Tecniche e tecnologie

 salute tecnologiaLe tecnologie in sanità hanno un eterogeneicità incredibile, infatti si parla di tecnologia quando si ha a che fare con un modello teorico o statistico matematico che consente un analisi, ma anche quando si ha la robotica più avanzata che opera in telemedicina.

La sicurezza in sala operatoria è importante, un ambiente dinamico è anche un ambiente a rischio di errori. Il ministero della salute ha realizzato una check list semplice ma importante dato che ha lo scopo di prevenire gli errori.

I 3 video sono realizzati dal policlinico di Modena e mostrano che l'applicazione è semplice e richiede pochi minuti.

La valutazione delle feci umane è stata standardizzata e condivisa solo nel 1997 ad opera dell'Università di Bristol.

La classificazione adotta sette livelli ed è ampiamente utilizzata in ambito medico per restare aggiornati dovremmo utilizzare un altra scala fra le tante e questo ci richiede di non fare più descrizioni semplici e comprensibili da tutti, feci caprine, diarrea ecc ma di utilizzare la scala Bristol e di parlare di feci tipo 1 o di tipo 5 a seconda dell'aspetto.

La scala è utilizzata sia per adulti e bambini...

 

Negli ultimi anni, a seguito dell’avvento di nuove terapie farmacologiche antiretrovirali, nella nostra Unità Operativa abbiamo assistito ad una progressiva riduzione dei ricoveri per infezione da HIV e ad un incremento di altre patologie infettive.

Dal 1850 circa è noto che le mani sono un vettore di patogeni e con il corretto lavaggio delle mani si può ridurre la trasmissione dei microrganismi in Ospedale.
Oggi dopo oltre 150 anni siamo il lavaggio delle mani deve essere riproposto e probabilmente non è ancora nel nostro DNA, forse c'è la falsa sicurezza di lavorare in un ambiente asettico, ma sappiamo che non è così....

Il 29 ottobre sono andato al workhop sulla cartella infermieristica del S.Orsola di Bologna purtroppo essendo di smonto notte ho assistito solo alla mattina e non ho approfittato del lunch dato che ero cotto, ma la presentazione del dott.Chiari è stata molto interessante e chi è interessato può chiedere gli atti nel sito dedicato...

"Mc Gill Pain Questionnaire – Traduzione Italiana


Al fine di superare le barriere semantiche relative alla traduzione letterale del McGill Pain Questionnaire (MPQ) , è stato sviluppato l’ IPQ, Italian Pain Questionnaire, basato su 3 campi di analisi, proposti da Melzack e Torgerson: sensorio, affettivo, valutativo.

Mobilizzare un ammalato con deficit motori è un attività che richiede delicatezza, precisione e fermezza, purtroppo spesso non siamo sufficientemente allenati, il risultato è un bel mal di schiena.

Mobilizzare il paziente, riducendo le forze di attrito e quindi gli stress per la nostra schiena richiede presidi specifici, ne ne faccio un elenco, forse li avete tutti, ma non credo...