master online infermieri

News

Gli infermieri sono una realtà sempre più dinamica, cambiare rapidamente si, però perchè non raccontare le novità che verranno, la salute vista dal punto di vista degli infermieri.

robot3Il robottino entra nelle case italiane... è stato presentato all'Exposanità di Bologna, piccolo e molto simpatico, che ad un primo sguardo sembra uscito da un film della Disney, e invece si dedica alla salute dei nostri cari. 

Ha degli occhi tondi che gli danno un aspetto molto amichevole, e uno schermo touch screen che mostra i dati che raccoglie. Non è un cameriere, non ha le braccia, ma fa compagnia, essendo così piccolo e leggero rimane carico a lungo, fino a 10 ore, e poi si auto ricarica.

pompe infusionali colonnaLe tecnologie che cambieranno qualcosa nel lavoro dell'infermiere sono molte, alcune le ho viste all'Exposanità di Bologna, alcune possono far sorridere, altre possono sembrare futuristiche altre sono già in uso in alcune realtà.

Un giorno potremmo lavorare con un robot sociale o avere una barella a trazione elettrica, quindi vedere una riduzione delle infezioni con le tastiere lavabili, o assistere un paziente che in sala operatoria con il chirurgo che non sbaglia di un millimetro grazie alla navigazione assistita nella chirurgia, di un paziente che ha fatto una terapia transgenica.

emergency hospitalLa storia di Katie Dutton inizia quando era ancora una studentessa di infermieristica, ha iniziato il suo percorso con la speranza di aumentare la consapevolezza della sepsi.

Dopo essere stata ricoverata per un'infezione renale, Katie ha sviluppato una sepsi dopo che la linea endovenosa si era infettata.

misura pressione iaL'ictus è causato dalla chiusura di un vaso sanguigno, gli esiti dell'ictus possono essere più o meno gravi, può anche causare danni di tipo motorio o cognitivo. Il recupero passa attraverso un percorso riabilitativo che mira a rafforzare ed affinare le capacità che son rimaste invariate.

Yoga, agopuntura e Tai Chi sono terapie complementari che vengono utilizzate nella riabilitazione della persona in seguito ad un ricovero per ictus.

Quella che può sembrare una sensazione di efficacia ha attirato l'interesse di numerosi ricercatori ed anche del prestigioso centro studi Cochrane.

hawkingNon serve essere dei fisici per conoscere Stephen Hawking, astrofisico, ma soprattutto era una persona che ha vissuto una vita piena di risultati e successi. Conosciuto dal grande pubblico, da matematici e fisici a livello mondiale.

Aveva 76 anni, e da molto tempo era malato. Gli avevano diagnosticato a 21 anni la Sclerosi Laterale Amiorfica (SLA), e i medici gli diedero 2 anni di vita. Ma questo non l'ha mai fermato dal vivere ogni giorno.

"Quando si ha di fronte la possibilità di una morte prematura, ci si rende conto che la vita vale la pena di essere vissuta e che ci sono innumerevoli cose che si vogliono fare" 

 E' con questo spirito che lo scienziato si dedicò ai suoi studi sull'universo.