Sondaggio:

Il sondaggio tecniche infermieristiche da non fare è dedicato a chi lavora bene e vede altro.

Sondaggio

LG, procedure e protocolli-infermieri

Le procedure, linee guida, protocolli ecc.. sono messi online dai rispettivi autori, trovati li ho riposizionati in categorie facilmente accessibili.

Ultime sezioni inserite:

Concorsi i Test (0/40)

Sentenze Normative Contratti (0/5)

ICA (0/10)


Tutte le sezioni(320)

Accreditamento (17)

Area Critica (18)

Area Chirurgica (11)

Area Medica (16)

Area Oncologica (11)

Documentazione infermieristica (5)

Ebola (12)

Gestione Accessi Vascolari (19)

Gestione del cateterismo vescicale (13)

Gestione del Dolore (6)

Gestione dell'Ossigenoterapia (4)

Gestione della tracheostomia (9)

Gestione Dializzato (11)

Gestione Emotrasfusione (13) UPDATE

Gestione Lesioni da pressione (34)

Informazioni sulla salute (5)

Libri storici di infermieristica (6)

Linee guida, procedure, protocolli (26)

Tesi infermieristiche (11)

Racc. Ministero Salute (18)

Racc. Regionali (7)


 

L’interpretazione automatica dell’elettrocardiograma nella fase pre-ospedaliera non è sempre affidabile per la diagnosi di STEMI. L’ECG eseguito in emergenza dal 118 è molto importante per abbreviare il tempo “door-to-balloon”. In un numero non indifferente dei casi l’analisi viene eseguita esclusivamente in modo automatico dall’apparecchio ECG ...

 

 

In uno studio pubblicato il 15 ottobre 2012 è stata valutata l'analisi eseguita in automatico, secondo degli algoritmi contenuti nel software di interpretazione elettrocardiografica, analisi che è rilevante per il management del paziente che può prendere una strada o un’altra, a seconda della diagnosi elettrocardiografica.

Per valutare l’affidabilità di tali valutazioni è stato eseguito un piccolo studio su 100 pazienti sottoposti immediatamente a coronarografia in base alla diagnosi di STEMI ed altri 100 pazienti di controllo.

La diagnosi pre-ospedaliera è stata di STEMI in 58 pazienti ed in nessuno del gruppo di controllo.

Nei 42 pazienti con STEMI ma “mancati” dall’elettrocardiografo, la risposta è stata “la qualità dell’tracciato non permette l’interpretazione” in 50% dei casi, “ECG anomalo” in 39%, “anomalie ECG borderline” nel 7% e “ECG normale” in 5% dei casi.

Anche se lo studio è su un numero ristretto di pazienti ed è stato eseguito in base all’interpretazione automatica di un solo tipo di elettrocardiografo ci fa però riflettere sul fatto che una percentuale non indifferente di pazienti con STEMI possono non avere immediatamente la giusta diagnosi elettrocardiografica e quindi, rischiano di non imboccare la più breve strada verso la più vicina sala di emodinamica.

Lo studio conclude che sapere riconoscere STEMI sull’ECG rimane la modalità più sicura per arrivare alla giusta diagnosi.

 

 

Bibliografia:

Bhalla MC et al. Prehospital electrocardiographic computer identification of ST-segment elevation myocardial infarction. Prehosp Emerg Care 2012 Oct 15 LINK

Ti può interessare anche STEMI, Link

 

 

Dott. Vladimir Guluta

http://www.guluta.it/

cardiologo presso Maria Cecilia Hospital

Cotignola (RA)

Accedi per commentare