Tratto dalla tesi: Le fonti di disciplina del rapporto di lavoro autore Schiroli Carla

PREMESSA

Il DIRITTO DEL LAVORO è la branca del diritto che si occupa di regolamentare e quindi di disciplinare tutte le materie attinenti il rapporto di lavoro, ossia la relazione giuridica intercorrente tra il prestatore d’opera ed il datore di lavoro e che tutela oltre all’interesse economico, anche la libertà, la dignità e la personalità del lavoratore.  segue...

Si ringrazia obiettivoinfermiere.it

Tale relazione rappresenta un rapporto giuridico complesso, avente come oggetto tanto l’obbligo del lavoratore di prestare la propria attività quanto l’obbligo del datore di corrispondere una retribuzione ed è diversa rispetto alla generalità dei rapporti giuridici in quanto, se da un punto di vista giuridico datore di lavoro e lavoratore sono sullo stesso piano, da un punto di vista economico il lavoratore è il contraente più debole; tale debolezza gli deriva sia dalla condizione di disoccupazione (dipendenza economica) sia dal fatto di essere subordinato al potere direttivo ed organizzativo del datore di lavoro.

 

Si ringrazia obiettivoinfermiere.it

 


 

 

CENNI STORICI

Nelle società primitive non poteva esistere il concetto di lavoro con il significato che gli si è attribuito nel XX secolo, come ad esempio l’applicazione della volontà e della capacità umana alla produzione di beni e servizi. L’attività di produzione coincideva del tutto con quella di riproduzione dell’individuo e della specie, il tempo di lavoro era il tempo di vita. Il numero degli uomini su di un territorio era regolato da un equilibrio naturale, perciò essi disponevano dell’occorrente secondo i bisogni di quel tipo di società. Gli studi dimostrano che l’uomo paleolitico dedicava al lavoro mediamente due o tre ore giornaliere e disponeva di un’eccedenza di: cibo, legname per il fuoco, pelli per coprirsi e materiali per gli utensili. Anche gli uomini delle società pre-classiche non avevano una concezione del tempo che dividesse nettamente vita e lavoro: anche per loro non aveva nessun senso né la parola lavoro nell’accezione moderna, né il concetto di tempo libero; solo più tardi, in una società ormai divisa in classi fondata sullo sfruttamento degli schiavi, il lavoro coincise con l’attività normale di chi si dedicava ad attività manuali. Nelle società antiche il lavoro coincise con la vita, il cui scorrere non era diviso in tempi separati. Il frazionamento delle parti della giornata rientrava nell’alternarsi naturale di attività e riposo. Il lavoro era inteso come attività per ottenere un semplice valore d’uso, non come un mezzo per produrre un valore di scambio. Con i Greci e soprattutto con i Romani cominciarono a nascere forme di specializzazione e di utilizzo del tempo, ma anche in questo caso la divisione tra giornata lavorativa e non lavorativa era sconosciuta: solo la necessità di riprendere le forze, di partecipare alla vita sociale, di combattere o di viaggiare, interrompevano l’attività lavorativa, non una convenzione sociale che divideva la giornata in orari. Occorre attendere il XII secolo per trovare nel francese labeur e nell’inglese labour un termine che indica il concetto di lavoro in senso simile a quello attuale, anche se legato esclusivamente all’attività agricola. Questa condizione si mantenne per tutto il medioevo. La diversa natura del lavoro appare invece nelle società urbane. Nel XIX secolo il lavoro diviene il mezzo per trasformare il mondo e l’uomo. Nella prima metà dell’Ottocento il lavoro era concepito come l’unico modo di valorizzare il mondo, di trasformarlo. Verso la fine di tale secolo e soprattutto dopo la sua rielaborazione da parte di Marx, il concetto di lavoro diviene molto ampio, è sinonimo di trasformazione, creazione, produzione, un concetto che comprende qualsiasi attività che sostituisce la dimensione naturale con quella umana, cioè qualsiasi opera di trasformazione. Nel XX secolo si configura come un sistema di distribuzione del reddito, di partecipazione alla produzione remunerata di beni e servizi, di sicurezza sociale e di diritti. Occorre inoltre effettuare una distinzione tra il concetto di lavoro e il concetto di occupazione. L’occupazione è una caratteristica tipica delle società industriali, per molti secoli il lavoro era considerato come l’insieme delle attività del genere umano. La distinzione tra lavoro ed occupazione è stata introdotta dalla cultura industriale occidentale, intendendo per occupazione il lavoro remunerato come compenso per prestazioni rivolte alla produzione di beni e servizi. L’occupazione (cioè il lavoro remunerato) viene così accettata come parametro convenzionale per misurare il lavoro giungendo alla generalizzazione del concetto di occupazione come sinonimo di lavoro. Consistenti cambiamenti nell’organizzazione della vita e del lavoro evidenziano l’importanza di attività, un tempo ritenute improduttive, necessarie a rispondere a bisogni e scopi individuali e sociali come l’istruzione, la formazione, la sanità. In molte delle società attuali, oltre al lavoro remunerato (occupazione), si stanno sviluppando opportunità di lavoro legate ad attività scambiate direttamente tra le persone come il lavoro sociale e il volontariato. In economia classica il lavoro è uno dei tre fattori di produzione; gli altri sono il terreno e il capitale, il lavoro è una delle misure dell’attività svolta dagli esseri umani. In generale, la parola lavoro si riferisce ad una qualsiasi attività di produzione economica, tuttavia, nelle società capitaliste la parola lavoro è diventata sinonimo di impiego. Con questo si fa riferimento alla relazione a lungo termine tra il lavoratore e coloro che detengono il controllo legale degli altri fattori di produzione. In questo senso le persone parlano di trovare un lavoro o avere un lavoro. Il concetto di lavoro perciò raggruppa tutte queste dimensioni, ma nella società odierna è difficile trovare una definizione adeguata in quanto il lavoro sembra sgretolarsi e ricomporsi in molteplici attività, ognuna differente dall’altra. Nella società contemporanea il lavoro è sottoposto a profonde trasformazioni in virtù del processo di globalizzazione dei mercati e dell’introduzione di nuove tecnologie. Dalla produzione standardizzata di massa si è passati alla specializzazione produttiva flessibile. La maggiore concorrenza sui mercati richiede che il sistema produttivo sia flessibile in modo da portare sul mercato prodotti sempre nuovi in tempi sempre più brevi. Cambiando il sistema produttivo cambia di conseguenza la definizione e il contenuto stesso del lavoro. Si comincia a parlare di lavori al plurale e non di lavoro al singolare, anche per il moltiplicarsi di forme di lavoro diverse come contrattualità, orari, luoghi e finalità. Tale frammentazione rende impossibile definire con scadenze certe la vita delle persone perché risulta più difficile la pianificazione di una carriera. Quindi è proprio il concetto di lavoro a cambiare profondamente di significato passando da sinonimo di posto fisso, a forme istituzionali caratterizzate da una maggiore flessibilità del vincolo contrattuale tra datore di lavoro e lavoratore. Ciò appare in linea con la politica economica neoliberista.

 

Per contattare l'autore Schiroli Carla

Tesi completa scaricabile al link

 

Pin It
Accedi per commentare