master online infermieri

Tecniche e tecnologie per l'assistenza infermieristica

 salute tecnologiaLe tecnologie nell'assistenza infermieristica hanno un eterogeneicità incredibile, infatti si parla di tecnologia quando si ha a che fare con un modello teorico o statistico matematico che consente un analisi, ma anche quando si ha la robotica più avanzata che opera in telemedicina.

Quindi perchè non parlare di tecnologie infermieristiche?

La morte improvvisa extra-ospedaliera (MIEO) è una modalità abbastanza comune di morte.

Cercare di creare un algoritmo di indagini da eseguire nei sopravvissuti non può che aumentare la probabilità di potere identificare la causa della MIEO e quindi indirizzare nel minor tempo possibile la terapia del paziente verso la patologia responsabile. Un centro ospedaliero parigino ha rivisto i dati degli ultimi 10 anni che riguardano questo quadro clinico.

Nella rianimazione extra-ospedaliera, la gestione avanzata delle vie aeree ha risultati peggiori rispetto a quella più tradizionale

La gestione avanzata delle vie aeree da parte degli infermieri è diventata la prassi generalmente accettata anche se mancano le evidenze per sostenere l’efficacia di tale comportamento nella rianimazione extra-ospedaliera.

Recenti ricerche sulla rianimazione avanzata di arresti cardiaci extra-ospedalieri hanno portato ad un cambiamento della terapia, “da ABC a CAB”; dando priorità ad una buona qualità di compressioni toraciche e di defibrillazione piuttosto che  alla gestione delle vie aeree.

Uno studio giapponese sugli arresti cardiaci extra-ospedalieri avvenuti tra il 2005 e 2010 (circa 649.654 casi riportati nel Japan’s Registry) ha valutato l’influenza del tipo di gestione delle vie aeree sull’outcome neurologico, a 30 giorni dalla rianimazione.

Un’evoluzione favorevole (definita come Cerebral Performance Score 1, o 2) è stata riscontrata nel 2,9% dei casi gestiti con il metodo “tradizionale” maschera con pallone autoespandibile (AMBU), nel 1% dei casi gestiti con l’intubazione tracheale e nel 1,1% dei pazienti rianimati e ventilati con sistemi sopraglotici (maschera laringea).

I pazienti ventilati con maschera pallone hanno presentato un’evoluzione neurologica favorevole con una frequenza di almeno due volte maggiore rispetto ai pazienti intubati o ventilati con sistemi sopraglotici.

Gli Autori sottolineano la necessità di rivisitare le indicazioni della gestione delle vie aeree durante la rianimazione dando più importanza al metodo “tradizionale” (maschera pallone autoespandibile) che alle metodiche avanzate (intubazione tracheale o maschera laringea).

 Hasegawa K, Hiraide A, Chang Y, Brown DF. Association of prehospital advanced airway management with neurologic outcome and survival in patients with out-of-hospital cardiac arrest. JAMA 2013 Jan 16; 309:257-66.

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23321764

Cerebral Performance Score: http://www.sjtrem.com/content/19/1/38

Dott. Vladimir Guluta

cardiologo presso Maria Cecilia Hospital

Cotignola (RA)

 

La tracheotomia è una delle procedure chirurgiche più frequenti nell’ambito delle terapie intensive per i pazienti in insufficienza respiratoria.

Il timing della procedura è rimasta tuttora un elemento che non ha trovato ampio consenso; tracheotomia precoce (nei primi 4-8 giorni dopo l’intubazione) vs tardiva (a più di 10-15 giorni dall’intubazione) è ancora diversamente affrontata nei reparti di terapia intensiva.

Nell'immaginario collettivo la valutazione del riflesso pupillare era legata alla lucetta che più o meno abilmente il Medico o l'infermiere facevano passare sugli occhi per valutare se c'era il danno cerebrale.

Oggi la tecnologia viene in aiuto per dare una misura a quel riflesso che poteva essere veramente piccolo, si chiama Neuroptics e può essere usato in oculistica ma anche in Area Critica o nelle emergenze.

La Guidelines for the Prevention of Intravascular Catheter-Related Infections è edita nel 2011 dal CDC di Atlanta (LINK), il GAVeCeLT ha realizzato la traduzione italiana consentendo una rapida e puntuale diffusione di una linea guida internazionale fra le più seguite.

Il GAVeCeLT è inpegnato da oltre una decade nella divulgazione della cultura scientifica nella gestione degli accessi vascolari...

In terapia intensiva la persona è sottoposta a monitoraggio continuo e terapie importanti per la sua vita ed è totalmente dipendente per l'igiene, di conseguenza è necessario avere un sistema validato per l'efficacia.

Il video divulgativo su youtube mostra la possibilità di usare altri prodotti rispetto alla solita bacinella con acqua..

 

epoc egaHo avuto modo di provare un piccolo emogas, un sistema portatile che può essere trasportato al letto del ricoverato.

Questo sistema come si vede dallo foto che ho fatto è piccolo e si può tenere con una mano, dato che come ogni novità tecnologica costa un botto, ha delle superfici antiscivolo che facilitano la presa.

E' una macchina delicata e non ci se lo deve scordare quando per le emergenze la si porta al letto del malato.

Il software è semplice e chiunque navighi con un PC lo riesce ad usare.

ecg portatileCardioshield è un PC ECG portatile e versatile, fa i tracciati in tempo reale e si trasforma in un comodo ECG portatile grazie alla stampante bluetooth, piccola e portatile che stampa in tempo reale ma è in grado di trasmettere i dati al PC.

Cardioshield è uno strumento ben più completo e versatile di qualunque pc-ecg.

mini ecg per smartphone smartcardio

Smart Cardio consente di rilevare un ECG in 30 secondi e prendere le decisioni adatte al caso, già usato in PS si affianca al pulsossimetro da dito.

L'ECG è effettuato rapidamente 30 secondi nulla più, il video presenta il caso di paziente che si presenta al triage ed in 30 secondi viene rilevato l'ECG e segue la refertazione automatica.

Smart Cardio può essere utile anche in reparto o nell'assistenza domiciliare.

ecg posizione elettrodi

L'elettrocardiogramma è un esame semplice che consente di riprodurre in un grafico l'attività elettrica del cuore.

La realizzazione grafica è il risultato finale che inizia con il posizionamento corretto degli elettrodi, semplice a prima vista ma richiede alcune raccomandazioni per evitare errori.

Sottocategorie

Le procedure e i protocolli infermieristici sono la base per un assistenza infermieristica appropriata che sia essa semplice o più complessa.

I documenti trovati online si trovano nella sezione downloads (LINK)

 

La ricerca infermieristica è più complessa di altre perchè si lavora in sistemi complessi, le tecniche che si possono utilizzare sono molto diverse a seconda dell'oggetto in studio.

Le scale di valutazione infermieristiche aiutano a rendere l'assistenza appropriata, ma anche ad adottare nuove strategie basandosi su dati.

Le scale di valutazione utilizzate dai medici possono sono utili anche per una valutazione dell'assistenza infermieristica.

Tecnologie infermieristiche, le tecniche più comuni e le procedure come l'iniezione intramuscolare, il cateterismo vescicale, le medicazioni la terapia infusionale e tante altre.

 

News sull'Area Critica, tecniche e aggiornamenti di terapia intensiva.

 

Le lesioni da pressione sono una complicanza grave dovuta a diversi cofattori sfavorenti che ne favoriscono l'insorgenza.