Guluta

Guluta

  • Oggi 19 novembre a Bologna presso il centro polifunzionale dell'Opificio Golinelli, la seconda giornata del congresso sullo scompenso cardiaco 2016 che si è addendrata sul dopo evento acuto, cosa succede al paziente dalla dimissione.

    L'aderenza alla terapia, le condizioni sociali, la fragilità, l'organizzazione gli esiti delle terapie sono lementi che hanno effetto non solo per la stabilità della malattia ma anche per il ricovero successivo o il comparire di nuovi eventi acuti.

  • Uno studio eseguito su 83 pazienti diabetici affetti da neuropatia periferica cronica, con dolori a livello degli arti inferiori ha confrontato l’effetto analgesico di tre farmaci diversi ed ha anche verificato gli effetti indesiderati di ognuno di loro.

  • White-coat hypertension (ipertensione da camice bianco, WCH) e masked hypertension (ipertensione mascherata (MH) sono due particolari  quadri clinici di ipertensione arteriosa.

    I soggetti affetti da WCH presentano un temporaneo innalzamento dei valori della PA che si manifesta quando la pressione viene controllata da un medico (da cui deriva anche il nome della sindrome). Le auto misurazioni eseguite dal paziente stesso, a casa sua indicano valori normali.

  • Nei risultati a lungo termine: vince la sola compressione toracica.

    Dal 2010 le linee guida di ACLS raccomandano al personale non sanitario di iniziare la RCP dell’arresto cardiaco, con le sole compressioni toraciche (chest compression alone, CCA) e non più con le compressioni e la ventilazione polmonare (chest compression plus rescue breathing, CC-RB)...

  •  

    La riduzione del LDL colesterolo di solo 1 mmol/l (39 mg/dl) riduce il rischio di eventi cardiovascolari (CV) maggiori, del 20%.

    A questo punto non sarebbe utile somministrare una statina non solo ai soggetti ad alto rischio cardiovascolare ma anche a quelli a rischio basso ?

     

  • Il rischio più importante di un esame durante il quale si somministra mezzo di contrasto (MDC) per via intra-arteriosa (angiografie periferiche, coronarografia, angioplastica percutanea, ecc) è la conseguenza che il MDC potrebbe avere sulla funzione renale.

    Il danno renale indotto dal MDC crea un quadro patologico che si chiama nefropatia indotta dal MDC (NIM).

     

  • Nella rianimazione extra-ospedaliera, la gestione avanzata delle vie aeree ha risultati peggiori rispetto a quella più tradizionale

    La gestione avanzata delle vie aeree da parte degli infermieri è diventata la prassi generalmente accettata anche se mancano le evidenze per sostenere l’efficacia di tale comportamento nella rianimazione extra-ospedaliera.

  • Molte persone anziane, soprattutto donne, fanno utilizzo di supplementi di calcio per la prevenzione dell’osteopenia e dell’osteoporosi.

    Potrebbe il calcio assunto in questo modo essere un rischio di calcificazione del sistema vascolare e secondariamente di complicanze cardiovascolari ?

  •  

    Mondialmente parlando , lo stroke (l’ictus cerebrale) è la seconda più comune causa di morte.

    La maggior parte degli strokes sono di tipo embolico e la fibrillazione atriale (FA) occupa il primo posto tra “i fornitori” di emboli. Si stima che circa il 4% della popolazione generale sia affetta da FA e che solo negli Stati Uniti, ogni anno si registrano 60.000 nuovi casi.

  • La fibrillazione atriale (FA) è uno dei più frequenti disturbi del ritmo del cuore ed il suo rischio principale è quello embolico. Nei pazienti affetti da FA l’incidenza dell’accidente vascolare cerebrale (AVC) è particolarmente alta.

    Gli anticoagulanti orali sono una classe di farmaci che mantengono il sangue “meno coagulabile” riducendo il rischio di embolie (cerebrali e periferiche) nei pazienti affetti da FA.

  •  

    “Abiliti” sviluppato da IntraPace (California) è un piccolo pacemaker, dispositivo impiantabile nello stomaco (attraverso una procedura chirurgica laparoscopica minimamente invasiva).

     

  • Il farmaco che  si è dimostrato di essere il più efficace nella prevenzione degli accidenti vascolari cerebrali di tipo embolico nei pazienti affetti da fibrillazione atriale è il Warfarin.