Diastasi ernie e laparoceli si assomigliano ma hanno delle differenze ed anche delle similitudini, in comune hanno l'aspetto sul profilo dell'addome che le rende a prima vista morfologicamente simili ma si differenziano per sede dolore ed eventuali rischi e complicanze.

L'addome contiene i visceri e un cedimento o una discontinuità della parete addominale può far si che vengano a crearsi dei punti dolenti con delle cavità dove i visceri si riversano, sono tre le tipologie di danno alla parete che determina diverse patologie appunto, diastasi, ernie e laparoceli.


La diastasi come riconoscerla?
Si tratta di un cedimento della parete, di solito a livello dei muscoli retti c'è un distanziamento, una lassità nella linea mediana, spesso conseguente ad uno sforzo, è una condizione benigna e nella maggior parte dei casi asintomatica e non richiede alcuna assistenza infermieristica.

La diastasi disturba il paziente che improvvisamente vede una "bozza" e va a visita chirurgica perché c'è un qualcosa di nuovo.

La diastasi è una condizione benigna e regredisce con un poco di attenzione.

L'ernia inguinale fa sempre male?

L'ernia si può verificare in diversi punti ed avere dimensioni molto variabili da 4-5 millimetri ed essere appena percepibile a decine di centimetri ben evidente.
L'ernia è dolorosa quando è piccola perchè nella piccola cavità ci entra il grasso dell'omento che è ben innervato; paradossalmente l'ernia di grandi dimensioni può entrare ed uscire dalla parete addominale e quindi causare meno dolore.

 

Indipendentemente dal dolore o dalle dimensioni, è necessaria una valutazione del chirurgo dato che l'unico modo per stabilizzare la parete addominale è un intervento di ernioplastica.
Nell'attesa dell'intervento l'assistenza sarà incentrata sulla riduzione del rischio di uscita dell'ernia con l'uso di una mutanda elastica o una pancera a seconda della sede. L'obiettivo è ridurre il rischio di strozzatura dell'ernia, evento che si verifica quando i visceri non riescono a rientrare nella cavità che di conseguenza resta tesa e dolente, in questo caso andare immediatamente al pronto soccorso.

L'ernia esce e forma un rigonfiamento, la manovra che il paziente stesso o un operatore fa di far rientrare il viscere in addome si dice "riduzione dell'ernia"  la manovra non è indolore.

ernia strozzata

La foto mostra un ernia addominale nelle diverse fasi della sua formazione.

Le sedi dell'ernia danno il nome al tipo di ernia e le più frequenti sono:

Ernia inguinale.
Ernia crurale.
Ernia ombelicale.
Ernia epigastrica.

Laparoceli come riconoscerli?

Il rigonfiamento della parete addominale è simile ad un' ernia o ad una diastasi, il segno distintivo è la presenza di un pregresso intervento chirurgico, il laparocele è un cedimento della parete addominale nella sede dell'intervento chirurgico.

I tessuti hanno ceduto e c'è un punto della parete dove i visceri possono passare, il gonfiore può essere di pochi mm ma anche di decine di centimetri.
Il laparocele può crescere di dimensioni ed appena possibile la riparazione della parete addominale con una rete è l'intervento che a seconda delle dimensioni risolve.

L'assistenza post operatoria dipende dala tipologia di anestesia e dalla sede, il controllo del dolore per una ripresa dell'autonomia, ripresa che deve avere chiaramente pancera o mutanda elastica per evitare tensioni sull'intervento.

L'assistenza nei giorni successivi all'intervento, dovrà passare attraverso comportamenti educazionali che saranno più o meno importanti a seconda dell'intervento e sono:

-un corretto utilizzo dei presidi per ridurre la tensione addominale, che vanno posizionati e rimossi in posizione supina (sdraiati sul letto).

-mantenere le feci morbide per ridurre gli sforzi,

-dieta può essere presente negli interventi di laparoceli che arrivano vicino ai visceri,

-controllo del dolore,

-attività fisica moderata, deambulare con aiuto e progressivamente da soli.

Questa tipologia di interventi spesso sono fatti in regime di day surgery, in regime di ricovero più complesso a seconda di altre comorbilità.

 

 

 

Log in to comment