nurse jackieCercando su internet ho trovato diversi articoli che affrontano un tema sommesso, ignorato o sottovalutato dal panorama professionale italiano che si descrive con una semplice domanda:

Sospetti che un collaboratore sta abusando di droghe o di alcol e lavora in condizioni compromesse? 

Ovviamente tale domanda non se la pone nessuno in Italia, ma negli USA l'associazione americana degli infermieri suggerisce che fino al 10% degli infermieri può avere un problema di abuso di sostanze e alcuni studi hanno suggerito che questo potrebbe essere più alto fino 1 su 5 (LINK).

Dipendenza di farmaci da prescrizione, ciò che il CDC descrive come un epidemia in crescita in particolare la dipendenza da oppiacei (LINK).

In Italia il problema non esiste?

Non se ne parla, però il fatto che non si riesca a vedere qualcosa non vuol dire che non esista, il problema è che un infermiere/a in stato di alterazione da droghe o alcol non riesce ad avere una autovalutazione coerente e crede che il suo lavoro sia soddisfacente, ma in realtà non è in grado di curare i pazienti in modo sicuro ed efficace.

Nel contesto italiano se sospetti che un collega o un collaboratore sia soggetto ad abuso di sostanze è possibile far conoscere queste preoccupazioni, ma a chi rivolgersi?

Trovare una soluzione non è semplice, focalizzare l'attenzione dalla routine lavorativa verso i momenti relazionali per un dubbio può essere devastante, ma ricordiamoci che è un dovere etico verso i pazienti, la comunità e la nostra professione. 

La prima cosa è comprendere che è il percorso verso la dipendenza è graduale e che ci sono dei segni più frequenti.

Quando si inizia con un abuso o uso illegale di una sostanza, alcol o droghe, inizialmente si può arrivare ad una tolleranza che richiede poi dosi sempre più elevate per ottenere lo stesso effetto. Successivamente questo porta alla dipendenza dove per il bisogno della droga o della sostanza che da dipendenza, non si riesce più a smettere provocandosi dei disordini fino a comportamenti compulsivi che il tossicodipendente non può controllare.

Infermieri dipendenti da farmaci non sono facili da riconoscere.

I segni ei sintomi tipici dell'abuso di sostanze e della dipendenza che abbiamo appreso non possono essere evidenti in un'infermiera al lavoro rispetto al tossicodipendente in strada. Essi tendono a prestare particolare attenzione per evitare l'individuazione e, a causa del libero accesso ai farmaci, agli aghi puliti e alle siringhe, l'abitudine non ha lo stesso drenaggio finanziario che fa per altri tossicodipendenti.


Segni fisici:

Gli infermieri possono mostrare gli stessi segni e sintomi della sostanza abusata, che possono includere:

Movimenti e tremori

Pupille dilatate o costrette (gli oppiacei causano una costrizione).

Occhi e naso acquosi

Fatica con respirazione rallentata, annuire per dormire o addirittura blackout

Biascicamento

Andatura instabile

Frequenti episodi di nausea, vomito e/o diarrea

Perdita o guadagno insolito

Un aspetto disordinato, con scarsa cura, generalmente elencato come un segno fisico della dipendenza, ma i tossicodipendenti che in ambiente lavorativo possono prestare particolare attenzione al loro abbigliamento per mantenere un aspetto normale.


Cambi di comportamento

I cambiamenti nel comportamento potrebbero essere la prima cosa che avvertiamo in colleghi o collaboratori manifestano in caso di sospensione, più difficilmente c'è un uso da lungo tempo. Effetti che, possono verificarsi gradualmente nel tempo o diventare evidenti solo quando si riflette sul comportamento passato della persona.

I segni comportamentali possono includere:

Una mancanza di concentrazione, con dimenticanza e frequenti errori.

Iperattività e euforia, scherzando e ridendo molto e apparentemente non influenzato dallo stress del lavoro.

Hypoactive, non portando il loro pieno carico di lavoro da fare.

Diminuzione della qualità della cura e della documentazione.

Isolamento dai colleghi e problemi con i rapporti personali.

Momenti di rabbia alternati a comportamento difensivo.

Disposti a lavorare tardi o extra (perché qui sono i farmaci).

Frequenti viaggi nel bagno.

Indossare abiti caldi anche nei periodi caldi, per nascondere i segni dell'ago.


La rilevazione di uno o più dei seguenti aspetti dovrebbero servire come bandiera rossa:

Ci sono molti modi intelligenti in cui gli infermieri che hanno una dipendenza la nutrono per soddisfare la loro sempre più desiderosa di droghe, che ha la priorità rispetto alla cura del paziente, così come il loro migliore giudizio.

L'aumentare dello scarico di farmaci di narcotici quando un'infermiera specifica è in servizio.

Errori frequenti nei conteggi di narcotici, registrazioni narcotiche o registrazioni di farmaci del paziente.

Un numero insolito di richieste per la firma di droghe sprecato. (Quanto spesso non accade che i colleghi co-firmano ma non verifichino effettivamente che il loro collega di fiducia, in realtà, disponga del farmaco?)

I pazienti di una particolare infermiera si lamentano regolarmente di non avere il sollievo dal dolore previsto, anche dopo aver ricevuto i loro antidolorifici.

Cambiamenti effettuati da ordini verbali o telefonici per farmaci narcotici.


Che cosa dovresti fare se sospetti un collaboratore?

Le ricette facili le lista sopra non rendono l'idea dell mimetismo dell'agire di chi è dipendente e una volta identificato che esiste un problema la fatica di un intervento fattivo.

La scelta di un comportamento accondiscendente è la più facile, questo perchè comporta di ignorare o la copertura delle scarse prestazioni e degli errori, poi la riduzione del carico di lavoro, accettando scuse e cedendo alla manipolazione per evitare il conflitto. 

Un altro comportamento tipico è evitare il coinvolgimento, evitare il confronto, può essere un atteggiamento spontaneo per proteggere il tuo collega o per paura di essere portati al centro dell'attenzione ad un confronto diretto che non si sarebbe in grado di sostenere.

Più complesso è capire le politiche aziendali, avere la certezza che il collega abbia realmente un problema, andarsi a ristudiare segni e sintomi specifici per essere di aiuto per avere l'obiettivo di favorire la riabilitazione, il recupero, la reintegrazione sul posto di lavoro dopo il trattamento, piuttosto che per far rispettare un'azione disciplinare dura.

 

Per approfondimenti:Substance Abuse in Nursing: What Are the Signs and What To Do About It?

Pin It