Infermieri idee regalo

× Benvenuti sul nostro forum

In breve chi sei, cosa ti piace e perché sei diventato un membro di questo forum.
Diamo il benvenuto a tutti i nuovi iscritti e speriamo di vederti in giro!

New entry poco new

  • DebbiePi
  • Avatar di DebbiePi Autore della discussione
  • Offline
  • Fresh Boarder
  • Fresh Boarder
Di più
2 Mesi 2 Settimane fa #1341 da DebbiePi
New entry poco new è stato creato da DebbiePi
Ciao a tutti.
Ho iniziato il mio percorso nel (lontano) 2010 e mi sono laureata nel (lontano) 2013.
Per 5 anni circa ho lavorato prevalentemente presso strutture private e mi sono "specializzata" nel settore psichiatrico.
A novembre 2017 ho deciso di partecipare ad un avviso pubblico e a metà settembre 2018 ho cominciato a lavorare all'interno dell'Ospedale.

I primi anni avevo poco interesse a lavorare presso gli Ospedali, mi premeva principalmente guadagnare la mia agognata indipendenza economica.
Ho partecipato a qualche concorso al Nord, con scarso interesse poichè mi sono trasferita al Centro.

Insomma...da poche settimane ho cominciato a lavorare presso il reparto di Rianimazione.
Ovviamente NON ho scelto io la destinazione ma mi sono detta "perchè no, proviamo!".
Devo dire che sono stata catapultata in una realtà assolutamente diversa da quella a cui sono abituata e ammetto, sto riscontrando notevoli difficoltà.
Sono affiancata ad un tutor molto bravo e preparato e le cose da fare e da sapere sono pressoché infinite.
Ho un quaderno dove mi segno le cose nuove che non so, le diluizioni dei farmaci, i dispositivi e quando sono di riposo me le riguardo tutte.

Ogni volta mi ripeto "è tosta, ma ce la farò" ma il mio entusiasmo è stato smorzato quando la Coordinatrice durante il primo colloquio mi disse "5 anni lontano dall'Ospedale cominciano ad essere parecchi".
Quello che vi chiedo è se avete testi, libri, siti, articoli particolari sui quali informarmi maggiormente e che mi diano almeno una buona preparazione di base.
Vi ringrazio e saluti.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
2 Mesi 2 Settimane fa #1345 da Ognibene Franco
Risposta da Ognibene Franco al topic New entry poco new
Ciao
Il fatto che prendi appunti e ti aggiorni è il primo passo per riuscire.
Puoi provare a considerare anche l'organizzazione delle attività che, al di là delle teoriche infermieristiche, ha sempre un organizzazione generale, poi un organizzazione specifica per il singolo caso.
Questo ti consente di calcolare i tempi che hai a disposizione per lavorare.
Potresti anche cercare di avere un atteggiamento "proattivo", nel senso che di solito si è reattivi, c'è un evento e agisci, suona un campanello e vai ed è una flebo, oppure metti una flebo e sai che dopo 20 minuti devi passare a toglierla, vai la togli (non suona il campanello e l'ambiente è più tranquillo) e chiedi al paziente se ha male nausea ecc. cerchi di agire prima che gli eventi compaiano.

In area critica l'assistenza è più fine perchè la rilevazione dei parametri è più tecnologica con misurazioni cruente.

Puoi vedere i corsi sul sito www.aniarti.it/ i corsi e i congressi, loro sono il top.

Infermieri-Attivi
idee in movimento per la professione, online dal 2005

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • DebbiePi
  • Avatar di DebbiePi Autore della discussione
  • Offline
  • Fresh Boarder
  • Fresh Boarder
Di più
2 Mesi 1 Settimana fa #1350 da DebbiePi
Risposta da DebbiePi al topic New entry poco new

Ognibene Franco ha scritto: Ciao

Potresti anche cercare di avere un atteggiamento "proattivo", nel senso che di solito si è reattivi, c'è un evento e agisci, suona un campanello e vai ed è una flebo, oppure metti una flebo e sai che dopo 20 minuti devi passare a toglierla, vai la togli (non suona il campanello e l'ambiente è più tranquillo) e chiedi al paziente se ha male nausea ecc. cerchi di agire prima che gli eventi compaiano.

In area critica l'assistenza è più fine perchè la rilevazione dei parametri è più tecnologica con misurazioni cruente.

Puoi vedere i corsi sul sito www.aniarti.it/ i corsi e i congressi, loro sono il top.


Ti ringrazio per i suggerimenti.
Senz'altro l'atteggiamento pro-attivo è utile e permette di rimanere vigili e di essere attivi.
Come dici tu il monitoraggio dei parametri è più...tecnologico e,aggiungo io, continuo e costante. I monitor aiutano perchè se sei in una situazione di "pericolo" suonano e catturano la tua attenzione.
Ripeto, non è semplice: molte situazioni ti aiutano (vedi i monitor) altre ti scoraggiano perchè davvero, a volte mi capita di non sapere dove mettere le mani.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.156 secondi