Fare un concorso, ma quanto costa?

stairs 4574579 640In un mondo utopico che non esiste più da anni, ci si laureava, nella tua città usciva un concorso, forse acquistavi un libro, ti preparavi ed entravi.

Dal 2009 è cambiato tutto, anche a Bologna città dove ogni 6 mesi si faceva un concorso sono passati ormai 7 anni dall'ultimo concorso; ora sta arrivando a conclusione un maxiconcorso che vedrà una graduatoria con migliaia di infermieri.

Qualche fortunato si è laureato, ha acquistato un libro ed ha fatto il suo primo ed ultimo concorso, non è stato così per me, "concorsista" dal 2011.

Nel 2009 avevo fatto il concorso a Bologna e non l'avevo passato, un attimo di assestamento economico ed organizzativo e dal 2011 ho deciso di prepararmi seriamente.

Ma non voglio parlare di successi o insuccessi, ma di soldi; quanto costa arrivare al concorso tanto desiderato?

La prima voce di spesa a cui si pensa sono i libri.

Nel mio caso ci sono:

  • 3 Alpha Test,
  • l'ultimo Edises,
  • i test dei concorsi per infermiere di Maggioli
  • il manuale dell'infermiere, Edises,
  • un volume di infermieristica,
  • un volume sulle tecniche,
  • il NANDA,
  • poi libri specifici, area critica e CVC.

concorso infermiere costi

Inoltre, ho scaricato anche l'app di Just Quiz, che era un ottimo antistress prima delle prove.

A conti fatti forse 250 euro o poco più, nel mio caso ho acquistato 3 volumi dell'Alpha Test perchè li trovavo molto interessanti nella parte didattica e devo dire che mi hanno aiutato molto nell'imparare i quiz per concorsi ma al 3° volume le domande sembravano tutte uguali, per cui ve ne consiglio massimo uno o due volumi.

Mentre preparavo i quiz non potevo ignorare che prima o poi sarebbe arrivata la tanto desiderata prova orale e quindi da subito la preparazione generale.

Quanti libri, eppure non è il costo più alto che ho sostenuto.

Il costo più alto è il viaggio, in macchina o in treno, dato che di solito le prove sono 3 o 4.

Il concorso può prevedere fino a 4 spostamenti per:

  • la preselezione, 
  • prova scritta,
  • prova pratica,
  • prova orale.

In questi anni solo il concorso di Bologna 2016 ha previsto 2 spostamenti altrimenti sono sempre 3 o 4.

La prima prova si può fare insieme ai colleghi e dividere le spese, ma dopo passa spesso solo il 20% dei partecipanti e quindi il costo del viaggio difficilmente si può dividere.

Ovviamente con più aumenta la distanza maggiore è il costo perchè può essere necessario ed utile prevedere anche un pernottamento, dato che arrivare esausti dal viaggio vuol dire buttar via tempo e soldi.

Il mio viaggio più costoso è stato Bologna/Bari 2016, con viaggio di notte in cuccetta, totale 150 euro di Treno A/R, visto che Bologna è andato bene non avrò le spese degli altri viaggi altrimenti in caso di successo sarei potuto arrivare a spendere anche 600 euro solo del viaggio.

Molte spese sono preventivabili ma la distanza per molti è il costo più alto, a questa però si può aggiungere che alcune aziende sanitarie chiedono un contributo/tassa per la partecipazione alle spese di segreteria.

Quando si decide di intraprendere un percorso in cui ci si prepara per un concorso non si guardano le spese fatte e non si può decidere a priori quanto si spenderà, si inizia e non si pensa ad altro e se la prova viene superata, allora, si affronterà con serenità un'ulteriore spesa.

 

Foto di Steve Buissinne da Pixabay

 

[module-788]

 

 

 

Informazioni

InfermieriAttivi.it, dal 2006 è il sito web dedicato agli infermieri e gestito da infermieri. Qui, troverai articoli di divulgazione, notizie e approfondimenti ma anche documenti infermieristici, immagini e link per conoscere meglio la complessità della nostra professione.

I servizi che realizziamo sono:

DOSSIER

Se ti piace InfermieriAttivi.it puoi registrarti e ricevere gratuitamente la newsletter e usare il forum per aprire conversazioni o inserire annunci.

Disclaimer: Tutti gli autori riportano analisi ed opinioni personali, non scrivono a nome della professione.

Ricorda, tutte le informazioni medico scientifiche sono da intendersi con il solo fine informativo e non sostituiscono il parere o l'obbligo di esecuzione e prescrizione da parte di un professionista sanitario.

Per conoscerci meglio: