Infermieri idee regalo

LG, procedure e protocolli-infermieri

Le procedure, linee guida, protocolli ecc.. sono messi online dai rispettivi autori, trovati li ho riposizionati in categorie facilmente accessibili.

Ultime sezioni inserite:

Concorsi i Test (0/40)

Sentenze Normative Contratti (0/5)

ICA (0/10)


Tutte le sezioni(320)

Accreditamento (17)

Area Critica (18)

Area Chirurgica (11)

Area Medica (16)

Area Oncologica (11)

Documentazione infermieristica (5)

Ebola (12)

Gestione Accessi Vascolari (19)

Gestione del cateterismo vescicale (13)

Gestione del Dolore (6)

Gestione dell'Ossigenoterapia (4)

Gestione della tracheostomia (9)

Gestione Dializzato (11)

Gestione Emotrasfusione (13) 

Gestione Lesioni da pressione (32) UPDATE

Informazioni sulla salute (5)

Libri storici di infermieristica (6)

Linee guida, procedure, protocolli (26)

Tesi infermieristiche (11)

Racc. Ministero Salute (18)

Racc. Regionali (7)


 

logo ER sitoIl punto di riferimento per l'accreditamento in Emilia-Romagna è il sito dell'Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale (ASSR).

L'accreditamento in reparto comporta un lavoro aggiuntivo di redazione di procedure e istruzioni operative, un lavoro reso più semplice dal materiale che la dott.ssa Renata Cinotti e il suo staff hanno messo online nel sito della Regione nel corso degli ultimi 20 anni.

Il processo di accreditamento è un percorso orientato al miglioramento continuo, richiede tempo, risorse e volontà, che ha come effetto di documentare la reale attività svolta in reparto per arrivare al miglior prodotto "salute" che si può erogare.

La realizzazione di procedure e protocolli, in molte realtà italiane e dell'E-R, è realizzata d'ufficio senza coinvolgere il personale sanitario del reparto, questo comporta poi una minor applicazione ed efficacia delle stesse.

L'effetto immediato della logica del processo di accreditamento è di trasformare una realtà sanitaria da artigianale ad aziendale, trasformare un infermiere da un mero esecutore di compiti e attività a richiesta ad un professionista autonomo capace di agire, progettando il proprio lavoro a lungo termine, di fermarsi se ha dei dubbi o di proporre idee nuove.

Il processo di accreditamento può essere anche l'occasione per eliminare modi di fare e attività obsolete, questo è possibile perchè analizzando le reali attività svolte è possibilie adattarle con le raccomandazioni delle linee guida di revisioni sistematiche e analisi da studi EBN, valutandone poi l'effettiva messa in pratica ed efficacia.

La realizzazione di una procedura nel processo di accreditamento NON è un copia incolla di altre procedure online o peggio dichiariamo che lo standard è del 100% come se fossimo macchine, mentre sappiamo che il lavoro può presentare degli imprevisti e/o errori.

Mi spiego, se ci sono procedure, protocolli o istruzioni operative, si presume che un infermiere potrebbe leggerle e saper arrivare a realizzare il lavoro che il collega  faceva prima di lui, ma non è sempre così. Durante la stesura delle procedure stesse, potrebbero essere identificate delle attività complesse per cui si rende necessario un periodo di formazione specifico, oppure, se è richiesta una buona manualità, dovrebbe essere previsto un periodo di affiancamento mirato.

L'ospedale è un ambiente complesso e sostituire un infermiere inserito da anni con un altro non è semplice e sicuramente non si fa con dei fogli.

Il processo di accreditamento cerca di creare documenti autoesplicativi attraverso la rielaborazione del lavoro quotidiano, consente anche di comprendere i costi e di capire dove agire per il miglioramento da un punto di vista dell'efficienza lavorativa e di conseguenza anche economico.

L'approvazione di una procedura, la presentazione formale e la definizione di un periodo di validità dopo il quale sarà revisionata, non è la fine del processo e si deve attendere solo la data della revisione. Il processo prosegue con la verifica dei risultati e degli standard dichiarati, quindi l'aggiornamento della procedura prima del periodo stabilito, se i risultati non sono quelli previsti o se intervengono nuove tecnologie e nuove conoscenze.

Tutti quegli scritti essenzialmente sono l'organizzazione del nostro agire e del nostro sapere, per arrivare ad erogare la migliore prestazione sanitaria possibile con le risorse a nostra disposizione.

L'argomento accreditamento è corredato da un'elaborazione concettuale teorica molto sviluppata che si è diffusa in tutta Italia, applicata dalle regioni traendo spunto dal modello ISO e gestito anche da figure con professionalità diverse da quelle sanitarie.

In E-R l'area Accreditamento e Qualità di cui la responsabile del suo sviluppo e divulgazione è la dott.sa Renata Cinotti, ha pubblicato online una serie di documenti che letti in progressione consentono di avere una panoramica dettagliata del processo.

Spesso ci viene detto di scrivere una procedura o un protocollo, lo facciamo e poi dove finirà?

Dipende da quanto l'azienda sanitaria in cui si lavora crede nel processo di accreditamento come occasione di crescita e sviluppo del team multiprofessionale di lavoro. La stessa procedura consente di rilevare e gestire le eccezioni (case report) o rilevare tempestivamente gli errori e correggerli, risorse importanti per la crescita professionale e la possibilità di presentazione dei dati a congressi e convegni.

In alternativa in un contesto dove si ha la realizzazione di procedure copia incolla, si ha un processo di accreditamento "fake" che porta direttamente la procedura in uno scaffale o in una cartella di PC se è un file. 

 Il processo di accreditamento istituzionale della sanità è in continua evoluzione ed oggetto di applicazione di nuovi modelli come ad esempio il Lean Halth Care Management è realizzato dall'AOU di Siena,  non è una gara fra chi crea il modello migliore, ma un processo di crescita continua.

 

L'elenco dei documenti e sussidi della regione Emilia-Romagna:

Dossier

  • Dossier n. 165/2008
    L’accreditamento istituzionale in Emilia-Romagna. Studio pilota sull’impatto del processo di accreditamento presso l’Azienda USL di Ferrara.
  • Dossier n. 97/2004
    Il sistema qualità per l'accreditamento istituzionale in Emilia-Romagna. Sussidi per l'autovalutazione e l'accreditamento.  

 

Sussidi

  • Sussidio n. 1
    Un metodo per l’autovalutazione nella Unità Operativa.

    maggio 1998 - revisione marzo 2004
  • Sussidio n. 2
    Procedure in materia di Autorizzazione e Accreditamento. ottobre 1998 - revisione aprile 2004
  • Sussidio n. 3
    La documentazione dei processi attraverso procedure. 
    novembre 1998
  • Sussidio n. 4
    Lo standard di prodotto

    dicembre 1998 - revisione settembre 2001
  • Sussidio n. 5
    Pesi, misure, soglie nel processo di accreditamento.
    agosto 2000
  • Sussidio n. 6
    Progettare, realizzare, verificare un audit clinico.

    settembre 2000
  • Sussidio n. 7 
    sostituito da "La rilevazione della qualità percepita nei servizi di degenza" 
    gennaio 2009
  • Sussidio n. 8
    Piccola guida alla progettazione.

    settembre 2001
  • Sussidio n. 9
    Guida alla stesura di un "Manuale per l'accreditamento del Dipartimento/Struttura Privata".

    giugno 2004

 

Quaderni Qualità

 

 Tratto dalla pagina web della RegioneEmilia-Romagna (LINK)

Consigliato:

Il documento dal titolo Glossario della qualità e dell'accreditamento tratto dalla pagina web (LINK), la presenza di un glossario consente di mantenere il significato delle parole anche davanti al fattore tempo, che comporta un cambiamento delle tecnologie e alla fine anche un cambiamento di significato.

L'Area Downloads,  c'è una sezione Accreditamento (LINK) con diversi documenti regionali che ci aiutano nella comprensione come l'implementazione a livello nazionale sia un processo in evoluzione.

Libri sull'argomento se ne trovano pochi, su Amazon cercando "Autorizzazione Accreditamento".

Gli altri articoli sull'accreditamento ospedaliero clicca sul tag accreditamento

 

 

Accedi per commentare