hiv1Il Ministro della Salute Grillo ha ottenuto il primo SI dal garante dell'infanzia, questo porterà ad un percorso dove il minore che abbia dei dubbi possa chiedere il test senza doversi confrontare con i genitori dove i rapporti familiari sono il primo ostacolo e così facendo favoriscono la diffusione della malattia.

Una rivoluzione?

Il comunicato sul sito salute.gov.it riporta:

 

Comunicato n. 31
Data del comunicato 26 febbraio 2019

Test hiv su minori senza consenso genitori, sì del Garante Infanzia al ministro Grillo per collaborazione su nuove regole

Il ministro della Salute, Giulia Grillo, ha da tempo avviato un confronto positivo con le associazioni impegnate nella lotta all’Aids per individuare sempre migliori strategie per informare e sensibilizzare i cittadini sui temi e le priorità per la prevenzione e cura dell’Hiv e delle malattie sessualmente trasmesse. Uno dei punti critici riguarda il libero accesso per i cittadini minorenni ai test diagnostici che sono anonimi e gratuiti per tutti, ma che per i minori richiedono il previo consenso del genitore o del tutore. Questo paletto normativo costituisce di fatto un ostacolo ai test.

Gli studi evidenziano che i contagi da Hiv in età precoce sono sempre più frequenti, ma le diagnosi sono troppo spesso tardive. Per questo il ministro Grillo ha scritto al Garante per l’Infanzia e ha ricevuto una risposta positiva circa la possibilità di lavorare insieme a una nuova norma che agevoli l’accesso al test Hiv per i minori.

“Per rendere più semplice l’accesso alla diagnosi per i giovanissimi è essenziale intercettare precocemente l’eventuale contagio da Hiv o da altre malattie sessualmente trasmesse. Per questo sono molto soddisfatta della positiva risposta dell’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza alla mia richiesta di lavorare insieme a una norma per superare questa regola ormai obsoleta. I tempi sono cambiati, eppure tanti giovani provano grande imbarazzo ad aprirsi con i genitori su alcuni aspetti della propria vita personale e non effettuano i test, pur avendo una vita sessuale  attiva.    
Il Ssn è di tutti i cittadini ed è compito del ministro della Salute e delle istituzioni rimuovere gli ostacoli alla prevenzione in ogni ambito della salute.
Negli ultimi anni è stata fatta pochissima informazione sul pericolo Aids e molti ragazzi ignorano o sottovalutano la pericolosità della malattia. Presto i ragazzi potranno effettuare liberamente i test in contesti protetti e dedicati, senza più bisogno del consenso del genitore o tutore. È un punto di partenza che può migliorare concretamente la consapevolezza sui temi della prevenzione”, dichiara il ministro Giulia Grillo.

 

Il percorso è iniziato e sicuramente sarà un arma in più contro la diffusione di una malattia ancora molto, troppo diffusa e di cui si parla poco.

Il poter fare un test precocemente consentirà di fare terapie mirate e consentirà ad un minore di poter accedere al test senza dover modificare quegli equilibri familiari precari.

La prima barriera contro la diffusione dell'HIV parte da un'abitudine all'uso del profilattico proprio da adolescenti, ti propongo, in allegato, la storia di Margherita sieropositiva dall'età di 16 anni (LINK).

Pin It
Accedi per commentare