tecnologico con la possibilità di spaziare in vari ambiti professionali e di sviluppare le proprie capacità, sia nel quotidiano della professione che nel lungo periodo. Invia la candidatura online... Leggi tutto l'annuncio

sergio venturiL'Emilia-Romagna si attiverà per aumentare il numero dei tamponi per rilevare il coronavirus anche in quelle persone asintomatiche.

La scelta di fare più test sugli operatori sanitari che sono i più esposti a contatti accidentali, il comunicato nel sito della Regione Emilia-Romagna riporta:

Un piano di potenziamento del numero dei tamponi, per seguire le nuove indicazioni dell’Oms e per ricercare persone positive anche fra coloro che non hanno sintomi.

Lo ha annunciato il commissario regionale per l’emergenza Coronavirus, Sergio Venturi, nel consueto appuntamento quotidiano sulla pagina Facebook della Regione Emilia-Romagna.

“Faremo molti più test su tutti i cittadini- ha spiegato Venturi- e partiremo da i dipendenti del Servizio sanitario regionale e dagli operatori sanitari del privato convenzionato, per ricercare persone contagiate asintomatiche, ed estendere la ricerca anche tra i loro contatti”.

Il Piano, diversificato per province, verrà presentato al presidente Stefano Bonaccini già domani.

L'assistenza al paziente COVID-19 mette a dura prova gli operatori sanitari sia da un punto di vista fisico che psicologico.

Gli operatori sanitari utilizzano tutti i DPI forniti dall'Ospedale ma il dubbio di un errore e di essersi contagiati è più deleterio dell'errore stesso. Questo perchè sono fra i più esposti in quanto a contatto con pazienti e parenti positivi, la scelta di fare più test è importante per rassicurare tutti gli infermieri e medici che così possono sapere di essere negativi e non comportare la possibilità di essere una fonte di contagio per la propria famiglia.

LINK all'articolo: Venturi: “Faremo molti più tamponi, a partire dagli operatori sanitari, secondo le nuove indicazioni dell’Oms"

Pin It
Accedi per commentare

pubblicità