master online infermieri

Sentenze e leggi

L'infermiere è responsabile dell'assistenza erogata, l'attività infermieristica è sempre più complessa ed espone a rischi di errore, l'aumento della complessità assistenziale e la presenza di casi con comorbilità complesse espone l'infermiere a ricorsi da parte dei pazienti.

IL DL 8 aprile 2003, n. 66 è un attuazione delle direttive 93/104/CE e 2000/34/CE concernenti taluni aspetti dell'organizzazione dell'orario di lavoro. (GU n.87 del 14-4-2003 - Suppl. Ordinario n. 61 ).

L'articolo 5 riporta indicazioni e limiti del lavoro straordinario.

 

Innanzitutto Buon'Anno, ma cosa c'entra una legge per i giornalisti con gli infermieri?

La legge del 31 dicembre 233 titolata "equo compenso nel settore giornalistico" è l'ultimo atto di questo governo e dei nostri politici incapaci di vedere i problemi reali e di fare solo leggi di settore a favore di qualcuno, in questo caso i giornalisti.

La legge Bersani del 2007 ha vietato ad ordini e collegi di stabilire dei minimi, causando una gara al ribasso delle tariffe che per gli infermieri si aggirano a pochi euro/ora...

Come comportarsi quanto un ricoverato chiede informazioni sul suo stato di salute, esiste una normativa di riferimento che giustifica un comportamento corretto?

Si la normativa di riferimento è quella della privacy Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, nello specifico l'articolo 84.

Il caso è tratto dalla sentenza Cass. Pen. Sez. IV, Sent. 20 giugno 2011 n. 24573

Dopo un incidente stradale il ferito veniva trasportato in Ospedale e operato, durante i familiari hanno constatato la presenza di vomito e sudorazione e hanno chiesto l'intervento del medico rivolgendosi all'infermiere, che non ha provveduto... in seguito il paziente è deceduto ed ha un primo verdetto che coinvolgeva solo i medici dal ps agli ortopedici ed il GUP escludeva responsabilità degli infermieri perchè il fatto non sussiste... la cassazione nel 2011 ha ribaltato il verdetto.

La sentenza numero 72 del 2 settembre 2011 emessa dal tribunale di Orvieto ha sancito il diritto dei lavoratori turnisti in sanità al pagamento della vestizione, che è stata considerata come effettivo tempo di lavoro e, pertanto, da retribuire.

Il tempo necessario alla vestizione è stato calcolato da una commissione tecnica in 15 minuti.