uomo triste

Buongiorno, vi mando questa email come testimonianza della mia breve carriera.
Non è per tentare inutilmente di smuovere le acque, ma per condividere la mia esperienza con altri che probabilmente si sono trovati nelle mie condizioni e spero che venga pubblicata.
Mi chiamo Luca, vivo nel nord Italia e vi scrivo questa mail per esprimere le motivazioni per le quali ho deciso di lasciare la professione infermieristica.


Parto subito col dire che non sono di quelli che “hanno avuto la vocazione” o che considerano questo il lavoro più bello e gratificante del mondo, e ce ne sono tanti che come me.

Bene o male sapevo (in parte) ciò a cui sarei andato incontro, avendo una madre infermiera che mi ha messo in guardia sul lavoro dell’infermiere, turni, doveri e tutto il resto.

Già dal percorso di studi universitario siamo stati imbellettati da discorsi utopici come “voi dovete essere la generazione del cambiamento”, “non fate gli errori degli altri solo perché li fanno anche loro”, “imparate a dire no”.

Facile dopo una carriera finita e alle porte della pensione, lasciarci con queste pacche sulle spalle e tante vane speranze.

Finalmente mi laureo, sono pronto a entrare nel mondo del lavoro pieno di entusiasmo, dopo anni di esami (per metà inutili ai fini della professione) e tirocini non retribuiti, lavorando sui turni e svolgendo lo stesso lavoro degli altri.

Ma ok, fa parte del gioco.

Nonostante tutto è un mestiere che mi piace e faccio con gioia. Supero i tirocini con entusiasmo da parte dei tutor e mi laureo con un buon voto.

Trovo lavoro presso una grossa realtà, una casa di riposo, tutto all’ultimo grido, pulito e all’apparenza perfetto.

Finisco in un reparto composto per metà da pazienti in coma e per metà geriatrici.

Ci sono due infermieri per la terapia, uno nell’ala dei comatosi e un altro in geriatria, mentre altri due affiancati da un un OSS ciascuno eseguono l’igiene e il giro letti.

Qui iniziano i problemi.

La terapia va fatta DI CORSA, con parenti che ti subissano delle più assurde e inique richieste perché VIZIATI dal personale mentre tu, ultimo arrivato, nemmeno associ ancora i nomi a volti dei pazienti, figuriamoci dei parenti! Non si dovrebbe in alcun modo disturbare chi prepara e somministra la terapia, ma loro devono essere primi sempre.

Non gli importa.

Oltre a questo le figure degli OSS, che sono un discorso a parte. Prepotenti, saccenti e sempre pronti a farsela e fartela dietro.

Lavoro sotto contratto UNEBA (una cosa ai limiti dell’illegalità, secondo me), 6 giorni su 7, e finisco a fare turni perennemente nell’igiene dei comatosi, in quanto non sono abbastanza veloce con la terapia (che mette tutti i miei ex colleghi in crisi) e i parenti non mi vedono di buon occhio.

Perché ricordarsi ogni minuzia mentre fai altro è facile, no?

Quindi mi trovo 6 giorni su 7 a mobilizzare (anche in carrozzina, con ausili certo, ma è lo stesso sfiancante) pazienti comatosi, fargli l’igiene e lavarli al letto per poi tornare a casa distrutto e svuotato dentro, tra la fatica fisica e la pressione psicologica di dover correre e tenere a mente tutte le iniquità che mi chiedono i parenti. Gli infermieri sono gli operai della sanità, camerieri.

In mezzo al fuoco incrociato di ausiliari, medici, pazienti e parenti.

Finché saremo visti eseguire l’igiene, somministrare la terapia, PULIRE PER TERRA, mobilizzare e dare i pasti, l’impressione che arriverà ai non addetti ai lavori è che siamo dei tutto fare con la laurea. Anzi, la maggior parte delle persone nemmeno sa che ad oggi l’infermieristica è un percorso di studi universitario. Ai medici e agli OSS sembriamo quelli che dicono sempre di si, perché è vero, pur di evitare casini si dice di si.

E la frustrazione sale.

Ho visto e sentito situazioni e richieste al limite del ridicolo, come ad esempio di parenti che pur di far cambiare il paziente lo bagnavano apposta. Non sto scherzando. La “caposala”, che caposala non era ma solo una infermiera che stava più simpatica alle persone giuste, non capiva cosa volesse dire fare il giro di igiene ogni giorno e quando gliene parlavo se ne fregava. Evidentemente non sapeva come gestire la cosa in altro modo.

Bel modo di gestire il tuo personale.

Dopo 5 mesi ho dato le dimissioni.

Sono giunto alla conclusione non valeva la pena lavorare a questi ritmi 6 giorni la settimana, avere non un weekend intero ma solo una domenica al mese libera, tornare a casa distrutto per 1.400 Euro al mese e rimetterci la serenità e la salute.

E magicamente, come per darmi il contentino mi hanno fatto fare terapia nell’ala geriatrica per una settimana appena prima che me ne andassi.

Ma wow.

Ma andatevene affanculo.

Qualche tempo dopo torno alla carica, apro la Partita IVA perché trovo lavoro in una casa di riposo proprio a due passi da dove abito, pochi pazienti e clima tranquillo, così pareva.

La situazione si presenta da subito drammatica.

Durante l’affiancamento, per fretta di dover fare terapia, le infermiere mi dicono che l’unico loro modo di fare le medicazioni è rimuovere la precedente, e se non ci sono problemi evidenti, senza detergere né disinfettare, applicare la nuova già preparata in serie assieme alle altre che occorrono sul carrello.

Tutte uguali.

Così, in meno di mezz’ora ci si porta a casa 6-7 medicazioni.

SENZA DISINFETTARE.

Mi viene detto che posso addirittura rubare dei farmaci se ne ho bisogno.

Condizioni igieniche ai limiti dell’accettabile e personale per la maggior parte pessimo.

Ho iniziato a capire che si tratta di una costante.

OSS che, mentre sono col medico mi vengono a dire che hanno bisogno della mia assistenza per fare un bagno, insistendo e si mettono a discutere col medico.

Infermiere che lavorando MALE e di FRETTA lasciano non si sa come le siringhe di insulina nella scatola dei guanti nuovi, ma vabbé l’importante è far vedere ai parenti che la terapia è stata somministrata, sorrisetto e via.

Persone che appena uno lascia la stanza ne parlano male.

OSS che finché hanno bisogno di aiuto quasi implorano o sono anche scorbutici, ma quando di aiuto ne hai bisogno tu fanno orecchie da mercante.

O che, visto che lavorano da molti anni, pensano di saperne più di te, che ti sei fatto in quattro per la laurea mentre loro sono fermi ai vecchi metodi.

ESTICAZZI NO?

Io come potrei diventare padrone del mio lavoro?

Non ascoltano, vanno per la loro strada.

Dovrei fare quello che mi dici, e se qualcosa va storto però, il culo che salta è mio!

Dopo poco vengo lasciato a casa, per loro non sono abbastanza “smart”.

Ovvio, meglio lavorare nello sporco, con pazienti che cadono una volta a settimana per la fretta.

Medici che se ne fregano se un paziente cade dal letto la perché la notte va in agitazione e scavalca le spondine cadendo, se gli si mettono ulteriori contenzioni i parenti si lamentano.

Col risultato che il paziente viene imbottito di farmaci, è confuso e sonnolento tutto il giorno, ma la notte non dorme, non fa dormire gli altri pazienti e cade una settimana si e una no.

O che del tuo parere se ne fregano.

Potrei andare avanti per pagine intere, così come potrei descrivere delle ridicole “offerte di lavoro” in altre case di riposo nelle quali si è lasciati soli con SETTANTA pazienti, o che avremmo dovuto anche pulire per terra.

Ficcateci una scopa nel culo già che ci siete, no?

Turni in cui arrivi alla fine con la testa che pulsa e zero energia in corpo.

Concorsi pubblici per 2 posti in cui si presentano in migliaia.

Per cosa, per guadagnare meno di un metalmeccanico che tutte queste responsabilità non le ha?

Non c’è soddisfazione, la retribuzione non è assolutamente adeguata, siamo spremuti come limoni e la posizione non è riconosciuta come dovrebbe. Ci si portano a casa solo stress, stanchezza e frustrazione, e a volte anche odio verso i pazienti.

Questa è la professione nella maggior parte dei casi, anche ascoltando i racconti dei miei ex compagni di studi. Durante le mie esperienze mi sono sentito discriminato, ho lavorato male pur di adeguarmi ai ritmi di lavoro frenetici e senza sentirmi sicuro del mio operato, e senza sentirmi al sicuro io e senza che i pazienti fossero in effettiva sicurezza.

Perché, lavorando di fretta e male, non si può andare da nessuna parte.

E poi sinceramente, pulire culi fino al giorno in cui avrò bisogno che sia pulito anche il mio, non è il mio ideale di carriera.

L’infermiere è una professione stressante e usurante, con un carico di enorme responsabilità e lavoro, da effettuare in poco tempo e affidata a personale risicato nei numeri e spesso anche nei presidi.

Lasciamo stare, meglio cambiare del tutto professione e ricominciare da zero.

Ho capito che un ambiente di persone non coese nel perseguire il bene della categoria non è destinato a cambiare.

Beati voi illusi che questo è “il lavoro più bello del mondo”.

Pin It
Accedi per commentare


Avatar di Ognibene Franco
Ognibene Franco ha risposto alla discussione #1327 2 Mesi 3 Giorni fa
Cosa dire...
Il lavoro dell'infermiere è aperto a ventaglio in tantissime possibilità.
L'esperienza in realtà gestite male, può bruciare un infermiere che decide di cambiare rotta e fare un altra strada.