Non se ne vedevano da anni, la posizione di coordinatore è spesso determinata con concorsi interni, la Fondazione Ospedale "San Camillo", di nVenezia ha pubblicato sul BUR Veneto il bando di concorso.

L'invio della domanda, per chi ha i requisiti, deve decorrere dalla data di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale e sarà possibile l'invio della domanda per i 30 giorni successivi.

Il bando è pubblicato sul BUR Veneto per consultazione così da comprendere come preparare la domanda al meglio.

Il bando:  

Concorso pubblico, per titoli ed esami, per la copertura a tempo indeterminato di n. 1 posto di collaboratore professionale sanitario esperto infermiere coordinatore (cat. ds).

In esecuzione della deliberazione del Direttore Generale n. 53 del 4.07.2017 della Fondazione Ospedale San Camillo IRCSS di Venezia è indetto Concorso Pubblico, per titoli ed esami, per la copertura a tempo indeterminato di:

n. 1 posto di

COLLABORATORE PROFESSIONALE SANITARIO ESPERTO

INFERMIERE COORDINATORE (Cat. DS)

da impiegare presso l’IRCCS/Ospedale Neuroriabilitativo della Fondazione intestata.

L’Ospedale San Camillo IRCCS, all’interno del quale sarà chiamato ad operare l’infermiere coordinatore,

si occupa specificatamente della Neuroriabilitazione:

  • di pazienti che hanno subito gravi lesioni traumatiche, emorragiche ed anossiche del sistema nervoso centrale,
  • di pazienti che hanno subito lesioni ischemiche o emorragiche del sistema nervoso centrale,
  • di pazienti con gravi lesioni spinali, malattie neuromuscolari, neurodegenerative e neuroncologiche,
  • nonché del trattamento di pazienti affetti da gravi forme di malattia di Parkinson o di malattie del movimento.

    Il trattamento economico è quello previsto dal vigente contratto ARIS della sanità privata.

    REQUISITI

    Per l’ammissione al Concorso sono richiesti i seguenti requisiti:

     

    Requisiti Generali

    1. Cittadinanza italiana, salve le equiparazioni stabilite dalle leggi vigenti (sono equiparati ai cittadini italiani gli italiani non appartenenti alla Repubblica), o cittadinanza di uno dei paesi dell'Unione Europea;
    1. Ai sensi dell’art. 38 del D.Lgs. 30.3.2001 n. 165 e dell’art. 25, co 2 del D. Lgs 19.11.2007 n. 251 così come modificati dall’art. 7 dalla L. 6.8.2013 n. 97 possono altresì partecipare al concorso:
      1. i familiari dei cittadini indicati al punto 1) non aventi la cittadinanza italiana o la cittadinanza di uno di uno degli Stati membri dell’Unione Europea, che siano titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente. Per la definizione di familiare, si rinvia all’art. 2 della direttiva comunitaria n. 2004/38/CE.
      2. i cittadini di Paesi Terzi titolari di permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo o titolari dello status di rifugiato ovvero dello status protezione sussidiaria
    2. I cittadini stranieri devono essere in possesso dei diritti civili e politici anche negli stati di appartenenza o di provenienza e avere una adeguata conoscenza della lingua italiana che sarà accertata durante lo svolgimento delle prove concorsuali (D.P.C.M. 7.2.1994 n. 174).
    1. E’ abolito il limite di età, ai sensi dell’art. 3 della L. 127/1997. Non possono comunque essere ammessi al concorso coloro che abbiano superato il limite massimo di età previsto dall’ordinamento vigente per il collocamento a riposo d’ufficio;
    2. Idoneità fisica specifica all’impiego. L’accertamento della idoneità fisica specifica all’impiego è effettuato dal medico competente dell’Amministrazione, prima della stipula del contratto individuale di lavoro.

    Requisiti Specifici

    1. Laurea di primo livello in Infermieristica (L/SNT/01) ovvero Diploma Universitario di Infermiere conseguito ai sensi dell’art. 6, comma 3 del DLgs 30 dicembre 1992 n. 502 e successive modificazioni ed integrazioni, ovvero i diplomi o attestati conseguiti in base al precedente ordinamento riconosciuti equipollenti, ai sensi del decreto 27 luglio 2000 del Ministro della Sanità di concerto con il Ministro dell'Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica, ai fini dell’esercizio dell’attività professionale e dell’accesso ai pubblici uffici ovvero titolo conseguito all’estero riconosciuto equipollente a quello italiano con Decreto Ministeriale (il decreto deve essere allegato alla domanda)
    2. Master di primo livello in Management o per le funzioni di coordinamento nell’area di appartenenza, rilasciato ai sensi dell’art. 3, comma 8, del regolamento di cui al decreto del Ministro dell’Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica 3/11/1999 n. 509 e dell’art. 3, comma 9, del regolamento di cui al decreto del Ministro dell’Istruzione, dell’Università e delle Ricerca 22/10/2004 n. 270, ovvero certificato di abilitazione alle funzioni direttive nell’assistenza infermieristica di cui all’art. 6, comma 5, della legge 1/2/2006 n. 43, incluso quello rilasciato in base alla pregressa normativa.
    3. Esperienza professionale quinquennale nel corrispondente profilo della categoria “D” in aziende e enti del Servizio Sanitario Nazionale, o in enti o istituti i cui servizi siano equiparati/equipollenti, ovvero, per il profilo infermieristico esperienza triennale nel corrispondente profilo della categoria “C”, corredato del diploma di scuola diretta a fini speciali nell’assistenza infermieristica.
    4. Iscrizione all’Albo professionale degli Infermieri, attestata da certificato in data non anteriore a mesi sei rispetto a quello di scadenza prevista nel presente bando. L’iscrizione al corrispondente Albo di uno dei paesi dell’Unione Europea consente la partecipazione al concorso, fermo restando l’obbligo dell’iscrizione all’albo in Italia, prima dell’assunzione in servizio.

    Non possono accedere agli impieghi coloro che siano esclusi dall'elettorato politico attivo e coloro che siano stati destituiti o dispensati dall'impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento, ovvero siano stati dichiarati decaduti da un impiego statale per aver conseguito l'impiego stesso mediante la produzione di documenti falsi o viziati da invalidità non sanabile.

    Sarà tenuto conto altresì del D. Lgs 198/2006 che garantisce la pari opportunità tra uomini e donne per l’accesso al lavoro.

    I suddetti requisiti di assunzione devono essere posseduti alla data di scadenza del termine per la presentazione delle domande di ammissione al concorso.

    DOMANDA DI PARTECIPAZIONE AL CONCORSO

    La domanda di ammissione al concorso, redatta in carta semplice secondo il fac-simile allegato, ed indirizzata al Direttore Generale, dovrà pervenire all’Ufficio Personale della Fondazione Ospedale San Camillo/IRCCS entro il termine perentorio delle ore 12.00 del 30° giorno successivo a quello della pubblicazione del bando, per estratto, nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica, 4^ serie speciale – concorsi ed esami.

    Si raccomanda di specificare sulla busta la posizione per cui si concorre.

    Il termine per la presentazione della domanda e dei documenti è perentorio. Pertanto, l’eventuale riserva di invio successivo di documenti è priva di effetto.

    Qualora la scadenza coincida con un sabato o con un giorno festivo, il termine per la presentazione delle domande è prorogato alla stessa ora del primo giorno successivo non festivo.

    Le domande devono essere presentate esclusivamente con la seguente modalità: spedite a mezzo di raccomandata con avviso di ricevimento.

    L’indirizzo a cui inviare la domanda è il seguente: - Direttore Generale della Fondazione Ospedale San Camillo/IRCCS - Via Alberoni 70, 30126 Venezia-Lido.

    Il mancato rispetto, da parte dei candidati, del termine sopra indicato per la presentazione delle domande comporterà la non ammissione al concorso. Si considerano prodotte in tempo utile anche le domande di ammissione spedite, a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento, entro il termine sopraindicato. La data e l’ora di spedizione sono comprovate dal timbro a data dell’Ufficio postale accettante.

    Nella domanda, della quale si allega uno schema esemplificativo, l’interessato dovrà indicare, sotto la propria personale responsabilità e consapevole delle sanzioni penali previste dall’art. 76 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445, per il caso di dichiarazione mendace e falsità in atti, nel seguente ordine con chiarezza e precisione:

    1. il cognome, nome, la data, il luogo di nascita e la residenza, il numero di telefono e l’indirizzo e-mail;
    2. il possesso della cittadinanza italiana, o equivalenti;
    3. il Comune di iscrizione nelle liste elettorali, ovvero i motivi della non iscrizione o della cancellazione dalle liste medesime;
    4. le eventuali condanne penali riportate; in caso negativo dovrà essere dichiarata espressamente l’assenza;
    5. i titoli di studio posseduti, con l’indicazione della data, sede e denominazione completa dell’istituto o degli istituti in cui i titoli stessi sono stati conseguiti. Nel caso i titoli di studio siano stati conseguiti all’estero, devono essere indicati i provvedimenti di riconoscimento dell’equipollenza ai corrispondenti titoli di studio riconosciuti in Italia, secondo la vigente normativa;
    6. l’iscrizione all’Albo Professionale degli Infermieri;
    7. l’esperienza professionale prevista quale requisito specifico;
    8. l’eventuale posizione nei riguardi degli obblighi militari (per i soli candidati di sesso maschile);
    9. la lingua straniera scelta ( inglese, tedesco o spagnolo) ai fini della verifica delle conoscenze in sede di prova orale d’esame;
    10. di avere o non avere prestato servizio alle dipendenze di enti/istituzioni sanitari privati accreditati o di pubbliche amministrazioni e le cause di risoluzione di eventuali precedenti rapporti di impiego;
    11. di essere o non essere incorso/a nella dispensa, o destituzione, o licenziamento da precedenti impieghi;
    12. l’applicazione dell’art. 20 della legge 5.2.1992 n. 104, specificando l’ausilio necessario in relazione al proprio handicap, nonché l’eventuale necessità di tempi aggiuntivi per sostenere le prove d’esame (esplicita richiesta);
    13. i titoli che danno diritto ad usufruire di riserve, precedenze o preferenze;
    14. il domicilio presso il quale devono essere fatte, ad ogni effetto, le necessarie comunicazioni. In caso di mancata indicazione vale, ad ogni effetto la residenza di cui al precedente punto a) del presente elenco;
    15. di accettare tutte le indicazioni contenute nel bando e di dare il proprio consenso al trattamento dei dati personali, compresi i dati sensibili, al fine della gestione della presente procedura, ai sensi del D.L.vo n. 196/2003.

    La domanda deve essere scritta con caratteri chiari e leggibili. La firma in calce alla domanda, ai sensi dell’art. 39 del D.P.R. n. 445/2000, non deve essere autenticata.

    La mancata sottoscrizione della domanda costituisce motivo di esclusione dal concorso.

    L’omissione nella domanda anche di una sola dichiarazione relativa ai requisiti richiesti, non altrimenti rilevabili, determina l’esclusione dal concorso.

    Il candidato deve comunicare, con nota datata e sottoscritta, le eventuali successive variazioni di indirizzo e/o recapito.

    L’Amministrazione declina, fin d’ora, ogni responsabilità per l’eventuale dispersione di comunicazioni dovute ad inesatte indicazioni di recapito da parte del candidato, oppure alla mancata, o tardiva, comunicazione del cambiamento di indirizzo indicato nella domanda, ovvero ad eventuali disguidi postali o telegrafici non imputabili a colpa dell’Amministrazione stessa.

    DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

    Alla domanda devono essere allegati:

    1. Autocertificazione ai sensi dell’art. 46 del D.P.R. 445/2000 relativa ai requisiti specifici richiesti per l’ammissione al concorso cosi come dettagliatamente indicati nel presente bando;
    2. Autocertificazione ai sensi dell’art. 46 del D.P.R. 445/2000 relativa ai titoli che conferiscono diritti e preferenze nella graduatoria;
    3. I titoli di merito, attestati di servizio, altri titoli di studio o formazione professionale, documenti e certificazioni che il concorrente ritenga opportuno presentare agli effetti della valutazione di merito e della formulazione della graduatoria. Le certificazioni dovranno essere rilasciate dal legale rappresentante dell’Istituzione a cui si fa riferimento e devono contenere tutti gli elementi necessari per l’individuazione del soggetto dichiarante e degli stati e fatti dichiarati, pena la mancata valutazione delle stesse. Nella certificazione relativa ai servizi deve essere attestato se ricorrono o meno le condizioni di cui all’ultimo comma dell’art. 46 del D.P.R. 761/1979;
    4. Fotocopia di un valido documento di riconoscimento;
    5. Le eventuali pubblicazioni dovranno essere edite a stampa ed allegate per intero. Di esse deve essere redatto specifico elenco. Non sono ammessi lavori manoscritti, dattiloscritti e in bozza di stampa o in fotocopia non autenticata, o in copia semplice senza dichiarazione di conformità all’originale;
    6. Autocertificazione ai sensi dell’art. 46 del D.P.R. 445/2000 relativa a partecipazione a corsi, congressi, convegni, precisando l’argomento il luogo, i giorni di partecipazione e se con superamento esame finale;
    7. Il curriculum formativo e professionale, datato e firmato, che non può avere valore di autocertificazione delle dichiarazioni in esso contenute e non è quindi oggetto di valutazione;
    8. La ricevuta originale comprovante l’avvenuto versamento, entro i termini di scadenza del bando, del contributo di partecipazione alle spese concorsuali (non rimborsabile) di euro 10,33.= da versare a mezzo vaglia postale intestato a FONDAZIONE OSPEDALE SAN CAMILLO oppure bonifico bancario intestato alla predetta FONDAZIONE (codice IBAN IT90Q033 5901 6001 0000 0011 629), precisando la causale del versamento “contributo di partecipazione alle spese del concorso pubblico emesso per l’assunzione di un Collaboratore Professionale Sanitario Esperto – Infermiere Coordinatore (Cat. DS)”;
    9. Elenco descrittivo dei documenti allegati, di cui ai precedenti punti, redatto in carta semplice e in duplice copia.

    Tutta la documentazione allegata è esente dall’imposta di bollo.

    Le pubblicazioni devono essere edite a stampa.

    PUNTEGGIO RISERVATO ALLA VALUTAZIONE DEI TITOLI ED ALLE PROVE

    Ai sensi degli artt. 8 e 11 del D.P.R. 220/2001 i punteggi per i titoli e le prove di esame sono complessivamente 100 così ripartiti:

    a) 30 punti per i titoli

    b) 70 punti per le prove

    i punti per le prove d'esame sono così ripartiti:

    a) 30 punti prova scritta

    b) 20 punti prova pratica

    c) 20 punti prova orale

    Il superamento della prova scritta è subordinato al raggiungimento di una valutazione di sufficienza espressa in termini numerici di almeno 21/30.

    Il superamento della prova pratica e della prova orale è subordinato al raggiungimento di una valutazione di sufficienza, espressa in termini numerici di almeno 14/20.

    Per il servizio prestato all’estero si fa riferimento alla Legge 10 luglio 1960 n. 735 e s.m.i.

    COMMISSIONE ESAMINATRICE

    La Commissione Esaminatrice sarà nominata, ai sensi dell’art. 50 del D.P.R. 27/03/2001, n. 220, con successivo separato atto deliberativo del Direttore Generale.

    PROVE D’ESAME

    Gli esami consisteranno, ai sensi dell’art. 49 del D.P.R. 220/2001, nelle seguenti prove:

    PROVA SCRITTA: quesiti a risposta multipla o sintetica su argomenti attinenti la materia oggetto del concorso (massimo punti 30);

    PROVA PRATICA: consistente nella esecuzione di tecniche specifiche relative alla materia oggetto del concorso o nella predisposizione di atti connessi alla qualificazione professionale richiesta (massimo punti 20);

    PROVA ORALE: sulle tematiche oggetto della prova scritta e pratica nonché elementi di informatica, e conoscenza, almeno a livello iniziale, di una delle seguenti lingue straniere: inglese, tedesco, spagnolo (massimo punti 20).

    I candidati ammessi saranno convocati per sostenere le previste prove d'esame con lettera raccomandata con avviso di ricevimento, almeno venti giorni prima della data fissata per lo svolgimento delle stesse.

    L'ammissione alle prove è subordinata al riconoscimento dei candidati da parte della Commissione Esaminatrice mediante esibizione di valido documento di identità personale.

    La prova orale si svolgerà in un'aula aperta al pubblico.

    Le comunicazioni di non ammissione alle prove pratica e orale vengono effettuate dalla Commissione Esaminatrice.

    Nel caso in cui la Commissione stabilisca di non procedere nello stesso giorno all'effettuazione di tutte le prove, la data delle prove pratica e orale sarà comunicata ai concorrenti, con lettera raccomandata con avviso di ricevimento, almeno venti giorni prima della data fissata per l'espletamento delle medesime.

    E' tassativamente vietato l'utilizzo nei locali delle prove d'esame di telefonini o altri strumenti tecnici che consentano di comunicare con l'esterno. L'uso comporterà l'esclusione dalla prova ovvero il suo annullamento.

    I candidati che non si presenteranno a sostenere le prove d’esame nel giorno, nell’ora e nella sede stabiliti saranno dichiarati rinunciatari al concorso, quale sia la causa dell’assenza anche se non dipendente dalla loro volontà.

    GRADUATORIA DI MERITO

    Al termine dei lavori la Commissione Esaminatrice formula la graduatoria dei candidati idonei secondo l’ordine dei punti della votazione complessiva riportata da ciascun candidato.

    È escluso dalla graduatoria il candidato che non abbia conseguito in ciascuna delle prove di esame la prevista valutazione di sufficienza.

    La graduatoria del concorso è trasmessa dalla Commissione all’Amministrazione della Fondazione Ospedale San Camillo per i provvedimenti di competenza.

     

    CONFERIMENTO DEI POSTI

    La graduatoria di merito è formata secondo l’ordine dei punti della votazione complessiva riportata da ciascun candidato con l’osservanza, a parità di punteggio, delle preferenze previste dall'art. 5 del D.P.R. 9 maggio 1994 n. 487, e successive modificazioni ed integrazioni.

    Sono dichiarati vincitori, nei limiti dei posti complessivamente messi a concorso, i candidati utilmente collocati nella graduatoria di merito, tenuto conto di quanto disposto dalla legge 12.03.99, n. 68, o altre disposizioni di legge in vigore che prevedono riserve di posti in favore di particolari categorie di cittadini.

    Si applicano, per quanto compatibili, le disposizioni di cui all’art. 16 del D.P.R. 487/94 e successive modificazioni ed integrazioni.

    La graduatoria di merito è approvata con deliberazione del Direttore Generale.

    La graduatoria finale di merito dei candidati è pubblica e sarà pubblicata all’Albo dell’Istituto e sul sito internet della Fondazione; la stessa rimane efficace per un termine di trentasei mesi dalla data di approvazione, per eventuali coperture di posti per i quali il concorso è stato bandito ovvero di posti della stessa categoria e profilo professionale che successivamente ed entro tale termine dovessero rendersi disponibili.

    È altresì pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione.

    Potrà inoltre essere utilizzata, sempre entro il termine suddetto, per eventuali assunzioni a tempo determinato che si rendessero necessarie.

    COSTITUZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO

    L’Amministrazione della Fondazione Ospedale San Camillo/IRCCS, procederà all’assunzione a tempo indeterminato del vincitore, a seguito dell’accertamento del possesso dei requisiti prescritti per la partecipazione ai pubblici concorsi e per l’ammissione agli impieghi pubblici e/o privati.

    Le assunzioni a tempo indeterminato saranno effettuate ai sensi del CCNL ARIS Sanità Privata con riguardo alle esigenze di servizio.

    Il candidato dichiarato vincitore sarà invitato dall’Amministrazione della Fondazione Ospedale San Camillo, ai fini della stipula del contratto individuale di lavoro, a presentare i documenti corrispondenti alle dichiarazioni rese nella domanda e i documenti richiesti per l’assunzione, entro 30 giorni dalla data di comunicazione, a pena di decadenza nei diritti conseguenti alla partecipazione al concorso stesso.

    Scaduto inutilmente il termine di 30 giorni sopra citato, per la presentazione della documentazione, l’Amministrazione della Fondazione Ospedale San Camillo comunica che non darà luogo alla stipulazione del contratto individuale di lavoro.

    L’Amministrazione della Fondazione Ospedale San Camillo, verificata la sussistenza dei requisiti, procede alla stipula del contratto nel quale sarà indicata la data di presa di servizio. Gli effetti economici decorrono dalla data d’effettiva presa di servizio.

    I candidati possono accedere agli atti definitivi del procedimento concorsuale ai sensi della L. n. 241/90.

    L’accertamento dell’idoneità fisica all’impiego verrà effettuato, a cura del medico competente della Fondazione Ospedale San Camillo, prima della stipula del contratto di lavoro.

    Per quanto riguarda le cause di cessazione del rapporto di lavoro, si fa riferimento a quanto previsto dal CCNL ARIS del personale sanitario nonché alle disposizioni legislative in esso richiamate.

    Colui che verrà assunto in servizio a tempo indeterminato è soggetto ad un periodo di prova di sei mesi, che non potrà essere rinnovato o prorogato alla scadenza. Decorso il periodo di prova senza che il rapporto di lavoro sia stato risolto da una delle parti, il dipendente si intende confermato in servizio e gli viene riconosciuta l’anzianità dal giorno dell’assunzione a tutti gli effetti.

    Nel caso di rinuncia o di non sottoscrizione del contratto individuale o di licenziamento a causa di presentazione di documenti falsi o irregolari da parte del candidato vincitore, l’Amministrazione della Fondazione Ospedale San Camillo provvederà all’utilizzazione della graduatoria.

    Il rapporto di lavoro con la Fondazione Ospedale San Camillo/IRCCS sarà di tipo esclusivo.

    RESTITUZIONE DEI DOCUMENTI E DEI TITOLI

    I candidati sono tenuti a ritirare la documentazione eventualmente presentata a corredo della domanda dopo 120 giorni dalla data di esecutività della deliberazione di approvazione della graduatoria ed entro i 12 mesi successivi. In caso di eventuali ricorsi dinanzi al competente organo giurisdizionale, la restituzione di cui sopra potrà avvenire solo dopo l’esito di tali ricorsi.

    La restituzione richiesta a mezzo del servizio postale, verrà effettuata con spese a carico dell’interessato.

    Trascorsi i 10 anni dalla data di pubblicazione della graduatoria, la documentazione di cui sopra è inviata al macero ad eccezione degli atti oggetto di contenzioso.

    TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

    Ai sensi dell’art. 13 del D.L.vo 30.06.2003, n. 196, i dati personali forniti dai candidati saranno raccolti presso l’Ufficio Personale della Fondazione Ospedale San Camillo/IRCCS, Via Alberoni 70, 30126 Venezia-Lido, per le finalità di gestione del concorso e saranno trattati presso una banca dati automatizzata, anche successivamente all’eventuale instaurazione del rapporto di lavoro, per le finalità inerenti alla gestione di tale rapporto.

    Il conferimento di tali dati è indispensabile per lo svolgimento delle procedure concorsuali.

    La presentazione della domanda di partecipazione da parte del candidato autorizza l’Amministrazione della Fondazione Ospedale San Camillo al trattamento dei dati ai fini della gestione del presente concorso pubblico.

    DISCIPLINA NORMATIVA E CONTRATTUALE DI RIFERIMENTO

    Il presente concorso pubblico è disciplinato dalle seguenti norme:

  • DPR 20.12.1979 n. 761
  • Decreto Legislativo 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni ed integrazioni
  • DPR 27 marzo 2001, n. 220 “Regolamento recante disciplina concorsuale del personale non dirigenziale del Sevizio Sanitario Nazionale”;
  • D.P.C.M. 174/94;
  • CC.NN.LL. dell’ARIS della Area Comparto;
  • D.P.R. 9/05/1994, n. 487 e successive modificazioni ed integrazioni;
  • Decreto Legislativo 30 marzo 2001, n. 165;
  • D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 “Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia amministrativa”;
  • Legge 5/2/1992, n. 104;
  • Legge n. 241/90;
  • Legge n. 120/91;
  • Decreto Legislativo 11 aprile 2006, n. 198 “Codice delle pari opportunità”;
  • Decreto Legislativo 12 maggio 1995 n.196
  • DISPOSIZIONI FINALI

    Con la partecipazione al concorso è implicita da parte dei concorrenti l’accettazione, senza riserve, di tutte le prescrizioni e precisazioni del presente bando, nonché di quelle che disciplinano o disciplineranno lo stato giuridico ed economico del personale dipendente degli IRCCS.

    Per quanto non espressamente previsto dal presente bando di concorso e dalla normativa in esso richiamata, si farà riferimento al D.P.R. n. 220/2001 “Regolamento recante disciplina concorsuale del personale non dirigenziale del Servizio Sanitario Nazionale”.

    La Fondazione Ospedale San Camillo si riserva la facoltà, in regime di autotutela, di prorogare, sospendere o revocare il presente concorso, o parte di esso, qualora ne rilevasse la necessità e l’opportunità per ragioni di pubblico interesse.

    Copia del presente bando di concorso, nonché fac-simile della domanda di partecipazione, potrà essere ritirata presso la sede della Fondazione Ospedale San Camillo / IRCCS.

    Per informazioni, rivolgersi nei giorni dal lunedì al venerdì, escluse le giornate festive,

    dalle ore 9,30 alle ore 12,30, a:

    Fondazione Ospedale San Camillo IRCCS

    Ufficio Personale

    Via Alberoni 70, 30126 Venezia-Lido

    Tel. 041.2207142 • Fax 041.2207471

    Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

     Il Direttore Generale

     (Dott. Francesco Pietrobon)

    Il Direttore Generale Dottor Francesco Pietrobon

     

    Accedi per commentare