Tecniche e tecnologie per l'assistenza infermieristica

 salute tecnologiaLe tecnologie nell'assistenza infermieristica hanno un eterogeneicità incredibile, infatti si parla di tecnologia quando si ha a che fare con un modello teorico o statistico matematico che consente un analisi, ma anche quando si ha la robotica più avanzata che opera in telemedicina.

Quindi perchè non parlare di tecnologie infermieristiche?

Il progresso si svolge attraverso un lavoro continuo di studi e ricerche e così anche la nostra professione se vuole crescere deve attivarsi per realizzare studi clinici.

Attenzione gli studi clinici non sono solo quelli randomizzati in doppio cieco etc. etc. dove per realizzarli è indispensabile saper maneggiare la statistica, sono studi anche i case report, i case series e gli studi osservazionali.

Il comitato etico è un organo di verifica che analizza i protocolli di ricerca per dare garanzie all'Utente su cui viene realizzato lo studio.

Se per ipotesi volessi fare uno studio dove trovo informazioni utili, ho sfogliato il web e il sito del comitato etico dell'ASL di bologna mi è stato utile...

epoc egaHo avuto modo di provare un piccolo emogas, un sistema portatile che può essere trasportato al letto del ricoverato.

Questo sistema come si vede dallo foto che ho fatto è piccolo e si può tenere con una mano, dato che come ogni novità tecnologica costa un botto, ha delle superfici antiscivolo che facilitano la presa.

E' una macchina delicata e non ci se lo deve scordare quando per le emergenze la si porta al letto del malato.

Il software è semplice e chiunque navighi con un PC lo riesce ad usare.

A luglio ho avuto l'occasione di provare degli strumenti semplici ma che sotto sotto hanno un uno studio sui materiali importante.

Strumenti come i guanti di trasferimento, l'asse di trasferimento, il cuscino di posizionamento, l'asse girevole e il sistema per il trasferimento laterale turner.

Li ho provati e toccati alcune idee...

Il lavaggio delle mani è solo colpa dell'infermiere e se non si convince lo paghiamo, questa è stata la scelta del Mangiagalli che ha trovato subito un 30% di infezioni in meno e quindi ovvio era tutta colpa degli infermieri.

Ma andiamo a vedere bene i dati...

Ho letto nel forum che Alfonso è infermiere in un team PICC e quindi gli ho proposto questa mini intervista per saperne di più.

Alfonso com'è fatto un team PICC chi ci lavora, che ambienti occupate, sala operatoria o ambulatori?

Il PICC team può essere composto da infermierie e medici, questo dispositvo nasce per essere impiantato bedside....

Manco con la rubrica da un po’ di tempo, mi scuso ma ho avuto moltissimi impegni, docenze…

Oggi vorrei parlarvi dell’EBN, cos’è?

L’infermieristica basata sulle evidenze. Se ne parla moltissimo ma si conosce pochissimo il tema. Le evidenze scientifiche non sono delle opinioni ma dei fatti accertati con un metodo molto rigido e l’infermiere dovrebbe imparare ad utilizzare questo nuovo modo di vedere la propria vita lavorativa indirizzandola verso dei risultati che poggiano su basi scientifiche...

L'EPUAP è l'European Pressure Ulcer Advisory Panel, fondato nel 1996 raggruppa gli esperti per la ricerca e la divulgazione della prevenzione delle lesioni.

Il documento di prevenzione delle lesioni da pressione è disponibile in italiano offre raccomandazioni in merito alla valutazione del rischio, la valutazione della cute, la nutrizione, il riposizionamento i materiali di supporto e la sala operatoria...

Il monitoraggio dei parametri vitali è un elemento portante nell'assistenza infermieristica e la tecnologia ci aiuta con una continua miniaturizzazione ma anche con l'aumento delle funzioni.

Il pulsoximetro o pulsossimetro è sempre più utilizzato in reparto, ho cercato online cosa offre il mercato...

Le applicazioni per l'iphone si chiamano apps e sono programmini che sfruttano o le possibilità tecnologiche dell'iphone o la connessione internet oppure entrambe.

Online non ci sono solo apps per medici, ma anche per gli infermieri e il costo va free o 1 euro in su...

 

Riporto un reprint autorizzato dell'articolo "Evoluzione e diffusione della cultura dei PICC in Italia" autori "Giancarlo Scoppettuolo (Istituto di Clinica delle Malattie Infettive), Antonio LaGreca e Mauro Pittiruti (Dipartimento di Scienze Chirurgiche, Università Cattolica di Roma)