Le lesioni da pressione (LDP) compaiono in diverse sedi personalmente ritengo che quella al sacro sia una delle più gravi che si possono presentare.

Ci sono numerosi cofattori presenti sia nella fase di esordio che nella sua evoluzione e vorrei raccontare in termini semplici cosa si vede cosa vediamo per capire se ci possiamo confrontare e il sito e il forum danno ampio spazio per questo.

Mi sono dilungato un poco e quindi trovate l'indice delle pagine nel riquadro a destra.

 

Per lesione da pressione del sacro intendo quella lesione che parte o che coinvolge il sacro coccige, in termini bolognesi il coduzzo.

Un immagine in fase risolutiva è questa:

Capire da dove parte una lesione da pressione ci aiuta a capire cosa possiamo fare nel nostro reparto per prevenirle e sensibilizzare i colleghi ad agire con metodo per evitarle.

Se avete scritto un protocollo di prevenzione con scritto che al 100% non avrete lesioni lasciate perdere perchè esistono da 50 anni e continueranno ad esserci.

Perchè?

La lesione da pressione dipende da due persone il soggetto su cui si sviluppa e chi lo assiste.

Il soggetto, ha delle caratteristiche genetiche che lo proteggono, se è sano non sviluppa lesioni, ma poi si accumulano nel tempo delle modificazioni generali che lo cambiano, ad esempio dalle malattie croniche o fattori ambientali.

Tipo 3 gemelli di 90 anni, uno sano, uno forte fumatore, uno obeso con scompenso epatico hcv relato, apparentemente stanno bene, ma hanno la stessa fisicità?

No, avremo 3 persone che hanno possibilità diverse di sviluppare lesioni, malgrado siano gemelli hanno maturato caratteristiche diverse, dei fattori biologici, di resistenza o predisposizione alle lesioni che sono diversissimi.

Un altro elemento importante sono le malattie che hanno o un esordio acuto o che si presentano come croniche ma hanno un declino improvviso e si sovrappongono ai fattori biologici.

Ad esempio se il gemello forte fumatore di 90 anni ha una febbre da ricaduta ed è allettato con O2 terapia, e si aggiunge una confusione transitoria, come lo posturo?

A volte non si può, possono essere applicati dei presidi e basta.

Oppure se al gemello con epatopatia hcv relato si sviluppa un Ca del fegato ed è ricoverato in fase avanzata capita che rapidamente si sviluppino lesioni da pressione immediatamente gravi che sono causate dal decadimento fisico che accade pochi giorni prima del decesso.

I fattori biologici possono essere loro stessi elemento di lesione da pressione, ho assistito al domicilio un anziana di 100 anni che è stata per anni nel suo materasso di sempre, ma poi la sua assistente familiare ha notato che in pochi giorni aveva sviluppato lesioni nere al sacro e ai talloni e dopo pochi giorni è avvenuto un decesso fisiologico.

Per i fattori Biologici abbiamo un margine d'azione limitato.

Per i fattori Acuti, le patologie che si sovrappongono ai fattori biologici abbiamo dei limiti se le malattie sono gravi, ma abbiamo la necessità di capire e gestire i sintomi.

Ad esempio la febbre è un fattore acuto che agisce su una persona che ha dei fattori biologici suoi specifici e gli effetti  come:

la disidratazione,

l' alimentazione,

il mantenere posture viziate,

sono diversi da persona a persona.

 

La lesione dipende quindi da fattori presenti nella persona su cui si sviluppa ma anche dalla persona che lo assiste dalla sua capacità di giudizio, sia esso un assistente familiare o operatore sanitario.

Un opinione, la presenza dei fattori biologici e dei fattori acuti che possono essere a loro volta elementi causali porta a definire il termine lesioni da decubito come improprio e utilizzato per colpevolizzare le persone che assistono e chiudere il discorso senza affrontare l'effettiva gravità dell'ammalato.

La colpevolizzazione degli operatori come unici responsabili delle lesioni da pressione porta inevitabilmente a lasciare il problema inalterato dato che si affrontano le lesioni come se fossero tutte uguali e non si usa il giudizio clinico per attuare un assistenza su misura.

La lesione al sacro è una lesione grave e che può aggravarsi rapidamente, questo è un concetto importante per capire l'impegno che dobbiamo metterci nella fase di prevenzione per il trattamento.

Sopra ho accennato a fattori biologici, fattori acuti manca il fattore assistenza come terzo fattore determinante.

Il fattore assistenza è il nostro agire o non agire o agire male.

Come si possono creare lesioni con il nostro agire?

Quando mobilizziamo la persona su di una superficie troppo dura come ad esempio se il trasporto per un esame è troppo lungo e al ritorno il paziente ha una lesione da pressione stadio 1, o si utilizza un presidio per il trasferimento laterale in modo inappropriato e si causano trazioni sull'epidermide.

Il non agire causa lesioni?

Ignorare che una lesione sul sacro deve essere posturata, non passare le consegne, non segnalare che il paziente inizia ad arrossarsi.

Come possiamo agire male?

Non facendo le cure igieniche in modo appropriato, non facendo la medicazione giusta, applicando il presidio non idoneo alla persona che assistiamo, superficie troppo dura, cerotto che strappa la pelle.

Il fattore assistenza è quello che può essere modificato per portare ad una riduzione delle lesioni da pressione, però è necessario chiedere agli operatori coinvolti un atteggiamento di sorveglianza e segnalazione precoce di analizzare le lesioni che sono presenti, cosa ne pensano coinvolgerli nelle strategie per risolvere quella lesione e capire come non farne accadere altre, l'esperienza collettiva l'analisi dei successi e gli insuccessi consentono di attuare delle strategie mirate sulla persona attuabili agevolmente nell'organizzazione di reparto esistente.

La prevenzione e il trattamento dipendono da un lavoro in team e lo scambio di informazioni alla pari è un determinante importante per avere buoni risultati.

Adesso stiamo riflettendo sull'esordio della lesione e quindi come può fare un operatore sanitario o l'assistente familiare per non impedire l'esordio e l'evoluzione della lesione.

Spesso sono situazioni che dipendono dalla fretta dal non dare il giusto peso dal non scambiare informazioni ed esperienze perchè il momento causale può essere istantaneo come nella trazione dell'epidermide.

Non esiste solo la pressione fisica esercitata fra due superfici a causare le LDP è necessario identificare le diverse cause per capire quale strategia attuare nella prevenzione e nel trattamento.

L'aspetto esterno della LDP nelle prime fasi ci da delle informazioni importanti.