master online infermieri

News

Gli infermieri sono una realtà sempre più dinamica, cambiare rapidamente si, però perchè non raccontare le novità che verranno, la salute vista dal punto di vista degli infermieri.

Tutti impegnati a seguire le lucciole, belle ma effimere, nessuno si accorge che adesso siamo al buio, si parla di omeopatia che non cura, eppure non viola nessuna linea guida, per il semplice fatto che non ce ne sono più.

Si è così, tutta, la produzione di linee guida nazionali è stata cancellata, resettata dalla legge Gelli, il sito SNLG è stato cancellato, in un internet dove la divulgazione è rapida anche scomparire nel silenzio di tutti,basta un attimo. Siamo tornati indietro di 50 anni?

copertina libro demenza anzianoL'ultima edizione del manuale "Non so cosa avrei fatto oggi senza di te" - Manuale per i familiari delle persone con demenza, è disponibile online.

Il volume di 186 pagine è scritto in modo chiaro con l'obiettivo di aiutare le famiglie nei piccoli e grandi problemi quotidiani che passano dalla riorganizzazione della propria vita.

Salute identita religiosaIl 6 giugno 2017 è stato presentato l'ebook dal titolo "Salute e identità religiose, Per un approccio multiculturale nell’assistenza alla persona" il libro è la conclusione o il proseguo di una serie di corsi che la regione Lombardia a realizzato.

Il libro entra nel cuore del multiculturale, perchè se ci possono essere differenze di cultura fra un italiano e uno svedese, le differenze si accentuano quando sono religiose.

 

eleganza5 introLa cura dei malati oggi raggiunge il suo apice unendo all’arte della cura la tecnologia applicata ad un letto che esegue i movimenti con il minimo impegno dell’operatore.

Dal 2015 l'Ordine dei Medici di Bologna ha iniziato una campagna di sanzioni disciplinari contro i medici che integrano o adottano i nuovi protocolli infermieristici del 118.

Nuovi, andrebbe messo tra virgolette perchè oramai sono anni che se ne parla, sono deliberati dalla Regione Emilia-Romagna, ma per l'Ordine dei Medici di Bologna sono illegittimi e comportano la sospensione dei medici responsabili che li approvano.

Il direttore sanitario dell'ASL di Bologna dopo la sospensione di marzo ha deciso di dare le dimissioni.