La prova scritta e pratica che è uscita al concorso di Bari ha avuto i risultati migliori in assoluto fra tutti i concorsi italiani, il 99% dei partecipanti alla prova scritta è stato ammesso alla prova orale.

Alla prova orale purtroppo il 20-30% dei partecipanti ha ceduto alla stanchezza e non sono arrivati ai fatidici 14/20..

Non serve sapere quale combinazione di domande sia uscita, i risultati parlano chiaro sono 1882 gli ammessi alla prova scritta e di questi in 1865 sono andati alla prova pratica.

Purtroppo in 17 colleghi non ce l'hanno fatto a superare la prova scritta.

Quiz che erano noti prima, presi da una lista di 500 con tre possibili soluzioni, tenendo presente che chi prepara i concorsi si esercita su 3000-4000 con 4-5 soluzioni, per chi prepara i concorsi da anni è stata una passeggiata.

 

La seconda prova a occhio ha visto un 20-30% di non ammessi alla prova orale, questo probabilmente per la stanchezza, in tanti hanno fatto un 12 quando il minimo per essere ammessi all'orale è un 14.

Può sembrare crudele, ma le prove di selezione devono scremare, altrimenti sono inutili e chi è arrivato prima si tiene il posto e chi anche se meritevole è arrivato dopo resta a piedi.

Quando in un concorso viene descritto un numero di posti alto, spesso è perchè hanno fatto i conti per bene, la normativa attuale per indire un concorso ha 3 semplici regole:

-fare una mobilità,

-fare un concorso per i posti riservati,

-utilizzare le graduatorie preesistenti.

L'ultima regola fa si che le aziende sanitarie pugliesi dovrebbero utilizzare la graduatoria di Bari entro i prossimi anni.

 

Per l'orale non bisogna mollare, non è ancora finita è un altra prova, devi riflettere su:

quanto tempo c'è a disposizione,

domande, di solito sono 3, informatica, inglese e infermieristica,

infermieristica è decisiva, rispondere pensando a cosa viene chiesto e concludere, non pensare di raccontare tutto il Brunner o simili, alla fine sono 15 minuti.

Altre idee e suggerimenti nella sezione prepararsi per un concorso.

 

 

 

 

 

Accedi per commentare