In Arrivo perchè è uscito il bando sul BUR Lombardia, chi invia la domanda subito deve sapere che è nulla, la domanda per un concorso pubblico deve essere inviata nei 30 giorni che decorrono dalla data di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale. Il concorso prevede l'obbligo di permanenza per 5 anni.

Il bando sul BUR da alcune indicazioni utili, che la domanda non è online e quindi andranno fatte le relative autocertificazioni, ma che si può spedire con la propria PEC, spedire la domanda con la PEC di un amico è causa di esclusione dal concorso. Altre piccole notizie, la preselezione, le prove ecc..

Evidenzio in grassetto alcuni passaggi interessanti o le parole chiave del bando tratto dal BUR Lombardia:

Azienda Socio Sanitaria Territorilale  (ASST) della Valtellina e Alto Lario Indizione concorso pubblico, per titoli ed esami, per la copertura a tempo indeterminato di n. 40 (quaranta) posti di collaboratore professionale sanitario infermiere cat. D

In esecuzione dell’atto deliberativo n. 514 del 25 luglio 2017 è indetto il concorso pubblico, per titoli ed esami, per la copertura a tempo indeterminato di • n. 40 (quaranta) posti di Collaboratore Professionale Sanitario Infermiere - cat. D. Al posto è annesso il trattamento economico previsto dal vigente CCNL. Ai sensi di quanto previsto in materia di riserva di posti dal d.lgs. 15  marzo  2010, n.  66, e ss.mm.ii., in particolare ai sensi dell’art. 1014, commi 3 e 4, e dell’art. 678, comma 9, del medesimo decreto, il presente concorso prevede la riserva di n. 2 (due) posti a candidati idonei appartenenti ad una delle categorie di Volontari delle Forze Armate congedati senza demerito, nonché agli ufficiali in ferma biennale o prefissata.

Nel caso non vi siano Candidati idonei appartenenti all’anzidetta categoria, i posti saranno assegnati ad altri Candidati utilmente collocati in graduatoria. Sono garantite le eventuali riserve di posti ai sensi della legge 68/1999 nei limiti e secondo i criteri ivi previsti. Ai sensi del d.lgs. 165/2001, l’ASST della Valtellina e dell’Alto Lario garantisce pari opportunità e parità di trattamento tra uomini e donne nelle procedure di accesso e nello svolgimento dell’attività lavorativa.

Gli aspiranti devono essere in possesso dei seguenti requisiti generali e specifici di ammissione:

• Cittadinanza italiana, salve le equiparazioni stabilite dalle leggi vigenti, o cittadinanza di uno dei Paesi dell’Unione Europea.

Secondo quanto stabilito dall’art.  38, comma  1, del d.lgs. 165/2001, come modificato dall’art. 7 della legge 6 agosto 2013 n. 97, possono accedere all’avviso:

Familiari di cittadini degli stati membri dell’Unione Europea, non aventi la cittadinanza di uno stato membro, che siano titolari del diritto di soggiorno permanente;

oppure Cittadini di Paesi terzi all’Unione Europea che siano titolari del permesso di soggiorno CE per soggiorni di lungo periodo o che siano titolari dello status di «rifugiato» o di «protezione sussidiaria»;

Sono considerati familiari, secondo la Direttiva Comunitaria n. 2004/28/CE, il coniuge del migrante, i discendenti diretti di età inferiore a 21 anni a carico e quelli del coniuge, gli ascendenti diretti a carico e quelli del coniuge.

• Idoneità fisica all’impiego;

• Godimento dei diritti politici anche negli Stati di appartenenza o provenienza;

• Laurea Triennale in Infermieristica (classe L/SNT1) ovvero Diploma Universitario di Infermiere conseguito ai sensi dell’art. 6, comma 3, del d.lgs. 502/1992, e successive modificazioni ed integrazioni, ovvero i diplomi e attestati conseguiti in base al precedente ordinamento, riconosciuti equipollenti, ai sensi delle vigenti disposizioni, al diploma universitario ai fini dell’esercizio dell’attività professionale del profilo messo a concorso e dell’accesso ai pubblici uffici;

• Iscrizione all’Albo professionale.

I requisiti prescritti devono essere posseduti alla data di scadenza del termine stabilito nel Bando di Concorso per la presentazione della domanda di ammissione.

Non possono accedere agli impieghi coloro che siano stati esclusi dall’elettorato attivo, nonché coloro che siano stati dispensati dall’impiego presso una Pubblica Amministrazione, per aver conseguito l’impiego stesso mediante la produzione di documenti falsi o viziati da invalidità non sanabile.

Con la presente procedura concorsuale troverà applicazione apposita clausola contrattuale che stabilisce l’obbligo di permanenza presso l’ASST Valtellina e Alto Lario per un periodo non inferiore ai 5 anni.

Le istanze di partecipazione, redatte in carta semplice, devono pervenire all’Ufficio Protocollo dell’Azienda Socio Sanitaria Territoriale della Valtellina e dell’Alto Lario - Via Stelvio n.  25 - 23100 Sondrio -, pena esclusione, entro e non oltre le ore 16.00 del 30° giorno successivo a quello della data di pubblicazione dell’estratto del presente bando sulla Gazzetta Ufficiale e precisamente il giorno..........

Qualora detto giorno sia festivo, il termine è prorogato alla stessa ora del primo giorno successivo non festivo.


 

MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

• a mezzo del servizio postale.

Le domande si considerano prodotte in tempo utile se spedite a mezzo raccomandata, con avviso di ricevimento, entro il termine indicato. A tal fine fa fede il timbro e la data dell’ufficio postale accettante.

• direttamente, a cura e responsabilità dell’interessato, all’Ufficio Protocollo dell’ASST VAL - Via Stelvio n. 25 - 23100 Sondrio - (dal lunedì al venerdì dalle ore 8:30 alle ore 16:30).

• tramite utilizzo della posta elettronica certificata (PEC) personale del candidato, entro il termine di scadenza del bando, al seguente indirizzo di posta elettronica certificata protocollo@pec.asst-val.it. La domanda con i relativi allegati deve essere inviata in un unico file formato PDF, unitamente a fotocopia (fronte/retro) di un documento di identità personale in corso di validità. Si precisa che la validità di tale invio, così come stabilito dalla normativa vigente, è subordinata all’utilizzo da parte del candidato di posta elettronica certificata personale.Non sarà, pertanto, ritenuto valido l’invio da casella di posta elettronica semplice/ordinaria, anche se indirizzata all’indirizzo di posta elettronica certificata sopra indicato.

L’Amministrazione declina, fin d’ora, ogni responsabilità per dispersione di comunicazioni dipendenti da inesatte indicazioni del recapito da parte del candidato e/o da mancata oppure tardiva comunicazione del cambiamento di indirizzo indicato nella domanda e/o per eventuali disguidi postali o telegrafici non imputabili all’Amministrazione stessa.

Alla domanda dovrà essere allegata (pena esclusione) ricevuta di versamento dell’importo di Euro 10,00 - non rimborsabile - effettuato, in alternativa: − sul conto corrente postale n. 6213, intestato all’Azienda Socio Sanitaria Territoriale della Valtellina e Alto Lario − sul conto corrente bancario presso la Tesoreria della ASST della Valtellina e dell’Alto Lario - Banca Popolare - Sede di Sondrio - codice IBAN: IT21P0569611000000003321X23.

Nella domanda l’aspirante, sotto la propria responsabilità e consapevole delle sanzioni penali previste dall’art. 76 del d.p.r. 28 dicembre 2000, n. 445 per il caso di dichiarazione mendace e falsità in atti, deve dichiarare:

• la data, il luogo di nascita, la residenza ed il codice fiscale;

• il possesso della cittadinanza italiana, ovvero della cittadinanza di uno degli Stati membri dell’Unione Europea;

• il comune di iscrizione nelle liste elettorali e/o i motivi della non iscrizione o cancellazione dalle liste medesime e/o, per i cittadini di Stati Membri dell’Unione Europea, dichiarazione di godimento dei diritti civili e politici nello Stato di appartenenza;

• le eventuali condanne penali riportate ed i procedimenti penali in corso;

• di essere in possesso del requisito specifico di ammissione;

• i titoli di studio posseduti;

• la posizione nei riguardi degli obblighi militari;

• i servizi prestati presso pubbliche amministrazioni e le cause di risoluzione dei precedenti rapporti di pubblico impiego;

• il domicilio presso il quale deve, ad ogni effetto, essere fatta ogni necessaria comunicazione inerente il presente bando ed il recapito telefonico. In caso di mancata indicazione vale ad ogni effetto la residenza di cui al punto a)

. • di essere titolare di un eventuale certificato di invalidità con percentuale uguale o superiore all’80%, con relativa validità.

Il candidato dovrà allegare alla domanda di partecipazione idonea attestazione.

I candidati sono tenuti tassativamente, pena esclusione dalla procedura, ad utilizzare il modello di istanza di partecipazione allegato al presente bando. La mancata sottoscrizione dell’istanza di partecipazione comporterà l’esclusione dal concorso.


DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLA DOMANDA DI AMMISSIONE

Ai sensi del «Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa» di cui al d.p.r. 28 dicembre 2000, n. 445, così come modificato dall’art. 15, comma 1, della l. 12 novembre 2011 n. 183, dal 1 gennaio 2012 le Pubbliche Amministrazioni non possono più ricevere certificati rilasciati da altre Pubbliche Amministrazioni in ordine a stati, qualità personali e fatti.

Tali certificazioni devono essere sempre sostituite dalle dichiarazioni sostitutive di certificazione o di atto di notorietà. Il candidato, tenuto conto di quanto sopra precisato, dovrà in allegato alla domanda documentare o autocertificare ai sensi di legge:

• possesso dei requisiti specifici di ammissione;

• titoli (carriera, accademici e di studio) che ritiene rilevanti agli effetti della valutazione di merito;

• eventuali pubblicazioni edite a stampa;

• curriculum in formato europeo;

• elenco analitico e leggibile, in carta semplice, dei documenti presentati;

• ricevuta tassa di concorso;

• certificato di invalidità con percentuale uguale o superiore all’80%.

I candidati che ritengono di poter beneficare dell’applicazione di Leggi speciali, devono indicare la Legge di riferimento, le prove, i supporti tecnici ed eventuali tempi aggiuntivi necessari per lo svolgimento delle prove inerenti il profilo messo a concorso.Il numero dei posti complessivi non potrà comunque superare il 30% dei posti messi a concorso.

In caso di accertamento di indicazioni non rispondenti a veridicità, ai sensi dell’art. 75 del d.p.r. 28 dicembre 2000, n. 445, il dichiarante decade dai benefici eventualmente conseguenti al provvedimento emanato sulla base delle dichiarazioni non veritiere.

Le dichiarazioni sostitutive e le autocertificazioni verranno accettate solo se redatte con specifica indicazione dei riferimenti di legge e dell’assunzione di responsabilità delle dichiarazioni rese.

Nell’elenco degli attestati relativi a corsi, convegni, congressi ecc. dovrà essere specificato titolo, data, durata e luogo di svolgimento.

Le pubblicazioni devono essere edite a stampa. Ai sensi della legge 23 agosto 1988, n. 370, la domanda di ammissione al concorso pubblico ed i relativi documenti non sono soggetti ad imposta di bollo.

Non è ammessa la produzione di documenti, pubblicazioni e titoli vari dopo la scadenza del termine utile per la presentazione delle domande di ammissione. Si precisa che, in relazione alla documentazione da allegare alla domanda di partecipazione al presente concorso, non sarà possibile fare riferimento a documentazione già presentata a questa Azienda in occasione di precedenti Avvisi o Concorsi.


 

PROVA PRESELETTIVA

Ai sensi dell’art. 3, comma 4, del d.p.r. n. 220/2001, al fine di garantire una gestione efficiente del concorso, l’Azienda Socio Sanitaria della Valtellina e dell’Alto Lario si riserva la facoltà, in caso di numero elevato di istanze di partecipazione, di effettuare una Prova Preselettiva, che non è prova concorsuale, e che consisterà in una prova, da sostenere per iscritto, basata su una serie di domande a risposta multipla sulle materie inerenti il profilo a concorso.

L’accertamento dei requisiti di ammissione previsti dal bando sarà effettuato successivamente e solo per coloro che avranno superato con esito positivo la prova preselettiva.

Il mancato possesso dei requisiti di ammissione comporterà, comunque, l’esclusione dal concorso.

Il giorno, l’ora di svolgimento della preselezione e l’elenco dei candidati saranno pubblicati esclusivamente sul sito internet aziendale www.asst-val.it . - albo on-line - concorsi e avvisi - concorsi a tempo indeterminato almeno quindici giorni prima dell’espletamento della stessa; pertanto ai candidati non verrà inviata alcuna comunicazione individuale di invito a sostenere la preselezione.

Saranno ammessi alla prova preselettiva tutti i candidati la cui domanda di partecipazione al concorso è pervenuta o è stata spedita entro i termini previsti dal bando.

Ai sensi dell’art. 20, comma 2 bis, della l. 104/1992, la persona affetta da invalidità uguale o superiore all’80% non è tenuta a sostenere la prova preselettiva eventualmente prevista.

I candidati appartenenti a tale categoria, accertati i requisiti generali e specifici di ammissione al concorso, saranno direttamente ammessi alla prova scritta.

I medesimi candidati dovranno allegare alla domanda di partecipazione idonea documentazione, attestante il possesso di una invalidità uguale o superiore all’80%. Per essere ammessi nei locali in cui si terrà la prova preselettiva, i candidati dovranno essere muniti di un valido documento di riconoscimento. La mancata presenza alla prova preselettiva, per qualsiasi motivo, sarà considerata come rinuncia alla partecipazione al Concorso. Dopo aver accertato il possesso dei requisiti di ammissione alla procedura concorsuale, relativamente ai candidati che avranno superato con esito positivo la prova preselettiva, l’ASST VAL provvederà a comunicare ai candidati il diario delle prove concorsuali, nonché la sede di espletamento delle stesse.

In caso di effettuazione della prova preselettiva, verranno ammessi alla procedura concorsuale i primi 1.100 (millecento) candidati classificati, oltre gli ex - aequo in tale ultima posizione.

 

Il punteggio conseguito alla Prova Preselettiva non influirà sul totale del punteggio attribuito nella valutazione delle prove concorsuali.

L’ASST della Valtellina e dell’Alto Lario si riserva comunque, a suo insindacabile giudizio, la facoltà, qualora il numero di candidati fosse tale da consentirlo, di non effettuare la prova preselettiva.


PROVE D’ESAME

La procedura concorsuale è disciplinata dalle disposizioni del d.p.r. 27 marzo 2001 n. 220. Le prove d’esame sono quelle previste dall’art. 43 del d.p.r. 27 marzo 2001 n. 220 e precisamente:

a.PROVA SCRITTA:

vertente su argomento scelto dalla commissione attinente alla materia oggetto del concorso, mediante lo svolgimento di tema o questionari a risposta multipla o sintetica;

b. PROVA PRATICA:

vertente nell’esecuzione e/o illustrazione di tecniche specifiche relative alla materia oggetto del concorso;

c. PROVA ORALE:

vertente su argomenti attinenti la materia oggetto del Concorso, nonché su elementi di informatica e sulla verifica della conoscenza, almeno a livello iniziale, di una lingua straniera a scelta fra Inglese, Francese, Tedesco o Spagnolo, da specificarsi nella domanda di partecipazione.

Qualora il candidato non indicasse la lingua prescelta, sarà sottoposto dalla Commissione Esaminatrice alla verifica della conoscenza, almeno a livello iniziale, della lingua inglese.

VALUTAZIONE DELLE PROVE D’ESAME (art. 14 del d.p.r. 220/2001)

Il superamento della prova scritta è subordinato al raggiungimento di una valutazione di sufficienza, espressa in termini numerici, di almeno 21/30. Il superamento della prova pratica e della prova orale è subordinato al raggiungimento di una valutazione di sufficienza, espressa in termini numerici, per ogni singola prova, di almeno 14/20.

La Commissione Esaminatrice, ai sensi dell’art. 9, comma 3, del predetto d.p.r., alla prima riunione, stabilisce i criteri e le modalità di valutazione, da formulare nei relativi verbali, delle prove concorsuali al fine di assegnare i punteggi attribuiti alle singole prove.

La Commissione Esaminatrice dispone, complessivamente, di 100 punti così ripartiti (art. 8 del d.p.r. 220/2001):

a. 30 punti per i titoli;

b. 70 punti per le prove d’esame.

I punti per le prove d’esame sono così ripartiti:

− 30 punti per la prova scritta;

− 20 punti per la prova pratica;

− 20 punti per la prova orale.

I punti per la valutazione dei titoli sono così ripartiti:

• titoli di carriera: max 15 punti;

• titoli accademici e di studio: max 3 punti;

• pubblicazioni scientifiche e titoli scientifici: max 2 punti;

• curriculum formativo e professionale: max 10 punti.

Per la valutazione della carriera, delle pubblicazioni, dei titoli scientifici e del curriculum formativo e professionale si applicano i criteri previsti dall’art. 11 del d.p.r. 220/2001.

La Commissione Esaminatrice sarà nominata ai sensi dell’articolo 44 d.p.r. 220/2001.

La data e la sede delle prove concorsuali saranno pubblicate sul sito Aziendale www.asst-val.it  - Albo online - concorsi e avvisi - concorsi a tempo indeterminato e sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana non meno di 15 giorni prima dell’effettuazione della prova scritta e non meno di 20 giorni prima della date fissate per le prove pratica e orale.

Ai candidati non verrà, pertanto, inviata alcuna comunicazione individuale di invito a sostenere le prove concorsuali.

La graduatoria di merito dei candidati è formata secondo l’ordine del punteggio complessivo riportato da ciascun candidato, con l’osservanza, a parità di punti, delle preferenze previste dall’art. 5 del d.p.r. 9 maggio 1994 n. 487 e successive modificazioni.

Soddisfatta la suddetta condizione, a parità di punteggio verrà preferito il candidato più giovane di età, ai sensi dell’art. 2 c. 9 della legge 20 giugno 1998 n. 191. I vincitori dovranno presentare, pena decadenza dalla nomina, entro 30 giorni dalla data di entrata in servizio, tutte le certificazioni richieste, secondo quanto previsto dal CCNL.

L’Amministrazione si riserva la facoltà, a proprio insindacabile giudizio, di prorogare, sospendere, modificare, annullare o revocare il presente bando. Ai sensi dell’art. 13 del d.lgs. n. 196/2003, i dati personali forniti dai candidati saranno utilizzati per l’espletamento del presente bando e, successivamente, all’eventuale instaurazione del rapporto di lavoro, nonché alla gestione del medesimo. Il presente bando sarà pubblicato, per intero, nel Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia e, per estratto, nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana (art. 3 comma 7 d.p.r. n. 220/2001).

Ai sensi dell’art. 18 c. 6 del d.p.r. n. 220/2001 la graduatoria finale del concorso sarà pubblicata sul Bollettino Ufficiale di Regione Lombardia e sul sito aziendale www.asst-val.it - albo on line - concorsi e avvisi - graduatorie concorsi e avvisi.

Per eventuali informazioni rivolgersi alla U.O.C. Risorse Umane - Via Stelvio n. 25 - 23100 Sondrio (SO) - Tel. 0342/521083 - Ufficio Concorsi dalle ore 09:00 alle ore 12:00 - dal lunedì al venerdì. Sondrio,

Il direttore u.o.c. risorse umane Emanuela Tanzi

 

Il concorso è in una fase amministrativa e non è ancora possibile inviare la domanda, sarebbe nulla, è necessario attendere la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, la pagina web Concorsi e avvisi (LINK) adesso non c'è nulla, però è un collegamento da salvare nei preferiti.

Accedi per commentare